Home Auto Mancava Toyota, ora c’è, solo Suzuki resta anti-elettrica

Mancava Toyota, ora c’è, solo Suzuki resta anti-elettrica

5
CONDIVIDI
Qui e sotto le immagini della prima Toyota elettrica, distribuite al Salone di Shanghai.

Mancava Toyota tra i grandi costruttori all’appuntamento con l’auto elettrica. Ora c’è, con il Suv bZ4X svelato al Salone di Shanghai. Resta solo Suzuki…

Mancava Toyota, si presenta con un Suv compatto

Si sapeva da tempo che l’arrocco di Toyota sull’ibrido stava per finire. E come annunciato, al principale Motor Show cinese ha fatto capolino il prototipo di un modello elettrico che arriverà anche in Italia l’anno prossimo. La sigla bZ sta per “beyond Zero“, una sorta di sotto-marchio con il quale il primo costruttore al mondo manda a dire che si andrà oltre l’assenza di emissioni. Presumibilmente la guida autonoma e veicoli iper-connessi.

Mancava ToyotaLa presentazione di Shanghai ha un alto valore simbolico, vista la lunga marcia di Toyota nell’elettrificazione, iniziata nel 1997 con la Prius. Ma di dettagli tecnici  ne sono stati svelati pochi, se non che il bZ4X sarà equipaggiato con la trazione integrale Subaru. E che nasce su una nuova piattaforma, la e-TNGA, sviluppata specificamente per le auto elettriche, che dovrebbe consentire un “passo lungo con sbalzi corti“. Questo a differenza del primo modello a batterie lanciato dal colosso giapponese, la Lexus UX 300e, nata su una base tecnica concepita per motorizzazioni tradizionali.

In vendita anche in Italia dall’anno prossimo

Per il resto la Toyota si limita a dichiarazioni generiche “Il SUV di medie dimensioni a trazione integrale segna la trasformazione da pura casa automobilistica a fornitore di mobilità olistica“, si legge in una nota”, dice l’ingegnere capo Koji Toyoshima. E Bob Carter, il vice-president responsabile delle vendite, aggiunge “Il concept Toyota bZ4X punta a un’altra opzione nel nostro già robusto portafoglio elettrificato. Con investimenti e offerte di prodotti in tutto lo spettro dell’elettrificazione, saremo presenti con prodotti e tecnologie che soddisfano le diverse esigenze dei clienti in tutto il mondo“.

Solo due anni fa Carter si era schierato nettamente contro l’elettrico, sostenendo che nessuno sarebbe stato in grado di realizzare profitti vendendo BEV. Le cose cambiano…A questo punto solo Suzuki resiste, limitandosi a inserire in gamma solo ibridi, per la verità molto light. E anche i costruttori di alta gamma, come Ferrari, Aston Martin e Bentley, hanno già annunciato le date di lancio dei futuri modelli elettrici.

mancava toyota

mancava toyota

—————————————————————————————————-

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratis alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

 

5 COMMENTI

  1. Secondo me potrebbe essere una tattica di “psicologica inversa” di marketing: fare finta di non essere interessati, far credere alla concorrenza di essere indietro per non creare troppo “clamore” (a volte controproducente…) ma nel frattempo investire, fare ricerca e poi arrivate magari tra gli ultimi, ma con prodotti validi.
    A volte “spantegare” troppo non va bene, tipo: “ehi, arriviamo anche noi, facciamo, faremo, annunciamo autonomie stratosferiche, si ricarica in tre secondi ecc.” e potrebbe deludere le aspettative… meglio stare “schisci”, arrivare in punta di piedi. Forse è la tattica migliore…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome