Home Tecnologia & Industria Lilium Jet, la prima volta dell’auto volante elettrica

Lilium Jet, la prima volta dell’auto volante elettrica

0
CONDIVIDI

Il taxi volante elettrico ideato dalla Lilium Jet ha superato la prima prova dell’aria, sollevandosi da terra in volo verticale. Un volo di appena 15 secondi a un’altezza che non ha superato i due metri da terra. Ma per lo staff è stato una «pietra miliare».

E’ accaduto in Germania, dove ha sede la start up che vuole lanciare il primo servizio di trasporto aereo elettrico al mondo entro il 2025. Tra i fondatori di Lilium figurano il cofondatore di Twitter Ev William, Tencent, e il cofondatore di Skype Nikolas Zennstrom, supportati da fondi di venture capital che l’hanno finanziata con 100 milioni di dollari.

 Il test di volo senza pilota, giunto dopo due anni di lavoro su prototipi in scala, è documentato in un video appena pubblicato sul sito della Lilium. Il modello è già quello che sarà sviluppato e industrializzato per l’impiego commerciale. E’ dotato di 36 turbine elettriche mobili montate su ala fissa di 11 metri di apertura che consente, dopo il decollo verticale, di iniziare una transizione al volo orizzontale.

Volerà a 300 km/h per un’ora

Potrà viaggiare per un’ora alla velocità di 300 km/h percorrendo circa  300 km. Molto di più di tutti i concorrenti impegnati nello studio di velivoli elettrici. Ciò dipende dalla soluzione aeronautica adottata. Superata la delicata fase di decollo, sostengono infatti i progettisti, la potenza richieste e l’energia elettrica consumata sono solo il 10% dei 2.000 cavalli richiesti per alzarsi dal suolo in verticale.

 

Il rapporto peso potenza è il principale vincolo allo sviluppo del volo elettrico. A parità di peso il carburante fossile di un velivolo a reazione ha una densità energetica pari a 43 volte quella di una batteria. Lo staff di Lilium Jet non ha reso pubblici dati sul peso del suo velivolo, né sul carico utile trasportabile Si è limitato a dire che può trasportare 4 passeggeri con relativi bagagli, più il pilota. Ma il direttore marketing  Remo Gerber ha affermato che «una sufficiente capacità di carico è la chiave del successo in questo business ed è il fattore sul quale vogliamo fare la differenza».

I concept di velivoli  elettrici urbani presentati da Uber e Airbus sono a guida autonoma robotizzata, senza pilota, e basati su tecnologia elicotteristica, come i droni. Lilium ha scelto invece di utilizzare il pilota per semplificare le procedure di omologazione.

Con 70 dollari dall’aeroporto alla città 

Molto più silenzioso di un elicottero (solo il 20%  del rumore di un’ala rotante) è progettato per volare in ambiti urbani. Per il percorso fra Manhattan e l’aeroporto di New York JF Kennedy potrebbe bastare un volo di 6 minuti contro l’ora abbondante necessaria via terra. Oggi questo servizio lo fanno elicotteri, che però costano circa 200 dollari a passeggero. Lilium pensa invece ad un costo di 70 dollari, poco più dei 52-57 dollari di un taxi.

Si stima che nel mondo lavorino a progetti di velivoli elettrici una ventina di aziende, con migliaia di tecnici. Tra queste, Uber e Airbus, ma anche Boeing e Bell tra le big, oltre a start up come Joby Aviation e Kitty Hawk. Secondo la banca d’affari britannica  Morgan Stanley, il settore del trasporto urbano volante, della auto volanti come vengono definite,  potrebbe valere fino a 1,5 trilioni di dollari entro il 2040. Più veloce e flessibile negli ambienti urbani, il volo elettrico dovrebbe anche essere più ecologico. I tecnici stimano che su percorrenze superiori ai 40 km i velivoli elettrici abbiano un impatto ambientale inferiore dei veicoli terrestri elettrici. Il settore dell’aviotrasporto contribuisce per il 2% alle emissioni globali di CO2.

In pista anche Airbus, Boeing e Kitty Hawk

A quanto risulta, solo la start up Vahana controllata dal consorzio aerospaziale europeo  Airbus ha effettuato test di volo con prototipi in scala reale. Il suo velivolo elettrico si sarebbe alzato da terra una cinquantina di volte, totalizzando circa 5 ore di volo.  Anche Boeing e la start up californiana Kitty Hawk avrebbero già effettuato test di volo, ma con velivoli in scala. Tra tutte queste Lilium Jet è quella che promette le migliori performances di velocità e percorrenza in volo.