Home Auto La Megane ibrida plug-in: “65 km elettrici in città”

La Megane ibrida plug-in: “65 km elettrici in città”

0
CONDIVIDI

La Megane ibrida plug-in promette fino a 65 km in solo-elettrico in città. E sembra essere l’alternativa che la Renault ha voluto offrire a chi soffre di ansia da ricarica.

La Megane ibrida plug-in: 9,8 kWh di batterie

Ci pensa un piccolo pacco-batterie da 9,8 kWh di capacità (400V), collegato a un motore elettrico, ad assicurare un tratto di strada a emissioni zero. Quanto? La Casa fornisce dati di imminente omologazione che parlano di 50 km, con velocità massima fino a 135 km/h nel ciclo misto (WLTP). E  fino a 65 km nel ciclo urbano (WLTP City).

La Megane ibrida plug-inNel ciclo misto, aggiunge la Casa francese, la Nuova Mégane E-TECH Plug-in Hybrid (questo il nome completo) emette meno di 40 grammi di CO2/km. E quindi hà diritto all’incentivo statale di 1.500 euro (2.500 se si rottama una vecchia auto fino a Euro 4). Tenendo presente che uno dei tre settaggi di guida tra cui scegliere, il MySense, promette la modalità ibrida con costi di utilizzo ridotti. La funzione E-Save permette infatti di mantenere una riserva della ricarica (come minimo il 40% della batteria). Per passare  così in modalità full electric quando si vuole (per esempio, per circolare in centro città).

Una vera alternativa alle elettriche pure?

È sempre più chiaro che le Case hanno deciso di giocare sul doppio tavolo delle auto ricaricabili con la spina. Accanto ai modelli elettrici, si allarga di giorno in giorno la gamma delle ibride plug-in. Anche se finora con numeri di mercato decisamente inferiori rispetto a quelli delle auto a batteria (qui i dati di gennaio).

BMW X5 plug-in
La BMW X5 ibrida plug-in: dichiara un’autonomia in elettrico fino a 87 km, una delle più estese.

C’è chi li giudica i veicoli ideali in questa fase di transizione in cui il salto all’elettrico spaventa molti clienti. E chi invece, come il centro di analisi Transport&Environment (qui l’articolo), ritiene che si tratti di una pessima soluzione. Sostenendo che definire ecologiche queste vetture è un tragico errore, dato che in realtà andrebbero prevalentemente a benzina. Alla fine, come sempre, sarà il consumatore a decidere. E per ora la bilancia pende decisamente dalla parte dell’elettrico.

 

 

 

 

 

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome