Home Ricarica e Bollette La Regione Piemonte con Atlante, a Torino arriva EnerMia

La Regione Piemonte con Atlante, a Torino arriva EnerMia

0

La Regione Piemonte farà da apripista in Italia per Atlante, la nuova rete di ricarica rapida installata da Nhoa. E intanto a Torino arriva EnerMia.

La Regione PiemonteLa Regione Piemonte fa da apripista per Nhoa

Sono già in corso le valutazioni esplorative con la Regione per valutare come intraprendere la collaborazione. Il progetto Atlante prevede lo sviluppo della prima rete di ricarica rapida integrata al 100% con rete elettrica  energia rinnovabile e sistemi di accumulo. Si svilupperà inizialmente nel Sud Europa: sarà aperta a tutti e allo stesso tempo fungerà da network preferenziale per i clienti Stellantis. E Free2Move eSolutions, che di Stellantis fa parte, agirà come fornitore di tecnologia chiavi in mano. “Diventare capofila per l’Italia del Progetto Atlante è un’ottima notizia per la nostra Regione che ci riempie d’orgoglio. Anche perché questa impresa nasce da una ex-startup con radici torinesi“, dichiarano il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore al Lavoro Elena Chiorino. Nhoa, l’ex Engie EPS, è controllata da TCC, una grande azienda di Taiwan attiva nel  cemento.

Nel capoluogo le colonnine in AC di Flavia Samorì

la Regione PiemonteIntanto a Torino sbarca un altro operatore: l’emiliana EnerMia è  tra le 5 società selezionate dal Comune per l’installazione di quasi 400 colonnine. Dislocate in punti strategici nel territorio urbano, le ricariche E2X di EnerMia sono studiate per installazioni su suolo pubblico e adatte a ricariche di tutti i tipi, da 3,7 a 22 kW. E sono collegate ad un sistema di gestione da remoto in Cloud che consente una riduzione dei costi di mantenimento. “La nostra azienda, nella sua qualità di Charging Point Operator, vanta  grande esperienza e un’importante fiducia da parte delle pubbliche amministrazioni “, spiega Flavia Samorì, ad e fondatrice di EnerMia. “Diverse ci hanno commissionato la realizzazione di infrastrutture di ricarica accessibili al pubblico. Interoperabili e conformi alle disposizioni del PNIRE, per rendere intuitivo e fruibile agli utenti il servizio di ricarica”.


—  Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter e al canale YouTube  —-

Vesper
Apri commenti

Rispondi