Home Tecnologia & Industria Matrix Charging, una “proboscide” succhia-energia

Matrix Charging, una “proboscide” succhia-energia

0
CONDIVIDI

Si chiama Matrix Charging ed è stato presentato ieri a Monaco durante la due giorni dedicata alla mobilità sostenibile  eMove 360° da Easelink, una start up con sede a Graz, in Austria. E’ un sistema di ricarica automatica per auto elettriche senza fili.

Ma non ad induzione, come altri prodotti già in fase di sviluppo, in particolare quello made in Italy di Kaitek Flash Battery, bensì “conduttiva”. Il connettore robotizzato  è lungo poche decine di centimetri, tanti quanti separano il fondo di una normale vettura dall’asfalto. Il dispositivo, infatti, è collocato a filo del suolo e si presenta come una piccola piattaforma non più grande di un metro.

Automatizzato e super veloce

Sia attiva quando la vettura la sovrasta, erogando energia a 43 kW in corrente continua oppure a 22 kW in alternata, con un’efficienza del 99%. La connessione avviene attraverso una sorta di proboscide a nido d’ape robotizzata montata sulla vettura, in grado di agganciarsi alla piattaforma e aderire ad essa anche se l’auto non viene parcheggiata esattamente sulla verticale del caricatore.

Nella versione presentata a Monaco il dispositivo è stato sviluppato in collaborazione con la BMW che ha montato il connettore su  un esemplare della sua i3.  La Start-up austriaca aveva presentato il progetto della sua soluzione di ricarica automatizzata l’anno scorso, quando aveva presentato domanda a Bruxelles per un finanziamento di 50 mila euro. Il Matrix Charging è ora funzionante e pronto per l’applicazione.

Obiettivo Cina

Il CEO di Easelink Hermann Stockinger ha dichiarato al sito specializzato Electrive che la società detiene tutti i brevetti richiesti e che Matrix Charging è facile da installare e, cosa più importante, facile da montare sul corpo vettura, tanto che ha suscitato molto interesse nell’industria automobilistica. Oltre che con BMW,  Stockinger ha detto di essere in trattative con un primario marchio cinese. Ha aggiunto infine che l’ottimizzazione dei costi è una priorità assoluta per il progetto.