Home Alla ricarica L’idea AZeco: per la ricarica usiamo la rete dell’illuminazione pubblica

L’idea AZeco: per la ricarica usiamo la rete dell’illuminazione pubblica

8
CONDIVIDI
illuminazione pubblica, azeco

Tre dispositivi, già brevettati, e la rete di illuminazione pubblica può velocemente diventare, per le auto elettriche, quello che il nostro sistema sanguigno è per i muscoli.  La soluzione è stata messa a punto da una start up romagnola, la AZeco. L’ha fondata  Demos Fuochi un tecnico con pluridecennale esperianza nell’impiantistica elettrica per amministrazioni pubbliche locali.

 

Dieci milioni di lampioni a part time

Nelle città italiane si accendono ogni notte 10 milioni di lampioni, ciascuno alimentato da centinaia di migliaia di cabine e milioni di chilometri di cavi sotterranei. Una rete diffusa quasi come quella idrica, fognaria o telefonica. Con una particolarità: resta inutilizzata per tutte le ore diurne, vale a dire la metà del tempo.

L’idea di Fuochi è semplice. Perchè non sfruttare un investimento così importante e largamente inutilizzato per altri scopi? Perchè non mantenere la rete in tensione anche di giorno, quando non deve accendere lampioni ma può fare il pieno di elettricità a molte migliaia di auto elettriche, praticamente in ogni strada di ogni città? Ogni lampione, infatti,  ha un pozzetto che potrebbe diventare facilmente una colonnna di ricarica in AC.

illuminazione pubblica, aeco, lampioni londra
I lampioni intelligenti di Londra

A Londra e Berlino già potete trovare lampioni intelligenti con una presa per la ricarica delle auto elettriche. Anche Enel ha sperimentato dispositivi del genere a Pescara. E a Cattolica la Umpi ha in catalogo un lampione attrezzato per fare lo stesso. Ma il problema è generalizzare questi esperimenti, convertendo velocemente e a costi accettabii tutta la rete di illuminazione pubblica delle città. Fornire la potenza che serve, contabilizzare i consumi, evitare di sostituire i pali già esistenti solo per dotarli di una presa. AZeco è convinta di aver trovato la quadra.

umpi, illuminazione pubblica, azeco
la proposta di lampione intelligente di Umpi

Una soluzione per il 70% degli automobilisti elettrici

Scrive AZeco: «Presumiamo che tra qualche tempo, quando la diffusione dell’auto con potenze da 30 a 60 KW sarà capillare,  l’utente avrà difficoltà nella ricarica, in quanto da un’ indagine europea, solamente il 30% dei cittadini riuscirà a ricaricare l’auto da installazioni domestiche». Sarà perciò necessario attrezzare centri storici e prime periferie di ricariche posizionate in modo altrettanto capillare. «Per fare questo, la nostra start‐up ha ideato un sistema economico e non invasivo riferito agli scavi e ai costi installativi, usando i cavi sotterranei al servizio dell’illuminazione pubblica per alimentare le colonnine di ricarica».

Ovviamente la rete andrebbe in qualche caso adeguata e potenziata. A partire dai quadri elettrici che alimentano in serie i lampioni (uno per ogni strada, fino ad un km o poco più). Sono installati o dentro il quadro luci o nelle immediate vicinanze in un armadio  dedicato. Questi contatori potrebbero essere implementati per il conteggio dell’ energia usata nella ricarica diurna dei veicoli. A questo serve appunto il sistema “LS‐PRIME” brevettato da AZeco. Si compone di tre moduli che lavorano in modo sequenziale rispetto agli eventi giorno e notte e viceversa. In caso di necessità basterebbe poi sostituire i cavi, potenziandoli, e installare i caricatori con relativa piazzola di sosta riservata. Ogni contatore serve in genere tratti di 600-1.200 metri su ognono dei quali potrebbero trovare posto una decina di stalli di ricarica.

Led e luci adattive: anche di notte la potenza ci sarà

E nelle ore notturne, quando la rete deve alimentare i lampioni?  Per metà dell’anno sono più di quelle diurne e sono anche quelle più spesso dedicate alla ricarica delle auto elettriche. «Non è detto che di sera o di notte, quando le lampade sono accese, non si possa caricare una vettura elettrica» dice AZeco. Già con l’introduzione delle lampade a LED la potenza di carico è diminuita del 50%, fa notare l’azienda.

Un lampada a LED installata nel lampione

Inoltre un’ulteriore diminuzione del carico fra il 20 e il 25% si avrà con i dispositivi “adattivi” introdotti da Enel proprio in questi giorni. Si tratta di sistemi che adattano l’intensità della luce alle necessità reali: minore in assenza di traffico, maggiore se in strada i transiti sono più numerosi.  Si libererebbe così _ e in larga parte si è già liberata _  una potenza inutilizzata in grado di servire le colonnine anche di notte. Infine, per gli impianti di illuminazione di nuova installazione o per quelli che periodicamente devono essere rinnovati, sarebbe necessario tener conto di una capacità maggiorata. Si tratta di  investimenti da pianificare comunque, ma senza un significativo aumento dei costi.

Regole, tariffe e burocrazia: è tutto da rifare

«Questo sistema _ dice AZeco _ vuole essere un aiuto ai progettisti delle società di distribuzione, agli ingegneri degli uffici tecnici comunali, e a chiunque si interessa di sistemi di potenza, inerenti al concetto di Smart City, verso la mobilità più sostenibile e ad una veloce e fattibile divulgazione». Ma con un’avvertenza: «Per l’incremento massiccio delle ricariche delle auto elettriche si dovrà però considerare che l’approccio progettuale elettrico dovrà essere diverso dai modelli finora usati in quanto si lavorerà a parziali modifiche di impianti elettrici esistenti».

illuminazione pubblica, azeco
Lampioni intelligenti anche a Berlino

Tradotto: meno burocrazia nei rapporti fra amministrazioni comunali, società di distribuzione e operatori della ricarica che dovranno lavorare di concerto; regole nuove sui rispettivi ruoli in commedia, e, soprattutto, una tariffazione completamente ridisegnata. I Comuni pagano l’energia elettrica per l’illuminazione pubblica  0,10-0,15 euro a KWh (la metà della tariffa domestica minima): quand’anche venisse destinata alla ricaria di auto elettriche non verrebbero meno la valenza sociale del servizio, nè i minori costi di distribuzione e installazione degli impianti. Quindi non si giustificherebbero i prezzi al kWh almeno tre volte superiori praticati oggi dai gestori delle stazioni di ricarica pubbliche.

8 COMMENTI

  1. Ovviamente tutta la rete andrebbe adeguata e potenziata. A partire dai quadri elettrici
    “Basterebbe poi sostituire i cavi, potenziandoli”

    Praticamente serve rifare tutto, alla faccia del

    “Perchè non sfruttare un investimento così importante e largamente inutilizzato per altri scopi?”

    Praticamente trasformare una linea da pochi kW in MW una passeggiata, senza considerare poi che al quadro elettrico ci devi arrivare dalla cabina di distribuzione.
    La rete deve essere radicalmente ripensata e rifatta questa è la verità.
    Quello che si dovrebbe fare è una colonnina con batteria che carica la sua batteria lentamente e costantemente e quando un veicolo chiede la ricarica la fa veloce, il carico per la rete non aumentaterebbe.

    • Scendendo i costi delle batterie, nessuno vieta di fare l’uno e l’altro: un lampione con la batteria dentro (tanto è cavo) e magari, ove possibile, anche con un pannello fotovoltaico, così ora l’illuminazione pubblica, ora la colonnina di ricarica sfrutterebbero l’accumulatore come peak shaver e gli interventi sulla rete elettrica/cabina si ridurrebbero o annullerebbero. La complessità dell’intervento si sposterebbe però sul lampione.

      Ci vorrebbero tre indicatori a LED sulla base del lampione:
      – uno rosso che indica batteria scarica (tutto spento = fuori servizio)
      – uno verde con un biciclo (pochi kWh disponibili nella batteria)
      – uno verde con l’automobile (10+ kWh disponibili nella batteria)

  2. Come al solito articoli slogan….. Servono solo a dare visibilità poi nei fatti la proposta di adeguamento di un impianto di 30 anni fa quando va bene è più onerosa della realizzazione di una nuova installazione dedicata.ho lavorato nel progetto di Pescara e quel tratto di impianto è tutto nuovo. Quindi quello che il servizio lascia intendere è stato molto diverso.

    • Non conosciamo i dettagli tecnici del progetto di Pescara. Quanti punti di ricarica sono stati realizzati? A che costi? Solo così si può capire se convenga implementare la rete esistente o realizzare stazioni di ricarica dedicate, con relativi scavi ecc.

  3. Non voglio, e non posso vantarmi, ma chi mi conosce sa che da anni dico che si potrebbe fare una cosa del genere, e sono molto contento che si faccia. Per il pagamento, piuttosto che contare i kwh, che risulterebbe complicato, i comuni potrebbero chiedere una tariffa oraria per il parcheggio : cosa che già fanno, e dare con questa la ricarica compresa nel prezzo. La ricarica si potrebbe erogare tramite schuko, una per ogni stallo di sosta, e questo comporterebbe per il comune un potenziale aggravio massimo di mezzo euro a ora, aumentando le tariffe dei parcheggi di 50 centesimi a ora, si andrebbe a penalizzare chi ha auto endotermiche e favorire chi ha auto elettriche, poiché il costo del parcheggio sarebbe uguale per tutti, e la eventuale ricarica compresa nel prezzo. Mi auguro che accada presto, io lo dico da anni….

  4. ma tutti gli impianti di distribuzione attuali di carburanti liquidi e gassosi non possono diventate anche distributori di energia elettrica? Molti di questi hanno lo spazio per pannelli solari e batterie per la conservazione dell’energia. Sono dotati di bar o negozi e non vedo perché non diano impulso a questa nuova attività che ritengo prettamente commerciale.

    • Dove la penetrazione di elettrico e ibrido plug-in nel mercato è significativa (Benelux, UK, …) mi sembra stia accadendo già e in alcuni casi, dove la penetrazione è ancora maggiore (Norvegia), si sono verificati anche casi di completa sostituzione delle pompe di carburante con colonnine di ricarica.

Comments are closed.