Home Auto Ma è sicuro il Tesla Model 3? Sicurissimo

Ma è sicuro il Tesla Model 3? Sicurissimo

0
CONDIVIDI

Ma è sicuro il Tesla Model 3? Anche su questo gli scettici si devono ricredere. Perché i crash-test dell’ente federale americano per la sicurezza stradale, il temuto NHTSA, danno un responso univoco: sicurissimo (guarda).

Cinque stelle, il massimo dei voti

Più delle parole, in questi casi contano le pagelle e le immagini. Le prime sono eloquenti: 5 stelle, il massimo, nella resistenza a tutti i tipi di urto e nella protezione dei passeggeri. Quanto alle immagini, sono i filmati che mostrano i crash a cui l’auto di Elon Musk è stata sottoposta. Strapazzata, diremmo meglio. Ma capace di assorbire gli urti con una disinvoltura da prima della classe. E soprattutto: non c’è alcuna conseguenza sul pacco-batterie, alloggiato nel pianale. Né tantomeno si sono manifestati i principi di incendio che qualcuno continua a paventare. Del resto il Model 3 è ormai molto diffuso negli Stati Uniti, incidenti veri ce ne sono già stati. E i proprietari hanno sempre lodato sui social l’efficacia della protezione che la Tesla ha assicurato a chi guidava e ai passeggeri.

Più delle parole, contano i filmati: guardate

Un incidente di cui si è molto parlato è accaduto anche in Europa, a maggio. Un cittadino americano, You You Xue, era impegnato in un tour del Vecchio Continente. Era transitato anche per l’Italia, per poi arrivare in Grecia. Dove il suo Model 3 con l’Autopilot inserito, a suo dire, aveva improvvisamente sterzato in rettilineo (guarda) per poi finire contro il guard-rail. Senza alcun danno al conducente, anche se con molte polemiche sull’efficacia della guida autonoma. Ma questo è un altro discorso. Ricordiamo che negli Stati Uniti questa Tesla è già una prima della classe: nella sua categoria surclassa tutta la concorrenza, marchi premium tedeschi compresi. E in assoluto è ormai la quinta auto più venduta degli Stati Uniti, un mercato con numeri da capogiro. Un successo che ora si rafforzerà con i risultati del test-sicurezza della National Highway Transport Safety Administration, vista l’attenzione che gli americani pongono su questo aspetto. Del resto già il Model S aveva riportato a sua volta ottimi giudizi nei crash test della NHTSA.

Il tweet di Musk: “La più sicura tra le auto medie”

Elon Musk, il patron di Tesla, è ritornato su Twitter con un post che saluta il verdetto dell’ente federale: “Non avere nell’anteriore un motore ciuccia-benzina significa avere spazio più per il bagagliaio davanti e dietro. Oltre a una zona di assorbimento più lunga per la sicurezza migliore di ogni auto di taglia media come questa“. In Italia, lo ricordiamo, il Model 3 dovrebbe arrivare a gennaio, ma fin d’ora può contare su circa duemila prenotazioni. Sulla carta potrebbe essere già nel 2019 l’auto elettrica più venduta in Italia. Ma non è affatto scontato che la Tesla riesca rapidamente a far fronte a tutti gli ordini, vista la richiesta che arriva da mercati molto più maturi del nostro.