Home Auto MeV, la piccola inglese dal piccolo prezzo

MeV, la piccola inglese dal piccolo prezzo

0
CONDIVIDI
La BeeAnywhere, citycar elettrica dell'inglese MeV.

MeV, un’altra new-entry nel mondo dell’auto elettrica. L’azienda è di Manchester e si accinge a lanciare una citycar dal prezzo accessibile, la BeeAnywhere (letteralmente “L’ape ovunque”).

Mev Anywhere, due posti, solo quel che serve per la città

MeV
La MeV BeeAnywhere vista da dietro, col portellone. Due i posti

Lo sviluppo, tra design, progetto e costruzione dei primi prototipi, è durato due anni. Con un’idea ben chiara in testa, come ha spiegato il presidente di MeV, Anthony Keating, a Newmobility.global (qui l’articolo) “La mobilità a emissioni zero non dovrebbe essere limitata solo a chi può permettersi di pagare un prezzo più alto. La BeeAnywhere rende accessibili i veicoli elettrici, stimolando l’adozione di massa. E dà la potenzialità di sostituire milioni di vecchia auto inquinanti, soprattutto se sostenuto da incentivi alla rottamazione“.

MeVGià, ma come abbattere i costi di un’auto elettrica? MeV (qui il sito web) ha combinato il know-how del National Centre for Motorsport Engineering dell’Università di Bolton con la tecnologia nei compositi avanzati del Graphene Engineering and Innovation Centre dell’Università di Manchester. Risultato: un telaio e un corpo-vettura assemblato con un numero di pezzi contenutissimo, per ridurre il costo di base.

L’ideale per un uso in sharing

MeV
La BeeAnywhere nasce per essere gestita via app in tutta una serie di funzioni.

Secondo Keating questo è il vantaggio di chi parte da un foglio bianco. Invece di limitarsi a mettere un cuore elettrico in vetture nate e pensate per l’endotermico, come fanno molti costruttori tradizionali.. La BeeAnywhere è stata concepita come una due-posti per la città, gestibile via smartphone con una app dedicata. E con le prestazioni e il comfort che l’uso in città richiedono, niente di più e niente di meno. L’ideale per un uso in sharing, sempre più diffuso anche nelle metropoli europee. Visto così, assomiglia molto alla Uniti One, la piccola citycar sviluppata da una start-up svedese e già in fase di prenotazione .Come si diceva, la BeeAnywhere è in pre-produzione: la presentazione ufficiale avverrà probabilmente alla Conferenza Mondiale sul Clima dell’Onu, la COP 26, che si terrà a Glasgow in novembre. Allora avremo le specifiche tecniche. E soprattutto sapremo se i buoni propositi sul prezzo sono diventati realtà.

 

 

 

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome