Home Auto Lo studio del CESifo e la sporca guerra delle emissioni di CO2

Lo studio del CESifo e la sporca guerra delle emissioni di CO2

4
CONDIVIDI

 

Abbiamo letto su tutti i giornali italiani di uno studio dell’istituto CESifo di Monaco di Baviera (Vedi), «autorevole» per definizione, secondo il quale un’auto diesel produrrebbe meno gas clima alteranti (CO2) di un’auto elettrica. Ciò ha scatenato l’entusiasmo dei fan dell’auto termica con conseguente diatriba social fra le opposte tifoserie. Premesso che le conclusioni dello studio non ci convincono _ e vedremo perché _ lascia di stucco la superficialità con cui le hanno riportate i nostri media.

Ma vediamolo più in dettaglio. Lo studio del CESifo confronta le emissioni di una Mercedes C220d con motore diesel e quelle di una Tesla Model 3 nell’arco di dieci anni, con una percorrenza media di 15 chilometri all’anno e considerando l’intero ciclo produttivo delle due vetture e dell’energia necessaria a farle funzionare.

Un sito di estrazione di petrolio non convenzionale

Da dove arriva il petrolio?

Per la Mercedes i ricercatori tedeschi sono riusciti a calcolare un dato spaccato con il bilancino del farmacista: 141 grammi di anidride carbonica per chilometro. Il dato è la risultante dalla somma delle emissioni dovute all’estrazione del petrolio, alla raffinazione, al trasporto del carburante, all’energia richiesta in catena di montaggio e infine al gasolio bruciato nel motore chilometro dopo chilometro. Tanta precisione stupisce.

Di che petrolio si tratta? Di quello saudita o iracheno, estratto da pozzi profondi qualche decina di metri, oppure di quello non convenzionale canadese o americano ricavato dalla frantumazione di rocce alla profondità di qualche chilometro? Raffinato dove, e a quante migliaia di miglia dalla stazione di rifornimento della nostra Mercedes?

infine, pur ammettendo che CESifo disponga di dati esatti sul ciclo produttivo degli stabilimenti Mercedes di Rastatt, Brema o Stoccarda, hanno tenuto conto i ricercatori dell’usura del motore, della manutenzione, dei ricambi?

15 mila km, guarda caso  

Qualche dubbio in più, gli studiosi tedeschi, devono averlo avuto sulla Tesla, per la quale infatti prevedono un range di emissioni fra 155 e 180 grammi di CO2 a chilometro. Gran parte della forchetta deriva dalla fase di produzione dell’auto, in particolare delle batterie, che incide sul totale dei 150 mila chilometri percorsi in dieci anni per una cifra oscillante fra 73 e 98 grammi al chilometro. Ma questo è vero solo se allo scadere dei dieci anni la batteria fosse da buttare.

In realtà una batteria “vive” mediamente per un chilometraggio più che doppio, come possono testimoniare decine di migliaia di automobilisti elettrici (vedi). Insomma, Tesla vincerebbe a mani basse soltanto aumentando la percorrenza media da 15 mila a 20 mila chilometri all’anno; e il vantaggio si amplierebbe più che proporzionalmente salendo a 25-30 mila chilometri e oltre (e siamo ancora ben lontani dei chilometraggi di un rappresentante di commercio).

La distorsione del fattore carbone 

Ma non basta. Lo  studio calcola le emissioni di CO2 nella generazione elettrica sulla base del mix energetico tedesco, gravemente sbilanciato sulla fonte più inquinante, il  carbone, utilizzato per coprire il 45,6% dell’intero fabbisogno. Il risultato cambierebbe radicalmente se gli stessi calcoli fossero fatti in Italia (anno 2018), dove il carbone copre meno del 13 %, le rinnovabili sfiorano il 40% e il resto dell’energia elettrica deriva dal gas naturale (come nella maggioranza degli altri Paesi europei). Per avere un’idea, un kWh di elettricità prodotta con il gas naturale emette 0,55 chili di CO2, contro 1,36 chili del carbone utilizzato in Germania.

Trascuriamo infine l’ampio tema delle altre emissioni inquinanti (polveri sottili, biossido di azoto e via dicendo) per il quale rimandiamo all‘ottimo articolo del nostro amico Disinformatico Paolo Attivissimo

Sotto accusa è la Germania, non l’EV

Di questo studio, al momento, non sono disponibili altro che queste anticipazioni, ricavate dalla presentazione pubblicata sul sito del CESifo. Troppo poco per giudicare quanto sia attendibile e soprattutto se sia in buona fede. Fatto sta che i fan del motore termico in Italia lo stanno sbandierando come la definitiva condanna dell’elettrificazione. Mentre una sola cosa è del tutto evidente: quel che non funziona, in Germania, sono le centrali elettriche. Infatti basta consultare un sito straniero come quello del Green Car Congress per accorgersi che lì il dibattito è tutto centrato sugli errori della politica energetica tedesca. Lo stesso CESifo, peraltro, si limita a specificare che «allo stato attuale del mix energetico in Germania non è corretto dire che le auto elettriche siano ad emissioni zero».

LEGGI ANCHE: Emette più la Golf elettrica o diesel? Sentite la VW 

4 COMMENTI

  1. Purtroppo per la Mercedes e gli amanti del termico saranno ancora una volta le persone a decretare la fine di qualcosa che inverosimilmente la maggioranza delle persone ha capito che e` dannoso per l`ambiente e per la nostra salute. Le vendite di auto elettriche in tutti i paesi europei e non sono in continuo aumento e le percentuali raddoppieranno continuamente. Se poi qualche finto studio pagato dalla lobby dell`auto (storica) ci verra` propinato ce ne faremo una ragione anche se e` l`ultimo colpo di coda di un dinosauro ormai morente.

    RIP ICE
    Riposa In Pace Internal Combustion Engine

  2. Si ma mettiamoci anche una casualità di rottura batterie prima dei 10 anni . Le batterie al litio si rompono facilmente tutti lo abbiamo potuto constatare tutti i giorni con i telefoni

    Batterie che durano venti anni? Ma dove,? Su Marte!!!

    Un Mercedes fa oltre 500000 km un Tesla se va bene ne fa 200000 ( sono stato bravo ). Quindi ci vogliono due Tesla da mettere al calcolo !!!!

  3. Se tutte le Mercedes facessero 500k km sarebbero già falliti. L’idea contorta che ha lei proviene da un passato dove la Mercedes montava i motori diesel di un trattore e non c’era ne turbo ne common Rail. Sfido tutti i possessori di Mercedes attuali che abbiano fatto almeno 200k km a dire che non hanno mai avuto un problema. Del resto poi una azienda che garantisce i propri pacchi batterie 8 anni a kilometaggio ILLIMITATO sarà sempre li a sostituirli per arrivare a 200k km. Penso che la durata di tutte le cose dipende anche dal loro utilizzo ed è una polemica sterile quella che Gio vuole evidenziare. Per come la vedo io se le auto elettriche fossero state sviluppate per 120 anni, come le auto tradizionali, oggi giorno non staremo nemmeno qua a discuterne. Vale la pena di provare quindi. Per noi e per i ns figli.

Comments are closed.