Home Auto Le 7 elettriche meno costose del mercato

Le 7 elettriche meno costose del mercato

10
CONDIVIDI

 

Le 7 elettriche meno costose del mercato: con gli incentivi si può scendere sotto i 10 mila euro, prezzo competitivo con le citycar a benzina. Ma poi mantenere un’auto a batterie costa molto meno, per rifornimenti e manutenzione. Più altri vantaggi: non pagare il bollo per 5 anni, accedere gratis alle ZTL e ai parcheggi…   — Leggi anche: incentivi auto elettriche e ibride plug-in, arrivano altri soldi –

Le 7 elettriche…/ Dacia Spring, la prima low-cost

Per ora la si può prenotare, da maggio la si potrà vedere e provare in concessionaria, le consegne inizieranno da settembre. Si tratta di un piccolo Suv costruito dalla marca rumena del Gruppo Renault. Queste le caratteristiche:

  • Lunghezza 3,73 metri (10 cm. in più della 500 elettrica), con spazio a bordo per 4 adulti. Autonomia di 230 km WLTP (fino a 305 km in città), con batteria da 27,4 kWh.
  • La potenza massima (33 kW, 45 Cv) non è il suo punto forte, ma nella video-prova di Vaielettrico.it se l’è cavata bene in tutte le situazioni, autostrada compresa.

le 7 elettriche meno costose

  • Disponibili 3 versioni: la versione per privati e piccole Aziende. La Business, dedicata al car sharing. E, infine, a partire dal 2022, la versione Cargo, per chi la usa per lavoro, con un volume di carico pari a 1.100 litri.
  • I prezzi partono da 19.900 euro, ma con gli incentivi (rottamando una vecchia auto) si può scendere fino a 9.460. È di gran lunga l’elettrica meno cara in assoluto.

Le 7 elettriche…La Twingo, una delle più vendute

Costa circa 3 mila euro in più della Dacia Spring (22.950 per la versione base, la Zen), ma anche qui si può scendere a poco più di 12 mila euro rottamando una vecchia auto. È al 5° posto tra le elettriche più vendute in Italia nel 2021. Le caratteristiche principali:

  • Lunghezza 3,60 metri con spazio a bordo per 4 adulti. Autonomia media di 190 km, ma in città il dato omologato sale a 270 km. La batteria ha 22 kWh di capacità.
  • La potenza massima è di 60 kW (82 Cv), si tratta chiaramente di un’auto per la città, dotata comunque di un’accelerazione piacevole (da 0 a 100 in 12,6 secondi).

le 7 elettriche meno costose

  • Disponibili tre allestimenti: oltre alla Zen citata, proposte le versioni Vibes (24.850 euro) e Intens (25.150 euro)
  • La ricarica può avvenire solo in corrente alternata, anche in trifase fino a 22 kW. In pratica serve mezz’ora per immettere l’energia necessaria per fare 80 km.

Smart EQ ForTwo, un classico ormai solo in elettrico

Non tutti sanno che la Smart da due anni ormai è una marca solo elettrica. La versione più venduta (soprattutto a Roma) è quella a due posti, la ForTwo appunto.

  • La lunghezza di 2,74 metri ne fa un veicolo unico per chi cerca agilità nel traffico e facilità di parcheggio. Batteria da 18 kWh e 143 km di autonomia
  • La potenza è 60 kW pari a 82 kW, il motore è lo stesso della Twingo. Su un’auto così leggera, lo scatto ai semafori è divertente (11, 5 secondi nello 0-100 km/h).

le 7 auto elettriche meno costose

  • Disponibili due allestimenti: il più economico, Pure, costa 25.210 euro, prezzo da cui detrarre incentivi e sconti. La versione Passion è a listino a 27.600 euro.
  • In arrivo il nuovo modello. La nuova Smart dovrebbe arrivare nel 2022, costruita in Cina nell’ambito della joint venture tra Daimler-Mercedes e Geely. Il fatto che questa serie sia alla fine potrebbe facilitare l’ottenimento di buoni sconti.

Smart EQ For Four: quattro posti, stessa batteria

Costa poco più della versione a due posti, con un listino che parte da 25.832 euro. Ma qui i posti sono quattro, l’ideale per chi deve trasportare i figli sugli appositi seggiolini.

  • Dimensioni: lunghezza di 350 cm, comunque tale da garantire una certa agilità nel traffico. Batteria da 18 kWh e autonomia che si riduce a 138 km, causa maggior peso
  • Potenza omologata di 60 kW (82 Cv), con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 12,7 secondi, ovviamente più lenta della sorellina a due posti.

le 7 elettriche meno costose

  • Disponibili quattro allestimenti: oltre alla meno costosa, la Pure, ci sono la Passion (28.152 euro), la Pulse (391 euro) e la Prime (poco più di 31 mila euro).

Fiat Nuova 500: la più venduta in Italia

Saliamo sopra i 26 mila euro (di listino, meno sconti e incentivi) con la versione meno cara della 500 elettrica. È la Action Berlina, con autonomia limitata.

  • Lunghezza di 363 cm, con 4 posti (i due dietro un po’ sacrificati, anche se lo spazio è maggiore rispetto al modelli a benzina). Batteria da 23 kWh e autonomia 180 km.
  • Potenza massima 70 kW (95 Cv), con un’accelerazione da 0 a 100 in poco più di 9 secondi, niente male per una piccolina.

le 7 elettriche meno costose

  • Disponibili diversi altri allestimenti, tutti con batteria da 42 kWh e autonomia fino a 330 km. Si va dai 29.900 euro della Passion fino ai 38.900 de La Prima Cabrio. Queste versioni sono anche più potenti: 87 kW, pari a 118 Cv.
  • Nel 2021 la Nuova 500 è l’elettrica più venduta in Italia, con oltre 2 mila auto immatricolate. Lo stesso numero di auto è stato venduto sul mercato francese.

Opel Corsa-e, cominciamo a salire di categoria

Con la Opel Corsa-e non siamo più nella categoria delle piccole: questa vettura tedesca appartiene al cosiddetto segmento B, con spazi interni ben superiori. Caratteristiche:

  • Le dimensioni. Siamo a 406 cm.di lunghezza, con un’abitabilità interna per famiglie più numerose rispetto delle auto descritte sopra. I posti sono 5, abbastanza comodi.
  • Il motore ha una potenza massima di 100 kW (136 Cv). L’autonomia può arrivare fino a 337 km, con una batteria da 50 kW.

le 7 elettriche meno costose

  • Disponibili quattro versioni: la meno costosa, la e-Edition, parte da 32.400 euro, da cui togliere gli incentivi e gli sconti. Questi ultimi piuttosto generosi.
  • Nel rapporto valore-prezzo in questo momento è probabilmente una delle offerte più competitive per chi cerca un’elettrica da usare anche per viaggi fuori-città.

Le 7 elettriche…E per finire la e-208, più pretenziosa

Chiudiamo la carrellata delle 7 elettriche meno costose con la Peugeot e-208, cugina francese (un po’ più pretenziosa) della Opel Corsa-e. Con cui condivide base tecnica, motore e pacco batterie.

  • Le dimensioni. Anche questa è un’auto da oltre 4 metri (4,06 per la precisione) con 5 posti. E un’autonomia non solo da città: 340 km, con batteria da 50 kWh.
  • Anche la potenza massima è la stessa della Corsa-e: siamo a 100 kW (136 Cv), con un’accelerazione da 0 a 100 km in soli 8,1 secondi.

  • Disponibili diverse versioni: la meno costosa, la Allure, parte da 33.850 euro, a cui sottrarre sconti e incentivi. La più costosa, la GT Pack, arriva a 37.850.
  • In Francia la Peugeot e-208 nel 2021 contende alla Tesla Model 3 il primato dell’elettrica più venduta, superando anche rivali agguerrite come la Renault Zoe.

 

 

Apri commenti

10 COMMENTI

  1. Che fortuna aver potuto prendere in tempo la VW e-up qualche mese fa: un vero gioiellino dall’autonomia superiore a molte di queste.

  2. Tutto quanto molto bello lasciando in parte le concessionarie . Ma la mia domanda è perché non sviluppano auto con motori a combustibile sintetico oppure idrogeno queste inquinamento 0. La mia domanda è dove andranno le batterie di queste auto una volta che devono essere smaltiti e poi le centrali elettriche dovranno produrre più corriente per le carica perché di conseguenza aumenta la domanda e addirittura l’inquinamento delle centrali elettriche ecco quello che penso io importa solo il soldi

  3. Sono d’accordo che voi vi basate sui prezzi di listino ma la realtà in concessionaria poi è differente.
    fatto molti preventivi e le auto realmente disponibili e ordinabili in concessionaria non sono le versioni base (anche perché manco i vetri elettrici posteriori hanno) e di fatto una e208 viene lo stesso di una id3 city e prenderei la city ad occhi chiusi.
    Mi sono anche lamentato con Peugeot Italia della cosa e si sono pure scusati demandando la responsabilità alle concessionarie che a detta loro non ordinano modelli meno accessoriati sui quali c’è meno sconto.

    • Queste son cose che non ho mai capito. Alla fine le concessionarie cercano sempre di vendere quello che hanno pronto o in arrivo…

    • Perché sono due marchi e due auto diverse. Anche la Twingo e la Smart hanno componenti comuni, quale dovremmo eliminare?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome