Home Aziende Made in Italy: TeaTek in Abu Dhabi per il fotovoltaico dei record

Made in Italy: TeaTek in Abu Dhabi per il fotovoltaico dei record

0
CONDIVIDI
fotovoltaico

Ha un’anima italiana il più grande impianto fotovoltaico del mondo in via di realizzazione ad Abu Dhabi, capitale degli Emirati Arabi Uniti. Lo realizzerà TeaTek, società italiana con base in Campania che opera nei settori energia rinnovabile, automazione, macchine industriali, trattamento acque.

Costruirà il più grande parco del mondo

fotovoltaico
Felice Granisso

«Al momento il nostro lavoro – spiega Felice Granisso, ceo di Tek solar, partecipata emiratina del gruppo TeaTek – consiste nella installazione del più grande impianto solare del mondo, chiamato Al-Dhafra. , che a fine lavori avrà una potenza di 2,1 Giga Watt. Per adesso iniziamo l’installazione dei pali di supporto dei trackers per 1,2 GW (circa 160mila), fondazioni da installare in 6 mesi a partire da settembre. Nelle prossime due settimane si effettueranno i pull out tests: la tipologia di installazione sarà con trivellazione e saranno posati circa 24mila metri cubi di cemento»

Al momento  sono previste circa 300 persone al lavoro, tra europei e personale del posto. Ma si prevede di impiegare altre 1500 unità «se, come auspicato, saremo coinvolti anche nell’installazione della struttura e dei moduli» aggiunge Granisso. «E’ un progetto che ci rende particolarmente orgogliosi, e testimonia la grande affidabilità riconosciuta elle imprese italiane dai maggiori player stranieri».

Dal fotovoltaico 2,1 GW per 4 milioni di pannelli

TeaTek si misura con una operazione enorme, anche in termini di energia prodotta: 2 Giga Watt sono pari a circa 4 milioni di pannelli fotovoltaici da 530 Watt. Fondata nel 2009, TeaTek opera in 10 Paesi con circa 200 dipendenti. Ha realizzato impianti fotovoltaici in Italia e nel Regno Unito.

—Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome