Home Nautica L’italiana Anvera Elab al Solar & Energy Boat Challenge

L’italiana Anvera Elab al Solar & Energy Boat Challenge

0
CONDIVIDI
Il prototipo in acqua

Ci sarà anche l’ italiana  Anvera Elab al Solar & Energy Boat Challenge di Monaco dove la sfida in nome della sostenibilità è tra giovani ingegneri finanziati dagli industriali. La barca è nata dall’incontro tra Anvera e TecnoElettra. A Misano Adriatico. 

Parliamo di un prototipo di una imbarcazione planante mono carena, costruita interamente in fibra di carbonio. La filosofia costruttiva è orientata alla valorizzazione della sostenibilità ovvero una barca veloce ma che non spreca energia. Per raggiungere l’obbiettivo si è puntato alla massima leggerezza mediante l’utilizzo di materiali compositi evoluti. Poi lo studio delle strutture e dei baricentri in modo tale da raggiungere la massima efficienza ed il minor spreco di energie.

Progetto in funzione della propulsione elettrica

Dall’azienda non danno le specifiche tecniche, a Vai Elettrico rispondono: “Si tratta di un prototipo che deve partecipare ad una gara, dopo la sua conclusione illustreremo i dettagli”. Un elemento che vogliono sottolineare  è una sorta di  ecodesign legato alla propulsione ovvero: “motore elettrico, batterie, trasmissione, sistema di comando, elica sono tutte componenti progettate specificatamente”.

Fonti di energia pulita

Per partecipare alla competizione di Monaco bisogna essere in linea con la filosofia della manifestazione: “L’obiettivo è sviluppare sistemi di propulsione alternativi, utilizzando solo fonti di energia pulita per alimentare la navigazione da diporto di domani”. Per verificare appuntamento dal 2 al 6 luglio al Solar & Energy Boat Challenge.

I protagonisti: Norberto Ferretti e Luca Ferrari

La sede e i protagonisti
La sede e i protagonisti dell’azienda

Anvera Elab nasce dall’incontro di LG Srl -Anvera e TecnoElettra. Ed è una storia che vale la pena conoscere. Anvera nasce in LG srl, società  nata nel 2002 come azienda specializzata nella lavorazione di materiali compositi. Il frutto delle esperienze acquisite del Team Italia Offshore, società fondata da Norberto Ferretti per lo studio e la ricerca di tecnologie estreme. Promotore dell’iniziativa è Luca Ferrari.

Nel 2014 Ferrari assieme a Giancarlo Galeone e, successivamente, Gilberto Grassi decidono di far fare il salto di qualità alla LG con l’ obiettivo di realizzare prodotti di nicchia. Nasce cosi il progetto Anvera che ha sfornato  due modelli di 48 e 55 piedi e sarà presentato prossimamente un 42 piedi.

L’esperienza di TecnoElettra nel motorsport

TecnoElettra, nasce nel 1974 ed ha come attività la ricerca, progettazione e produzione di sistemi innovativi nell’ambito dell’automazione e del motorsport. La gamma di produzione varia da cablaggi flessibili per le prime iniezioni elettroniche della Formula 1 ai cablaggi High Tech inglobati in box di materiale composito. Oltre che per la Formula 1 TecnoElettra ha realizzato impianti per vetture LMP1-2, Rally, Vetture FIA GT e Turismo; Moto Gp, SuperBike, Superstock; America’s Cup.

Siamo di fronte a  due eccellenze nei rispettivi settori che hanno deciso di mollare insieme gli ormeggi della creatività e dell’innovazione.

LEGGI ANCHESolbian con Delft University per il trimarano solare dei record