Home Bici Le e-bike di Eicma 2021: c’è anche Terra VR 46 di Vale

Le e-bike di Eicma 2021: c’è anche Terra VR 46 di Vale

0
CONDIVIDI
e-bike eicma 2021

E-bike Eicma 2021, novità a pioggia per il prossimo anno della mobilità sostenibile. Di seguito una carrellata delle e-bike più  interessanti viste alla kermesse milanese.

C’è tanta Italia, ma non solo, tra le novità per il prossimo anno della pedalata assistita. A Eicma le e-bike si ritagliano uno spazio da protagoniste, specchio di quanto ormai da mesi certifica il  mercato. A Vaielettrico abbiamo cercato di mettere un po’ d’ordine tra le tante e-bike interessanti viste alla rinnovata kermesse milanese.

E-bike Eicma 2021: la prima volta di Vale

Il bagno di folla per Vale

 

Come annunciato, anche Valentino Rossi entra nel mondo delle bici elettriche e ha scelto Eicma 2021 per svelare il suo lavoro. Si chiama TERRA VR|46 è la prima e-mtb concepita tra Tavullia e Bologna: una e-bike da enduro bi-ammortizzata. Made in Italy e cura nella scelta dei componenti, selezionati direttamente con le case madri dei più importati e prestigiosi brand.

Una bici pazzesca

Al progetto partecipano Bosch, Pirelli, Sram/Rock Shox, Fulcrum, Ohlins, Crankbrothers, Technomousse e Ochain. Il progetto è stato sviluppato dal team di ricerca e sviluppo di MT Distribution, che si è occupato dell’ingegnerizzazione e design del telaio e della bici. Lavorando nella Motor Valley dell’Emilia-Romagna.

Una e-bike non per tutti

 Lavoro di élite, prezzo uguale

Un lavoro di élite insomma. Che ha prodotto due facce della stessa medaglia ciclistica. Il prossimo anno infatti sono previsti due modelli della TERRA VR|46. Si tratta di una Limited Edition, produzione in 46 pezzi numerata e fornita con certificato esclusivo firmato da Valentino Rossi, assemblata con componenti wireless e in carbonio. Poi la versione Premium con componenti di alta gamma. I prezzi non sono stati comunicati, ma già sappiamo di doverci aspettare cifrone.

Cuore del progetto è il telaio in alluminio idroformato 6061 – T6 interamente studiato e progettato in Italia. Sella avanzata per garantire un’ottima posizione di guida anche con pendenze proibitive in salita e discesa. Inoltre, grazie al sistema flipchip posizionato sul fulcro inferiore dell’ammortizzatore, è possibile trasformare la geometria della bici, variando l’angolo di sterzo da 65.5° a 64.5°. Oltre ad abbassare il movimento centrale si abbassa di ben 12mm.

un vero computer di bordo

Arriva Noko, e-bike camaleonte

«L’idea di una e-bike innovativa, tecnicamente elevata ma al tempo stesso elegante e pratica mi ha sempre affascinato passando molto tempo in Danimarca. Paese di mia moglie – racconta Luca Coffa -. Per realizzare Noko ho unito il know-how di vent’anni di esperienza ricevuto da Jans Martin che ha realizzato le prime bici elettriche già nel 1998 all’esperienza nel settore auto della famiglia». Papà Coffa infatti inventò le 500 lire, per dire.

Noko in versione Forza

Noko usa la cinghia in fibra di carbonio, però offre la possibilità di montare sullo stesso telaio la trasmissione a catena a chi ha bisogno di pedalare off road. L’intercambiabilità dei due sistemi di trasmissione è resa possibile grazie alle similitudini tra la cinghia Noko e la classica catena. Anche i freni sono intercambiabili. Il telaio versatile permette di montare in maniera diretta i freni da gravel, mentre mediante l’uso di specifici adattatori è possibile montare i freni per il modello urban.

Noko in tre varianti

La nuova Noko e tutta la sua famiglia

Tre  versioni  della stessa bici. Due modelli urban: NOKOTEMPO e NOKOFORZA. Il terzo modello NOKOVULCANO è per coloro che amano sentieri offroad. Le prime due costano  circa 4.000 euro, la terza richiede 400 euro in più. Per quanto riguarda i rapporti la NOKOVULCANO è equipaggiata con una corona anteriore da 42 denti e un pacco pignoni a 11 velocità 11-36 denti.

la Nokotempo

re  versioni  della stessa bici. Due modelli urban: NOKOTEMPO e NOKOFORZA. Il terzo modello NOKOVULCANO è per coloro che amano sentieri offroad. Le prime due costano  circa 4.000 euro, la terza richiede 400 euro in più. Per quanto riguarda i rapporti la NOKOVULCANO è equipaggiata con una corona anteriore da 42 denti e un pacco pignoni a 11 velocità 11-36 denti.

…e la Nokovulcano

NOKOTEMPO e NOKOFORZA non hanno cambio e sono equipaggiati con una puleggia anteriore da 42 denti e una posteriore da 19. Il sensore di coppia integrato fornisce una potenza proporzionale all’intensità della pedalata: l’utente potrà beneficiare di maggiore accelerazione semplicemente incrementando la sua spinta sui pedali.

NOKOTEMPO e NOKOFORZA non hanno cambio e sono equipaggiati con una puleggia anteriore da 42 denti e una posteriore da 19. Il sensore di coppia integrato fornisce una potenza proporzionale all’intensità della pedalata: l’utente potrà beneficiare di maggiore accelerazione semplicemente incrementando la sua spinta sui pedali.

 E-bike Eicma 2021:rivoluzione Bad Bike

Per ora è un prototipo la nuova BAD, l’ultima nata dell’azienda italiana che sarà in commercio dalla primavera 2022. Il sistema brevettato Double B System promette di essere uno spartiacque nel mondo delle biciclette elettriche. Con lui si può configurare la nuova BAD sia con motore posteriore che con qualsiasi motore centrale attualmente in circolazione. La progettazione e il design sono stati realizzati da Bad Bike Styling in collaborazione con il designer Diego della Spina.

La nuova Bad

Nuova BAD sarà equipaggiata con un display integrato nel manubrio e il design sarà esaltato dall’assenza all’esterno dei cavi dei freni e fili elettrici che saranno tutti contenuti nel piantone dello sterzo e nel telaio. Inoltre, pur essendo una bici pieghevole, la batteria – di grande capacità 48V e 15 Ah Samsung – sarà integrata nel montante centrale del telaio, come anche i fari anteriori che saranno incassati nel telaio. La bici sarà ammortizzata sia anteriormente che posteriormente.

L’uscita è prevista per la primavera 2022 e il prezzo, ancora non definitivo, si aggirerà intorno ai 2.600 euro per la versione con motore posteriore Bafang da 250 W.

E-bike Eicma 2021, Scott

Sospensione posteriore completamente integrata nel telaio e tecnologia TwinLoc per il blocco dal manubrio, aumentando l’efficienza della pedalata, motore Bosch da 85Nm e fino al 340% di assistenza, con un nuovo software che amplifica la naturale sensazione della pedalata, batteria da 750Wh… questo e molto altro nella nuova Patron eRIDE, una vera bici da trail dalla forcella ai parafanghi, disegnata per conquistare ogni terreno, da un trail alpino veloce a uno tecnico e stretto nella foresta, grazie ai suoi 160mm di escursione davanti e dietro.

Scott e-Patreon

La famiglia della nuova Patron eRIDE si compone di 7 versioni diverse: 2 modelli da donna con la Contessa Patron eRIDE 910 (6.599.- €) e la 900 (7.699.- €), seguiti da 5 modelli da uomo, a partire dalla Patron eRIDE 920 (5.999.- €), 910 (6.599.- €), 900 (7.699.- €), 900 Tuned (8.699.- €) per finire con la Patron eRIDE 900 Ultimate (10.999.- €). Alcuni modelli sono già in vendita da questo mese, altri ne  arriveranno a inizio 2022.

Vent fa per due

Una gravel dal nome evocativo Frontier e una enduro Grigna. Ecco cosa porta Vent a Eicma 2021. La Frontier utilizza il sistema TST nel tubo orizzontale, soluzione tecnica brevettata che garantisce un assorbimento delle asperità nell’utilizzo in off-road. Frontier è equipaggiata con il nuovo sistema FSA HM 1.0 al mozzo posteriore da250 W. Il sistema prevede anche un range extender “a borraccia” (optional) per allungare le escursioni, oltre ad essere completato da un comando remoto che si integra nel tubo orizzontale e gestisce cinque impostazioni di assistenza, dalla modalità “eco” (verde) a quella“boost” (rosso), che fornisce fino a un massimo di 250 W e 42 Nm di coppia. Costo da primavera circa 8.000 euro.

Vent Frontier

Grigna ha un telaio “scavato” per lavorazione meccanica con sospensioni a corsa lunga e con l’assistenza di un motore e di una batteria di lunga durata. Fatta completamente di  alluminio 100% riciclabile. Con 180 mm di escursione anteriore e posteriore, Grigna è anche l’unica e-bike con telaio in alluminio completamente lavorato a CNC al mondo.. Sarà sul mercato in tarda primavera 2022 ad un prezzo indicativo di 13.000 euro.

Vent Grigna

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it—

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome