Home Scenari L’Agenzia per l’Energia ai governi: sostenete di più l’auto elettrica

L’Agenzia per l’Energia ai governi: sostenete di più l’auto elettrica

3
CONDIVIDI
agenzia energia
Fathi Birol
L’Agenzia internazionale per l’energia (IEA) chiede ai governi di finanziare la mobilità elettrica con piani di stimolo economico. Nel mirino soprattutto le batterie e i punti di ricarica.

agenzia energiaI veicoli elettrici stanno vivendo uno slancio molto forte, ma i governi devono fare di più per incoraggiarne lo sviluppo, ha affermato ieri l’Agenzia internazionale per l’energia.

Il numero di veicoli elettrici (auto, furgoni, camion e autobus) dovrebbe raggiungere i 145 milioni entro il 2030 se le tendenze attuali continueranno, calcola l’IEA in un rapporto.

Obiettivo 230 milioni nel 2030

«Ma la flotta globale potrebbe raggiungere i 230 milioni se i governi accelerassero i loro sforzi  in materia di clima ed energia», scivono gli autori.

Ciò potrebbe andare anche oltre se il mondo si mobilitasse per raggiungere la neutralità del carbonio nel 2050. L’IEA deve dettagliare questa prospettiva in una relazione speciale prevista per il 18 maggio.

Piani di stimolo e incentivi per investire sull’elettrico

«Le attuali tendenze commerciali sono molto incoraggianti», ma la tendenza deve accelerare, ha affermato il direttore generale Fatih Birol. Birol ha quindi  esortato i governi a utilizzare «pacchetti di stimolo economico per investire nella produzione di batterie e nello sviluppo di infrastrutture di ricarica estese e affidabili».

Secondo i dati dell’Agenzia per l’energia l’anno scorso le immatricolazione di veicoli elettrici hanno raggiunto il record di 3 milioni. Nonstante la crisi Covid, si è quindi registrato un balzo in avanti del  41% su un anno. I veicoli elettrici circolanti oggi nel mondo sono oltre 10 milioni, più un altro milione di veicoli vari.

«Il forte slancio delle auto elettriche è continuato quest’anno, con le vendite nel primo trimestre del 2021 che hanno raggiunto quasi due volte e mezzo il livello dello stesso periodo dell’anno scorso», afferma ancora  l’IEA.

Ma l’Itala fa poco, persa l’occasione PNRR

Guardando però a come i tre principali Paesi d’Europa impiegheranno i fondi del Recovery Plan destinati all’ambiente si scopre che l’Italia è quello che ne indirizza di meno alla promozione della mobilità elettrica. Il grafico qui sopra è stato elaborato dalla società di studi economici Bruegel. Mostra che alla mobilità sostenibile (colore giallo)  Francia e Germania dedicano almeno un terzo del totale, mentre  l’Italia poco più del 10%. Questo perfettamente in linea con le dichiarazioni rilasciate l’altro giorno dal ministro Roberto Cingolani.

—-Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al nostro canale YouTube

3 COMMENTI

  1. Con la IEA ancora un’ulteriore autorevole voce a favore dei veicoli elettrici! E all’orizzonte continui miglioramenti nelle batterie con stato solido, grafene, anodo con silicio e tanto altro ancora.
    E noi qua in Italia un Cingolani che ignora tutto questo e ci costringe a seguire la sirena dell’idrogeno che è da 30 anni che non porta da nessuna parte!

  2. Al contrario i governi devono rispettare le imposte versate dai cittadini e dedicarle a ben altro a iniziare dalla sanità…per dirne una…se uno vuole un auto se la compra e se la paga in base alle sue esigenze e possibilità.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome