Home Auto La Skoda Citigo-e fuori produzione, la e-Up ancora no

La Skoda Citigo-e fuori produzione, la e-Up ancora no

29
CONDIVIDI
La Skoda Citigo iV era l'elettrica più a buon mercato, ma è uscita di produzione.

La Skoda Citigo-e iV non è più in produzione, mentre la sua omologa a marchio Volkswagen, la e-Up, ha già esaurito le auto disponibili per il 2020. Se ne riparla l’anno prossimo.

La Skoda Citigo iV era la più economica sul mercato

Sono le elettriche più a buon mercato (la Citigo in particolare), ma purtroppo ce n’è poca o nessuna disponibilità. I media tedeschi fanno sapere che la piccola Skoda a batterie ha proprio finito il suo ciclo di vita. Il direttore Vendite & marketing del marchio boemo del gruppo VW, Alain Favey ha tagliato corto, in una dichiarazione ad Autocar : “Citigo ha finito, per quanto riguarda l’Europa siamo esauriti, non abbiamo più auto. E non ci sarà una sostituzione, non abbiamo intenzione di produrre un’auto di queste dimensioni in futuro”. Amen.

La Volkswagen e-Up: in Italia non c’è più disponibilità per quest’anno, se ne riparla nel 2021.

Quanto alla Volkswagen e-Up, il portavoce della Casa ci ha spiegato: “In Italia abbiamo finito le quote della e-up! e quindi non è più ordinabile. Dovremmo riprendere a venderla entro la fine dell’anno per le quote 2021“. Stessa situazione in Germania, dove la Volkswagen ha fatto sapere che “a causa del forte aumento della domanda di veicoli elettrici, abbiamo deciso di rimuovere temporaneamente la e-Up dai listini”. I tempi d’attesa per le consegne erano arrivati addirittura a 16 mesi.

In Italia 1.451 e-Up vendute in 8 mesi, ma…

In effetti la e-Up ha avuto un successo inaspettato, grazie anche ai forti incentivi, fino a diventare uno dei modelli Volkswagen più richiesti. In Germania la piccola elettrica, con  l’Iva ridotta al 16%, costa di listino 21.421 euro, ma con l’eco-bonus lo sconto è di 9.480, portando il prezzo vero a 11.941 euro  “Era quasi come se tutti coloro che erano interessati alla e-Up avessero premuto contemporaneamente il pulsante di ordinazione“, ha detto il capo del marketing Juergen Stackmann al sito KFZ-Betrieb (qui).

la Skoda Citigo
Una Volkswagen e-Up è in dotazione anche al 113 della Questura di Verona

In Italia nei primi otto mesi dell’anno si sono vendute 1.451 e-Up (terzo posto assoluto tra le elettriche). Ma la potenzialità di mercato sarebbe stata ben maggiore, se ci fossero state macchine disponibili per le consegne. Ora se ne riparla nel 2021, ma la Volkswagen sembra concentrata soprattutto sulla nuova generazione di auto elettriche ID, con una nuova piccola in arrivo entro tre anni.

 

 

 

Apri commenti

29 COMMENTI

  1. La vera causa dello stop la sanno solo loro.Non credo che la fabbrica lavori in perdita.Con
    tutte le prenotazioni in corso basterebbe alzare leggermente il prezzo,se la causa fosse questa.Ho notato che le vetture prodotte fino al 2019 avevano installato una batteria di
    17kW/h(batteria collaudata negli anni),ora sono passate a 37kW/h perchè,dicono, hanno usato un tecnologia nuova di produzione.Si sa che il costo di un vettura elettrica è legata al costo
    delle batterie.Ho il sospetto che queste nuove non “tengano” 8 anni garantiti per cui è meglio
    fermare tutto e sostituire quelle in circolazione.Ve lo immaginate sostituire batterie difettose per
    migliaia di vetture,la fabbrica fallirebbe.Attenzione anche a quelle da 22 kW/h.La batteria,per
    durare di più,deve essere caricata al90%, diminuendo l’autonomia dichiarata.Fra 8 anni
    ci sarà un ulteriore calo del 20%,fra 10 anni la vettura avrà un autonomia di una bici elettrica.
    meditate gente. saluti

  2. 24 commenti e (quasi) nessuno che ha capito perché è stata tolta dal mercato. Si vede che siete tutti imprenditori e si vede che quando viene il vostro responsabile vendite a dirvi “capo, capo, abbiamo il telefono che bolle, tutti vogliono il nostro prodotto, abbiamo già prenotazione da qui a 18 mesi!” voi non siete tanto furbi da rispondergli “e tu cosa aspetti?!? Levala sul dal listino, corri!!!”.

    Dai, su, com’è possibile? Conto fino a 100 e vi do il tempo di pensarci? E dai … ma è ovvio! Se oggi lo stato desse 300 euro per acquistare cellulari 5g, credete ancora che i produttori di cellulari sarebbero così stupidi da non cogliere l’occasione, smettere di vendere la fascia di modelli 5g fino a 300 euro e continuare a vendere solo quelli da 600 euro? Voi siete di fuori. Allora, ragazzi miei, la FCA esce dal segmento A e farà solo roba premium. Perché fanno tutti i suv e non più le utilitarie? Perché possono rifilarvi i suv con un sovrapprezzo! Tutti vogliono vendere la roba premium, guardate Apple. Figuratevi se con gli incentivi non ne approfittano. L’auto elettrica deve essere e rimanere premium, mentre i governi ci stritolano le pa@@e e fanno terrorismo per farci passare al premium loro devono approfittarne e tenerne i prezzi alti per massimizzare i guadagni. Per questo addio modelli economici (roba da cinesi! che schifo!), evviva il mercato premium. Tra l’altro noi europei siamo l’unico popolo fesso e abituato ad acquistare ciò che è premium, le Tesla vendute qua negli USA costano la metà, ma questo vale per tutto, la stessa Xiaomi ci ha rifilato il Poco F2 al doppio del prezzo del Redmi K30 che è lo stesso cellulare venduto però solo in Cina (e gli europei a comprarlo in massa!).

    Volkswagen ha fatto BENISSIMO (perché io condivido la legge di mercato che gli idioti vanno bastonati) a smettere di vendere l’elettrica economica (“gli stiamo dando un’elettrica al prezzo di una Panda? Ma siete impazziti?!? Vi licenzio tutti!!!”) e a imporci solo le costosissime IDx, ce lo meritiamo, perché noi siamo …, vabbé non mi ripeto. E voi sbrigatevi a comprare le IDx perché un costruttore che vi dà per 40000 euro un’auto con 240 km di autonomia reale va premiato. E ringraziamo anche i governi europei che grazie agli incentivi hanno drogato il mercato di ibride ed elettriche facendo schizzare i prezzi ed evitando una seria concorrenza (solo da noi infatti FCA può permettersi di vendere una 500 elettrica allo stesso prezzo di una Xpeng P7, perché noi siamo … 😀 ).

  3. Perdonami Leandro, per quale motivo non si possono permettere un cambiamento così veloce? E UP e sorelle costavano 23k, sinceramente nel panorama elettrico (viste dimensioni e prestazioni) mi sembrava proporzionato.

    • Perchè hanno intere fabbriche/filiere da riprogrammare/riorganizzare ed ad oggi tutte le auto termiche prodotte rimarrebbero invendute sui piazzali quindi “conviene” fare un passaggio soft continuando a vendere le vecchie termiche iniziando ad inserire linee di produzione per le elettiche avendo così ben bilanciato il tutto.

  4. Sarei curioso di sapere la Seat Mii che fine ha fatto… probabilmente ha venduto ancora meno di Citigo.
    Se una macchina ha un prezzo di vendita sbagliato per costi non correttamente calcolati, si può sempre correggere. Rimuoverla dal mercato dopo meno di 9 mesi è da stronzi. E da stupidi, perché comunque dovranno garantire le parti di ricambi per 10 anni, non avranno ammortizzato assolutamente i costi di marketing, di distribuzione, ecc

    • Non è una questione di costi ma di scelte.. sanno il boom di queste elettriche quindi non si possono permettere un cambiamento così veloce! Una e-up vogliamo fare un conto veloce diciamo anche 10k per la macchina più la batteria (150×36=5400) siamo a 15400 diciamo anche 18/19k avevano un margine di diverse migliaia di euro e stò secondo me molto largo…

      • Non credo che il costo delle batterie della auto VW sia così basso. Sei ottimista. La batteria è a 32 kWh ed è prodotta da LG o SKI o CATL e nessuno di loro è capace di vendere a meno di 200$ al kWh per cui solo di batterie di sono almeno 6000 euro. Più il resto, più l’automobile stessa direi che non c’è margine.

        • Ma guarda non sono ottimista, ricordavo di 36 kWh di batteria forse è lorda ma comunque diciamo 32 kWh ad oggi il prezzo per unità è sulle 150/160 euro o dollari questo era un dato che avevo sentito ufficiale per il resto anche fosse 6k non so come ragionate ma il resto cosa scusa?? Ma vedi quanto è più semplice un motore solo aprendo il cofano dell’auto sembra davvero quello di una lavatrice (eufemismo) e tutte le componenti in meno non sono risparmi??? (Marmitta, distribuzione, il cambio etc) ma davvero voi credete che costa oltre 23k euro una citycar di quelle dimensioni dai su.. io è da un bel po’ che non credo a babbo Natale poi se voi volete potete credere a tutto quello che vogliamo.

        • CATL fa prezzi anche a USD 65/kWh per le celle LFP. Sicuramente LG Chem per VW è sotto USD 100/kWh per le NCM 622 della e-UP. Aggiungi qualche migliaio di euro per il BMS e considera che non c’è controllo attivo della temperatura e ottieni il costo di produzione del pacco batterie.

          • falso. i dati industriali degli analisti dicono che solo Tesla si avvicina ai 150 $/kwh
            quello che pubblicizzano i cinesi sono generalmente bufale che non hanno MAI riscontro nella realtà, infatti la CATL ha avuto un calo netto delle vendite di batterie del 20% malgrado abbia iniziato a fornire roba di bassa concentrazione come le batterie dei poveri LFP per le Model 3 di basso livello lower cost fatte in Cina.
            LG Chem non ha MAI diffuso quel dato, se hai un link per provarlo per cortesia lo vorrei leggere
            CATL e BYD sono produttori in forte calo, sono in crescita solo i coreani. Panasonic ha risentito del lockdown in Nevada ma sta recuperando in fretta.
            BYD produce mascherine anti covid per fare profitti e rimanere a galla.

          • Luca, capisco l’osservazione. La stima di BNEF a $156/kWh del dicembre 2019, oltre a essere una media ponderata sui volumi di vendita si riferisce a prezzi dei contratti di quasi un anno fa.

            La pandemia, per quanto devastante, va vista purtroppo a livello economico-industriale solo come una fluttuazione locale nei trend e nelle previsioni a 5-10 anni.

  5. “Citigo ha finito, per quanto riguarda l’Europa siamo esauriti, non abbiamo più auto. E non ci sarà una sostituzione, non abbiamo intenzione di produrre un’auto di queste dimensioni in futuro”.
    Vendevano in perdita, enorme perdita non sostenibile, ed hanno venduto questi numeri solo perché li abbiamo finanziati noi con le nostre tasse attraverso incentivi che contribuiscono a rendere accettabile il prezzo di un auto non economica da produrre. Si capisce allora Marchionne che più onestamente disse agli americani di non comprare la 500 elettrica perché ci rimetteva soldi.

    • Ma che perdita dai su non continuamo a dire queste cose ma una citycar che costerà massimo massimo 10k con tutte le componenti in meno che costava da listino 23k (poi scontata)…

  6. E’ una vergogna.

    Due anni fa hanno sospeso la produzione delle auto a metano in quanto avevano superato le quote
    Ora sospendono la E Up per aver superato le quote.

    Ma di stanno facendo il gioco?

    • Salvo poi avere i piazzali pieni di Golf a metano quando la produzione è ripartita, ma la gente non era più interessata.
      Il più grosso problema che hanno le case è il loro stesso sistema di produzione: la messa in servizio di una linea di produzione richiede mesi e questo comporta uno scollamento sempre più evidente tra domanda e offerta

  7. Da possessore di Citigo non posso che parlarne bene, la macchina perfetta per la città…e non solo. A mio avviso l’hanno fatta uscire per rientrare nei limiti UE ma a un prezzo non profittevole. Visto che ne stavano vendendo troppe hanno deciso di intervenire.

  8. Mah a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca… Io non capisco proprio come ragionano una citycar con prezzi perfetti (con gli incentivi) e per la “massa” delle persone la producono in numeri ridotti mah come si fa?? E stiamo parlando di vw??? ah si colei che ha avuto l’apice del dieselgate… ora tornano i conti!!

    • Quando VW tagliò il listino di eup e egolf lo fece per attirare attenzione sull’ elettrico in funzione di ID.3.
      Probabilmente erano auto in perdita (o quasi) e i numeri erano stati accuratamente studiati.
      Gli incentivi (in Italia e Germania sicuramente, ma forse anche altrove) hanno fatto saltare il banco.
      Se ne riparla nel 2021, con che numeri e a che prezzo è tutto da vedere.

      • Dai su che un auto come la e-up costa quasi il doppio (quella elettrica) e viene resa molto appetibile dagli incentivi, si continua sempre a dire che erano in perdita ma se costa 23k dai su capiamo che è solo una presa in giro ed hanno capito che stavano andando troppo forte perchè bisogna “essere” più morbidi nella decarbonizzazione perchè a quasi parità di prezzo chi comprava più l’up a combustione classica??? In città è perfetta!

  9. Piccolo gioiello. Ho fatto più di 7000 km in meno di tre mesi e posso solo parlarne bene… anzi ne sono entusiasta! Uccisa dal marketing…

    • anche noi abbiamo già fatto 4500 km dai primi di luglio e siamo pienamente soddisfatti !! ma i geni del marketing automobilistico preferiscono imprese mirabolanti all’ inseguimento di Tesla. arriveranno i cinesi e asfalteranno definitivamente l’industria europea

  10. Un vero peccato: per la città erano le auto di dimensioni giuste al prezzo giusto.
    Probabilmente non sono profittevoli ma in attesa della ID.1 (2023, 2024 o chissà) quale sono le citicar elettriche rimaste?
    Zoe non è una citycar (e non è proprio economica) e Corsa nemmeno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome