Home Nautica La svolta green di Grimaldi: navi Zero Emission in porto

La svolta green di Grimaldi: navi Zero Emission in porto

3
CONDIVIDI
traghetto elettrico
Eco Barcelona, nave di Grimaldi

Grimaldi punta sulle emissioni zero. Almeno in porto con la “Zero Emission in Port®”. Quando sono ferme in banchina le nuove navi della compagnia utilizzano l’energia immagazzinata nelle batterie a litio che si ricaricano durante la navigazione con lo shaft generator e i pannelli solari: da 350 a 600 metri quadri.

Sono a zero le emissioni locali

navi elettriche
La Cruise Roma con il sistema Zero Emission

Sia chiaro il problema globale delle emissioni non è risolto, ma a livello locale possiamo parlare di emissioni zero. Quelle reclamate dai comitati di cittadini di Genova, La Spezia, Napoli – per ricordare le associazioni più attive – che lottano da tempo, visti i tanti malati gravi e i morti causati dall’inquinamento atmosferico, per eliminare o ridurre sensibilmente il veleno diffuso dalle navi. Le batterie vengono ricaricate in navigazione prelevando l’energia necessaria da alternatori direttamente collegati ai motori propulsivi.

12 i traghetti ibridi, su Cruise Roma e Barcellona batterie da 5 MHw

La flotta green della Grimaldi, Grimaldi Green 5th Generation (GG5G), è formata da 12 unità ibride commissionate al cantiere cinese Jinling di Nanjing. Secondo l’armatore: “Sono le più grandi unità ro-ro al mondo per il trasporto marittimo di corto raggio e anche le più ecofriendly“. Sono anche dotate di un impianto di depurazione dei gas di scarico per l’abbattimento delle emissioni di zolfo e particolato.

traghetti elettriciDa menzionare anche le nave Cruise Roma e Barcelona che già dal 2019 hanno operativo un sistema Zero Emission dove è stato installato un impianto di mega batterie al litio, in totale sono 976, della capacità di oltre 5 MWh per alimentare la nave durante le soste nei porti senza la necessità di mettere in funzione i generatori diesel.  

Le prime navi: Eco Valencia e Eco Barcelona

La flotta green deve essere completata, al momento la compagnia partenopea ha preso in consegna la Eco Valencia e la Eco Barcelona. Il Registro Italiano Navale ha assegnato la notazione “Green Plus” ovvero la certificazione RINA di più alto livello per la sostenibilità ambientale: “Riconosce che durante l’operatività della nave – sottolineano dalla compagnia – si va oltre i livelli minimi richiesti dalla normativa internazionale di riferimento“.

Grimaldi: “Efficienza raddoppiata”

Vediamo alcuni dati di Eco Valencia e Eco Barcellona: lunghezza 238 metri e larghezza 34, stazza lorda di 67.311 tonnellate ed una velocità di crociera di 20,8 nodi. Numeri da record: “La nave, batte bandiera italiana, è la più grande unità roro al mondo dedicata al trasporto marittimo di corto raggio e può trasportare 7.800 metri lineari di merci rotabili. La capacità di carico dei suoi garage è doppia rispetto a quella delle più grandi navi del gruppo“. Nonostante le dimensioni: “La nuova nave consuma la stessa quantità di carburante a parità di velocità. Ciò significa un’efficienza raddoppiata in termini di consumo per tonnellata trasportata“.

Sono 12 navi ibride: 9 nel Mediterraneo e 3 in nord Europa

barca elettrica
La Eco Barcelona prima del varo

La flotta sarà impiegata nel Mediterraneo con nove unità ed altre tre, con la consociata Finnlines, nel nord Europa. La Eco Valencia sarà operativa e servirà regolarmente i porti di Livorno, Savona, Barcellona e Valencia. Per l’Ad del Gruppo Emanuele Grimaldi queste navi: “Sono il frutto di una visione green che ha sempre ispirato e guidato le nostre scelte e i nostri investimenti. Vedere i nostri sforzi prendere forma ci incoraggia a continuare su questa strada nonostante le difficoltà di questo periodo storico”.

Ma per superare i limiti delle batterie servono le banchine elettrificate

Genova investe sulle banchine elettrificate
Investimenti sulle banchine elettriche a Genova

Tutto bene, ma per essere completi nell’informazione bisogna dire che le batterie non garantiscono le emissioni zero durante le soste lunghe da 24 ore. In estate poi il carico molto elevato degli impianti dell’aria condizionata limitano la durata delle batterie. Lo scrive in modo chiaro la Grimaldi nel suo report di sostenibilità. Servono quindi le banchine elettriche, non solo costruite ma anche funzionanti, che permettono di superare i limiti delle batterie. Gli investimenti sono stati promessi, leggi qui, speriamo vengano recepiti e non stravolti, meglio potenziati, con i fondi della Next Generation.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it —

Apri commenti

3 COMMENTI

  1. Ottima notizia dato che:
    Il trasporto navale (merci & persone) è sempre stata una modalità di trasporto MOLTO inquinate: non tanto per la CO2 emessa ma per soprattutto gli inquinanti (zolfo, vanadio, ed altri) presenti nei combustibili che vengono, con la combustione, dispersi nella atmosfera; chiaramente essendo motori a pistoni emettono NOx e particolati.
    Infine le banchine portuali molto raramente forniscono energia elettrica alle navi, esse stazionano in porto con i motori dei generatori accesi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome