Home Nautica La nostra prova del fuoribordo Harmo su Capoforte SQ204i

La nostra prova del fuoribordo Harmo su Capoforte SQ204i

3
CONDIVIDI
Nautica elettrica
Vaielettrico a bordo di Capoforte SQ204i lungo la laguna veneziana

Yamaha Motor scende in acqua con l’elettrico. Il primo vero passo è con il  fuoribordo Harmo di cui abbiamo già scritto, ma nei giorni scorsi lo abbiamo conosciuto più nel dettaglio a bordo della Capoforte SQ204i. Un’esperienza ad alta intensità nei canali dell’isola veneziana di Murano.

Un fuoribordo da 3,6 kW

Nautica elettrica
Il fuoribordo elettrico Harmo

Parliamo di un fuoribordo elettrico con una potenza da 3,6 kW, un piede con elica con il motore montato intorno al bordo esterno di questa che consente una maggiore spinta.

Il video a Venezia 

YouTube player

Il sistema è stato presentato più volte da Yamaha e testato finora su barche fino a 6,4 metri. Ora ha iniziato la collaborazione con il cantiere Capoforte, del cantiere Invictus Yacht, con l’elettrificazione della loro prima barca: l’SQ240i, un modello da 7,38 metri.

A 5 nodi per circa 10 ore di autonomia

La velocità massima offerta da Harmo è di circa 5 nodi con un’autonomia che può raggiungere le 10 ore. Molto facile da governare grazie allo joystick che permette un’alta manovrabilità. Quando si usa si disattiva l’altro dispositivo,

barca elettrica
Vaielettrico a bordo di Capoforte SQ204i lungo la laguna veneziana

Un approccio molto intuitivo, ricorda la PlayStation, che ci ha permesso di navigare con facilità. Il motore non garantisce alte prestazioni ma è la soluzione per chi non ha fretta e vuole godersi nel modo migliore possibile la natura. O per la navigazione in acque protette, come appunto la laguna di Venezia.

Nel nostro caso abbiamo apprezzato maggiormente, rispetto alla corsa con il taxi boat che ha fretta di arrivare a destinazione, la ricca storia artistica e architettonica della laguna veneziana e l’incanto dell’isola di Murano.

Il tassista: “E’ come andare a remi”

A interpretare bene la prova elettrica uno dei nostri compagni di viaggio, il tassista veneziano che, come ripete nel video, sottolinea:  “E’ come andare a remi. La vedo bene a Canal Grande”.

Nautica elettrica
Lungo i canali dell’isola di Murano

Una barca veramente turistica per gli oltre 30 milioni  di visitatori che ogni anno affollano la Laguna. facendo i conti con il traffico e il (non) rispetto dei limiti di velocità. Si gode bene l’atmosfera, si sentono “i rumori” della città e non quelli del motore, ma la velocità degli altri mezzi infastidisce.

Insomma non una ma tante barche elettriche cambierebbero il paesaggio sonoro, per non parlare del dramma dell’inquinamento atmosferico, e l’immaginario turistico di Venezia e della sua laguna.

la vita Elettrica Vela— Per partecipare a La Vita Elettrica basta registrarsi a questo link e inviarci un video in cui racconti le tue esperienze con mezzi a batterie. In palio ci sono 3.500 euro di ricariche Enel X Way. Il primo premio è del valore di 1.500 euro  Per chiarimenti scrivici lavitaelettrica@vaielettrico.it o tramite la nostra pagina Facebook .

Apri commenti

3 COMMENTI

  1. giusto in laguna per i giorni senza vento e nelle zone senza corrente, una barca cosi’ potrebbe diventare ingovernabile con una spinta di soli 4KW.
    semplicemente pericolosa

    • Carissimo si è sempre andato a remi per secoli e secoli. Sono pericolose le onde provocate da chi non rispetta i limiti di velocità e così fa rovesciare le barche a remi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome