Home Auto Lusso elettrico: prestazioni e risparmio al top

Lusso elettrico: prestazioni e risparmio al top

22
La Porsche elettrica, la Taycan, con una 356 del 1950 (foto: Porsche Newsroom).

Lusso elettrico: prestazioni e anche risparmio al top. Non ci credete? Spesso le innovazioni passano per i modelli più costosi, prima della democratizzazione. E’ successo per gli smartphone e forse accadrà per le auto, con il meglio dei due mondi: prestazioni e risparmio. Complice il sistema di tassazione, ma non solo.

Lusso elettrico: facciamo due conti in casa Porsche

La Taycan, il modello 100% elettrico del produttore tedesco di auto sportive, è incredibilmente la Porsche più venduta Come si può spiegare un fatto del genere, quando per i modelli di massa l’elettrico rappresenta ancora un mercato marginale? Se guardiamo al listino, possiamo mettere a confronto la Taycan Turbo con la Panamera Turbo S. Ovvero il modello Porsche benzina che più si avvicina per tipologia, dimensioni e rapporto peso/potenza. E che è quindi probabilmente il modello con il quale il cliente Porsche la metterebbe a confronto prima di effettuare un acquisto. Anche se, lo sappiamo, si rischia di confrontare un po’ le pere con le mele.

Lusso elettrico / Le prestazioni Taycan vs Panamera S

lusso elettrico
Vendute 4.480 Porsche Taycan nel primo semestre 2020, pari al 4,1% delle immatricolazioni della marca.
  • Porsche Taycan Turbo

500 kW di potenza e 850 Nm di coppia per Porsche Taycan Turbo, per uno scatto 0-100 km/h in 3,2 secondi e 260 km/h di velocità massima e 2380 kg di massa a vuoto

0-160 km/h in 6,9 secondi

0-200 km/h in 10,6 secondi

80-120 km/h in 1,9 secondi

lusso elettrico
Porsche Panamera Turbo S, dal configuratore sul sito ufficiale del produttore.
  • Porsche Panamera Turbo S

463 kW di potenza e 820 Nm per Porsche Panamera Turbo S, per uno scatto 0-100 km/h in 3,1  secondi e 315 km/h di velocità massima e 2155 kg di massa a vuoto

0-160 km/h in 7,2 secondi

0-200 km/h in 11,2 secondi

80-120 km/h in 2,1 secondi

Già il listino parla a favore dell’elettrica

Bene, le due auto sono sostanzialmente paragonabili. Modelli di lusso di circa 5 metri di lunghezza, con prestazioni da sportive, ma senza velleità da utilizzo in pista. Guardando ai listini scopriamo però la prima macroscopica e inaspettata differenza: Porsche Panamera Turbo S costa 190.044, mentre Porsche Taycan Turbo costa “solo” 158.829 Euro, quindi ben 31.215,00 Euro in meno. Tralasciamo a questo giro i costi di manutenzione e assicurativi (in entrambi i casi a favore dell’elettrica, ma con differenze trascurabili se paragonate alle altre). E concentriamoci su un aspetto determinante nella scelta: la differente (è un eufemismo) tassazione.

Bollo e superbollo: valgono una Mazda MX-30

La Porsche Taycan Turbo non paga bollo nè superbollo per i primi 5 anni dall’acquisto. Porsche Panamera Turbo S, in un periodo di 5 anni, ad esempio a Milano, paga 8.959,05 euro di bollo e 27.800 euro di superbollo, per un totale di 36.759,05 euro. , Con questi soldi ci potresti acquistare un’auto nuova. Ad esempio una Mazda MX-30, un crossover full electric, al prezzo di listino e senza sconti e incentivi.

Spese per i consumi? Non è l’ago della bilancia, ma…

Panamera Turbo S ha un consumo nel ciclo misto di circa 9,3 km/litro. Taycan Turbo percorre poco più di 4 km per kWh. Con un utilizzo dell’auto per un totale di 12.000 km l’anno, dopo 5 anni, il costo in carburante per Panamera sarebbe di circa 9.500 euro. mentre per Taycan si attesterebbe tra i 2.500 euro e i 4.500 euro, a seconda della tipologia prevalente di ricariche effettuate.

Un altro esempio? Audi E-tron S vs Audi SQ7 TDI

Vi sembra eccessivo il paragone in casa Porsche? Troppo costose le auto di Stoccarda. Possiamo spostarci ad Ingolstadt, sede dell’Audi, altra marca tedesca che naviga nel lusso. Con due modelli simili, uno elettrico e uno no, dai prezzi che ballano attorno ai 100 mila euro.

lusso elettrico
Lo youtuber Bstaaard durante la prova dell’Audi e-tron in Spagna, nell’entroterra di Marbella.
  • Audi E-tron S, 370 kW, 0-100 in 5,1 secondi, prezzo di listino: 99.510,00 Euro. Bollo e superbollo per i primi 5 anni: 0,00 Euro
  • Audi SQ7 TDI, 373 kW, 0-100 in 4,1 secondi, prezzo di listino: 105.470,00 Euro. Bollo e superbollo per i primi 5 anni: 26.017,55 Euro

SECONDO NOI. Certamente qualcuno potrà obiettare che, per lo meno nel caso di Porsche, tra le due auto ci siano differenze sostanziali di abitabilità e di peso. E che questo (il peso) abbia un impatto negativo sulla dinamica di guida, specialmente se sportiva. Probabilmente è così. Ma l’acquirente tipo di Taycan l’auto non la porta in pista e per lui si tratta di un ottimo “compromesso”. Tenuto conto del risparmio (ammesso che gli interessi) e delle prestazioni in gioco.

Vesper
Apri commenti

22 COMMENTI

  1. Ok, ora ho capito cosa intende G.R. Grazie.
    Non ho mai detto che l’Italia sia il mondo. Ho solo cercato di dare una spiegazione plausibile al fatto che Porsche Taycan, anche in Italia, sia il modello più venduto. E quindi ho analizzato la situazione italiana. Secondo lei un potenziale acquirente italiano non dovrebbe considerare il potenziale risparmio solo perché forse in un altro paese la situazione è diversa? Ad ogni modo, non mi viene in mente nessun altro stato dove la differenza nel prezzo di listino a favore di Taycan sia appianata da una convenienza nel prezzo di acquisto della benzina. Ma forse c’è. Lei l’ha trovato?

    • Ottimo, finalmente ci siamo capiti!
      No assolutamente, è giusto che uno guardi anche il risparmio al momento dell’acquisto, quello che volevo dire è che in posti del mondo dove il divario è minore, ciò che farà propendere per uno, piuttosto che per l’altro modello probabilmente non sarà il lato economico, quanto piuttosto altre variabili: cambio manuale o automatico V8 o 6 in linea? Cabrio o coupé? Rombo o silenzio? Queste sono preferenze del tutto personali che non dipendono dal costo dell’auto, quanto piuttosto da cosa uno desidera da ciò che sta comprando.
      In Italia uno potrebbe propendere benissimo per una panamera, ma, visti i costi esorbitanti di gestione, pur di avere una porsche allora comprerà una Taycan.

      Ciò detto, come anche voi stessi avete scritto, solo il 15% dei proprietari di Taycan erano porschisti, ciò si traduce nella ricerca di un auto che abbia prestazioni simili ad una Tesla, ma che non sia Tesla. Al momento l’unica competitor sul mercato con prestazioni simili all’auto americana è infatti la Taycan, quindi se uno non vuole Tesla non ha molta scelta…. I clienti affezionati invece continuano a comprare maggiormente le auto che già possiedono, perché già soddisfatti e dunque disinteressati nel provare qualcosa di diverso.

      P.s: io ad esempio non sono per nulla esaltato dalle auto elettriche, men che meno sportive, ma, se dovessi comprarne una prenderei a mani basse la Taycan

      • Questa cosa qui del risparmio la contesto…se si hanno per un auto da spendere 150 mila euro non ci si bada a bolli, superbollo e carburanti visto anche quanti in Italia si sono presi auto analoghe a benzina a 4/5 posti… Tra l’altro questa tutt’e tranne che una Porsche per quanta è pesante e poco maneggevole e quindi attira tutti i possessori delle varie Audi RS, Mercedes AMG, BMW M e così via in quanto con essa possono andare nel centro di Milano, Roma ed altrove vigono divieti e ztl… Se la vogliamo mettere sul piano risparmio, autonomia, ed anche qualità visto quanta esperienza hanno nel campo della gestione elettrica, per pari prestazioni ci si va su tesla ma, per andare su Porsche, non ci si pensa proprio al risparmio visto ch’è la miglior soluzione prestazioni /prestigio. Quando uscirà l’equivalente ferrari, Lamborghini, Bentley ecc, voglio prop3 vedere quante Taycan si venderanno?

  2. Come mai dopo un po’ di commenti non si può più rispondere alla stessa conversazione? Così è scomodo!
    Ad ogni modo le rispondo qua, sperando che poi funzioni.

    Cito dal mio commento
    “L’Italia è, se non vado errato, lo stato con le più alte tasse sulle automobili, dunque è ovvio e palese che la taycan risulti molto, ma molto, più economica; altrove lo rimane, ma in maniera meno marcata.”

    ORA cito dal suo

    “Alla differenza nel prezzo di listino, si sommano quantomeno le differenze nei consumi e nei costi di manutenzione.”

    Stiamo dicendo la stessa cosa, la taycan è più economica da listino, ma, se i costi di gestione sono bassi per la panamera, il risparmio si riduce a poco più di quello del prezzo d’acquisto. Prendiamo il carburante, se questo costasse 1.00€ e la ricarica alla colonnina 0.60€ si avrebbero solo 0.40 cts di differenza, va però tenuto conto che probabilmente dovendo fare 2 ricariche per avere la stessa autonomia, il costo finale sia quasi identico.

    Cito ancora
    “Non ho capito cosa intenda quando dice che l’Italia sarebbe lo stato con le più alte tasse sulle auto (?) e poi deduce che quindi è normale che Taycan risulti molto ma molto più economica. Perché, Taycan cos’è? Non è un’auto?”

    L’Italia ha invenzioni stupide come il superbollo, nonché il bollo base tra i più cari al mondo. Mi pare logico che se le auto elettriche non devono pagare il superbollo risultino molto più economiche di auto di pari categoria termiche che invece lo pagano. In questo modo al minor costo d’acquisto si aggiunge questo grande risparmio, portando l’auto ad essere molto ma molto più economica. Si ricordi però che l’Italia non è il mondo, per questo facevo inizialmente notare che il paragone tiene solo se fatto in determinati paesi.

  3. Io provenivo da una RS 3 e francamente mi ero rotto di versare imposte allucinanti allo Stato per nulla…detto questo, anche chi ha una grande disponibilità economica non regala nulla a nessuno, e tantomeno butta via migliaia di euro per niente in tasse..io ho scelto e-tron sia per una questione di costi di gestione che di mantenimento, il prezzo iniziale è certamente alto, ma gestibile con gli incentivi Audi.

  4. Escludendo probabilmente i due EV presi di esempio nell’articolo, la maggior parte non devono in ogni caso pagare il superbollo, anche dopo i 5 anni. Ed il bollo sarà comunque piu’ basso perche’ non calcolato sulla potenza pubblicizzata ma quasi sempre sul valore piu’ basso, il continuativo sui 30min. Aspetto che puo’ apparire paradossale.

    Mi risulta che la stessa versione normale dell’Etron (non “S”) non lo paga nonostante la potenza pubblicizzata sia di 300kW. Lo stesso vale per tutte le versioni di Tesla, escluse 2 mi pare (ma di poco, parliamo di 186kW “fiscali”), attualmente in commercio.

    Ritengo sia questo dovuto ad una sorta di mancanza normativa o meglio di interpretazione scientifica della normativo (norma UN/ECE originariamente degli anni 1990, il periodo della Panda Elettra o della Peugeot 106 eletrique…) che aveva/ha senso magari per ICE ma meno, ai fini pratici, per EV. Credo che con il tempo questa cosa verra’ regolata meglio.

    Un piccolo appunto, legato a questa tematica: e’ tecnicamente errato confrontare livelli di potenza/coppia di tecnologie diverse (ICE vs. EV, ma anche EV vs EV) non considerando il servizio di funzionamento cui sono riferiti, e questo vale in particolare per l’EV. Questa cosa è ignorata spesso. Se si va ad analizzare in dettaglio la questione si possono trarre interessanti spunti di discussione.

    • Dr. Lexus buona sera,
      nell’articolo ho preso in esame i primi cinque anni dopo l’acquisto dell’auto. Quindi il bollo non entra in gioco in questa fase. E infatti non ho parlato di cosa accade dal sesto anno in poi.
      Se andiamo a prendere in esame il bollo delle elettriche dopo il quinto anno, la situazione è diversificata in base alla zona. In alcune zone il costo del bollo resta comunque a zero per tre anni, in altre per sempre, in altre ancora si paga il 25% di quanto sarebbe dovuto in base ai kW indicati sul libretto di circolazione. Audi e-tron 55 quattro ad esempio riporta sul libretto 158 kW di potenza. Pertanto nelle regioni nelle quali un giorno dovrà pagare il bollo pagherà il 25% del bollo calcolato non su 300 KW ma su 158.
      Riguardo alla scelta dei modelli da raffrontare, non sono stati confrontati in base alla potenza ma in base alle prestazioni, di fatto quasi sovrapponibili, tra le due auto.

  5. A certi livelli di ricchezza non credo che chi può permettersi certe auto badano più di tanto al bollo, superbollo e soprattutto ai costi della benzina, pardon, corrente….

    • Potrebbe essere Giuseppe. Questa è solo la mia interpretazione. Allora forse, se fosse come dice lei, significherebbe che la maggior parte dei clienti ha scelto Taycan e non gli altri modelli Porsche per altri vantaggi, diversi da quello economico. Potrebbe essere! Qual è la sua interpretazione?

      • L’hanno scelto così possono liberamente accedere nel centro di Milano o di qualche altra città con ztl… prima lasciavano ferrari e Bently in doppia fila per ore, ora lasceranno per ore l’elettrico alla colonnina. Tempo che anche Lamborghini, Bentley e ferrari faranno le loro e ci risiamo.

  6. Sarei curioso di sapere se storicamente l’arrivo di una tipologia di vettura sia stato preceduto da usi elitari e/o sportivi; poi, arrivato il Ford di turno, si sia massificato.

  7. Sono fiducioso sul fatto che interessi anche il risparmio. Riguardo alle Porsche, credo che solo chi ha perso totalmente di vista il valore del denaro, inteso come tutto ciò che di utile e creativo si possa fare con esso, sia insensibile a risparmiare 40000 euro/anno fra carburante e imposte

    • C’è da dire che paragoni simili lasciano sempre il tempo che trovano. Il fenomeno delle auto elettriche nel suo aspetto prettamente economico è interessante da analizzare, sopratutto perché drogato da agenti esterni dal mercato. Ci troviamo in una situazione in cui in Olanda solo una persona ricca può permettersi un auto termica per via dei costi di gestione, mentre la persona media può permettersi solo una tesla. In Italia invece una persona media può permettersi solo una polo e la persona ricca può permettersi la Tesla. In Svizzera ci si può permettere entrambe, dato che non ci sono incentivi sulle elettriche, ma non ci sono tasse esorbitanti sulle termiche, quindi il mercato si regola da solo. In Usa la situazione è anche diversa, perché gli incentivi statali sono esauriti e il costo del carburante è così basso da minimizzare il risparmio dell’auto elettrica (considerando anche il maggiore prezzo d’acquisto). Le differenze sono solo locali.
      Prendendo l’esempio, in Olanda si prende la Taycan perché si risparmia, in Italia nessuna delle due, in Svizzera quella che si vuole e in Usa la Panamera. Questo naturalmente prendendo in cinisderazione solo il lato il economico e no quello emotivo/ideologico

      • Mi perdoni G.R., ma non riesco a seguirla. Mi spiega meglio cosa intende?
        Perché “paragoni simili lasciano il tempo che trovano”? E perché dice che in Italia non si venderebbe nessuna delle due Porsche?

        • Il paragone è basato sui costi in Italia, che rendono il possesso di un auto potente e termica praticamente impossibile, mentre in altri stati, come da me elencato, si hanno costi molto minori, che dunque restringono il divario dei costi di gestione delle due automobili. L’Italia è, se non vado errato, lo stato con le più alte tasse sulle automobili, dunque è ovvio e palese che la taycan risulti molto, ma molto, più economica; altrove lo rimane, ma in maniera meno marcata.
          Ho detto che in Italia non si compra nessuna delle due provocatoriamente, perché il mantenimento della panamera è fuori dalla stragrande maggioranza delle persone, che però non hanno nemmeno i soldi per l’acquisto della Taycan, benché più economica. Prendendo l’Olanda come esempio invece una persona benestante può permettersi la Taycan, ma probabilmente non la Panamera.

          • Tempo che le regioni subiranno un calo nelle entrate e ci saranno i superbolli pure sull’elettrico… cosi come lo stato a subire cali delle entrate grazie a minor vendite dei carburanti (accise) recupereranno con accise sulla corrente mentri i comuni non possono andare avanti trasformando le strisce blue in bianche per quanto riguarda il parcheggio agli elettrici.
            L’Italia è il paese che più spreme gli automobilisti come dei limoni e non potendone fare al meno, tutto un domani ritornerà ad essere come adesso… Vedere uno scenario diverso da queste prospettive è vivere nell’utopia….

          • G.R., in Italia le differenze di prezzo sono solo estremizzate dalla diversa tassazione, ma anche altrove la situazione non cambia. In Olanda Porsche Panamera Turbo S costa 245.500,00 Euro, Taycan Turbo 159.145,00 Euro (86.355,00 Euro in meno per Taycan). In Svizzera Porsche Panamera Turbo S costa circa 213.000,00 contro i circa 171.000,00 Euro di Taycan Turbo (42.000,00 Euro in meno per Taycan). In Germania Porsche Taycan Turbo costa circa 150.000,00 Euro contro i circa 180.000,00 Euro di Porsche Panamera Turbo S (30.000,00 Euro in meno per Taycan). Alla differenza nel prezzo di listino, si sommano quantomeno le differenze nei consumi e nei costi di manutenzione.
            Non ho capito cosa intenda quando dice che l’Italia sarebbe lo stato con le più alte tasse sulle auto (?) e poi deduce che quindi è normale che Taycan risulti molto ma molto più economica. Perché, Taycan cos’è? Non è un’auto?

    • Marco, lo penso anch’io. Attenzione però, che il risparmio non è di 40.000,00 Euro l’anno ma su un periodo di 5 anni dall’acquisto. Altri 30.000,00 Euro si “risparmiano” al momento dell’acquisto, visto il prezzo più basso di Taycan rispetto a Panamera.

  8. A bat i pagn a cumpar la stria.

    Attenti a richiamare l’attenzione dei politici amici dei petrolieri sui vantaggi fiscali, basta un attimo ed il mercato va a zero.

    Ricordatevi del governo Monti e delle supercar: creato il superbollo, crollato il mercato.

    (ricordo un conoscente che si era acquisato una Range Rover Supercharged (di 2 anni) da qualche mese, arrivata la notizia venduta in Francia.

Rispondi