Home Auto Le prove degli altri/ Dacia Spring e Volkswagen ID.4

Le prove degli altri/ Dacia Spring e Volkswagen ID.4

10
CONDIVIDI
la Dacia Spring e la Volkswagen ID.4 nel giudizio di due testate straniere, una francese e una americana.

Le prove degli altri / Dalla stampa interazionale il meglio dei primi test di modelli in arrivo: oggi la Dacia Sping e la Volkswagen ID.4.

Le prove degli altri / La vera autonomia della Spring…

La piccola rumena, la prima elettrica low-cost, è stata provata dal sito francese Automobile Propre (qui il test completo con un video). Tra i dati più interessanti, ovviamente, quello dell’autonomia reale su strada, rispetto all’autonomia dichiarata di 230 km. “Con una carica al 100%, il computer di bordo ci dice 209 km di autonomia quando partiamo”, scrive il giornalista Michael Torregrossa. “Dopo 60 km percorsi, la batteria mostra il 58% di capacità residua. Abbastanza per stimare l’autonomia reale intorno ai 140-145 km nelle condizioni del nostro test“. leprove degli altriSu un percorso misto che univa città, strade di campagna e autostrada, con una temperatura intorno ai 12 ° C, il computer di bordo ha indicato una media di 18,7 kWh per 100 km. Un consumo giudicato “sobrio” da Automobile Propre. Che però fa notare che “siamo ben al di sopra dei 13,9 kWh / 100 km annunciati dal marchio nel ciclo combinato WLTP”. Quante alle prestazioni, il giornalista scrive che “con solo 45 cavalli sotto il cofano (30 in modalità Eco), la Spring non è ovviamente un fulmine“. Ma l’accelerazione da 0 a 50 km/h in 5,8 secondi è sufficiente per districarsi nel traffico delle città.

…e l’autonomia in autostrada della Volkswagen ID.4

le prove degli altriUna delle prove più interessanti della nuova Volkswagen ID.4 è apparsa invece sul sito americano Car and Driver. Il giornalista Joey Capparella ha messo alla frusta il Suv  tedesco nel terreno più ostico per un’elettrica, l’autostrada. A una velocità di 75 miglia all’ora (circa 120 km/h). Risultato: l’autonomia reale rilevata è stata di 190 miglia, pari a 305 km, rispetto al dato di omologazione EPA di 400 km, ottenuto però su un percorso misto. Alla stessa velocità, fa notare Car and Driver, la Tesla Model Y ha performato meglio della ID.4, arrivando a 220 miglia di autonomia reale, pari a circa 355 km. La versione dell’ID.4 testato dal giornalista americano è un modello a trazione posteriore con un motore da 201 cavalli e un pacco-batterie  da 77 kWh di capacità netta. La Tesla Model Y (versione Long Range) ha invece una batteria da 75 kWh e la trazione integrale. Il risultato della Volkswagen, precisa il giornalista, può essere stato influenzato dal fatto che il test è stato svolto a una temperatura più fredda.

— 400 km di sola autostrada con la nuova BMW iX3: quanto consuma? Guarda il video di Paolo Mariano

 

 

Apri commenti

10 COMMENTI

  1. Quello che della spring mi preoccupa (è una delle papabili per me) è la vita della batteria. È low cost (anzi, smart buy!) anche la batteria?
    Da quanto leggo in rete, è molto ridotta all’osso, più delle sorelle Duster e Sandero. Spero che almeno sotto il cofano, abbiano puntato ad una qualità accettabile.

  2. 150km di autonomia sono pochi dicevo che 200-250 km in citta erano reali invece 150 km sono pochini in autostrada presumo (100kmh) saranno 80-100 km ribalterebbe tutte le aspettative , aspettiamo la tesla 2 per test e prezzo reale forse a quando maggio-settembre 2021

    • L’autostrada non è proprio il campo della spring. 0-100 in 19.1 secondi, se 0-50 li fa in 5,8 secondi significa che 50-100 lo fa in 13,3 secondi.

      E ho letto anche di 80-120 in più di 26 secondi…

      • Un tagliaerba insomma.

        Speriamo soltanto che i prodotti a basso costo non contribuiscano alla cattiva nomea che le auto elettriche si erano guadagnate sul lato delle prestazioni perché è costata tanta fatica, e tanti anni, gettarsela alle spalle.
        L’auto elettrica economica è un punto di arrivo importante, ma non dovrebbe essere raggiunto riducendo eccessivamente le prestazioni, per la fretta di poter dire di essere riusciti a raggiungerlo.

        Ad ogni modo se la Spring è una citycar può anche andare bene che non abbia prestazioni di riguardo in autostrada, purché non si prendano in giro i clienti che potrebbero avere aspettative diverse.

        • È quel purché non si prendono in giro i clienti che mi preoccupa….alcuni venditori le sparano grosse su altri modelli…questa non farà eccezione…

  3. Avevo già visto l’ottima “recensione” della Spring del sito Automobile propre che seguo anche su Youtube (ho lavorato diversi anni in Francia e ho parenti italofrancesi).

    Sono convinto che venderà molto bene, i presupposti ci sono tutti, nonostante le critiche sulla potenza.

    Non vedo l’ora di avere qualche primo dato statistico sulle vendite.

    Verosimilmente quando potremmo avere qualche dato? A 1 mese dal debutto o nel prossimo trimestre?

    La curiosità è tanta, perché questa Spring può accelerare il passaggio alla mobilità elettrica di molte nazioni.

  4. Mi sembrano consumi elevati 18 kWh/100km per la Spring e 22 kWh/100 km per la ID4, io con le e-Golf a 110km fissi con clima 15/16 kWh, ma considerando anche urbano ed extrarubano 14kWh/100 e solo urbano senza autostrada 12/13 kWh/100km.
    Ma che sia perché sono auto che hanno una certa altezza essendo stile SUV e quindi hanno maggior attrito con l’aria? Perché se è così con i SUV elettrici stanno sbagliando tutto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome