Home Tecnologia & Industria Batterie, nel mirino c’è già quota 500 chilometri/2 La ricerca

Batterie, nel mirino c’è già quota 500 chilometri/2 La ricerca

2
CONDIVIDI

TORNA A:  Batterie, nel mirino c’è già quota 500 chilometri

Metti un giorno a Ferrara

Tutto ciò che realisticamente ci possiamo attendere è un progresso incrementale delle prestazioni. Raddoppiarle è possibile; succederà nel giro di due o tre anni, forse prima. Triplicarle è un obiettivo realizzabile in prospettiva 5-6 anni: l’idea di come fare c’è già, e già si sperimentano i primi prototipi nei laboratori di tutto il mondo.

Uno di questi è a Ferrara, al Dipartimento di Scienze Chimiche e Farmaceutiche dell’ateneo estense, l’Unife, dove è approdato Jusef Hassoun, un giovane professore italo-siriano già titolare di 15 brevetti, cresciuto come ricercatore alla Sapienza di Roma alla scuola di Bruno Scrosati, considerato il guru italiano delle batterie e uno dei chimici più citati al mondo.

Il professor Jusef Hassoun

Assieme a lui, Jusef ha collaborato con l’Istituto Italiano di Tecnologia (iit) di Genova per mettere a punto batterie con elettrodi rivestiti di grafene, anziché in grafite, una delle innovazioni “incrementali” che da qui al 2020 potrebbero permettere alle auto elettriche di nuova generazione di raggiungere e superare i 400 chilometri di autonomia a parità di peso e con tempi di ricarica attorno ai 30 minuti.

Il passo successivo, come vedremo, sarà la sostituzione quasi completa dei materiali sia per gli elettrodi sia per l’elettrolita; con il risultato, sempre a parità di peso e di ingombro, di raggiungere autonomie effettive superiori ai 500 chilometri e tempi di ricarica attorno ai 15-20 minuti.

CONTINUA CON: Batterie, nel mirino dei big c’è già quota 500 chilometri/3

2 COMMENTI

  1. Caro Felice
    se si riferisce al sottotitolo “Metti un giorno a Ferrara”, direi allora che la grammatica è morta nel 1969, quando il regista Patroni Griffi girò il film “Metti una sera a cena”, versione cinematografica del testo teatrale con lo stesso titolo. Non ho fatto altro che giocare su un’assonanza che è nell’orecchio di tutti (quasi) gli italiani. Magari il titolo non le è piaciuto, ma è già molto che abbia apprezzato il resto con quella premessa “Sì tutto giusto”. Quindi, grazie per il lusinghiero apprezzamento.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome