Home Auto La Megane elettrica sfida la VW ID.3: primo test

La Megane elettrica sfida la VW ID.3: primo test

30
CONDIVIDI

La Megane elettrica sfida la VW ID.3. Finalmente non parliamo di Suv, ma di auto “normali”, con consumi e prezzi più contenuti. Un primo test è stato svolto dal sito francese Automobile Propre, anche con un video: ecco con quali risultati.

la Megane elettricaLa Megane elettrica in due versioni di potenza e autonomia

La sorella maggiore della Zoe è un’auto molto attesa: è la prima a nascere sulla nuova  piattaforma modulare CMF-EV. Ed è un un termometro dei progressi fatti da Renault negli ultimi due anni. Sarà disponibile da inizio 2022 in due versioni: una con motore da 130 cavalli con batteria da 40 kWh e una con ben 218 Cv e batteria da 60 kWh. Ed è quest’ultima che è stata provata dai colleghi francesi: accelera da 0 a 100 in 7,4″, un tempo molto vicino a quello della ID.3 58 kWh (7,3″). E ricarica in corrente continua fino a 130 kW, una buona potenza. Per la ricarica in AC, invece, ha di serie un caricabatterie da 7 kW, ma “accetta” in alterna potenze dino a 22 kW. Ma ai potenziali acquirenti è soprattutto l’autonomia il tema che più interessa.

Ecco il range reale stimato da “Automobile Propre”

Rilevazioni di Automobile Propre Consumo Autonomia
Dato ufficiale WLTP 12,8 KWh / 100 km 470 km
Consumi in città 18 kWh/100 km 300 – 350 km
Cnsumi in autostrada a 110 km/h 22 kWh/100 km 270 km
Consumi in autostrada 130 km/h 25 kWh/100 km 240 km
la Megane elettrica
Scontro diretto tra la Megane elettrica e la Volkswagen ID.3.

Qui l’omologazione WLTP è di 470 km, con una resa per kWh (7,833 km) ben superiore a quello della VW ID.3 da 58 kWh (7,344 km). Ma il test di Automobile Propre consente di fare una prima stima al di là dei dati ufficiali. Partendo dalla prova più ostica per un’auto elettrica, ovvero l’autostrada a 130 km/h, con una media di 25 kWh/100 km. A questa velocità e con temperature invernali si può contare su un’autonomia reale di circa 240 km, che salgono di alcuni decine di km con la bella stagione. Sono valori molto simili a quelli rilevati per la ID.3, che notoriamente ha una buona resa in autostrada. In città, invece, Automobile Propre registra una media invernale di 18 kWh/100 km, ovvero da 300 a 350 km di autonomia reale. Non molto, lontano dai dati di omologazione. Quanti prezzi, la stima del sito francese è di 35 mila euro per la versione base e di 45 mila per la 60 kWh.

— Qui il nostro test di durata con la Volkswagen ID.3

Apri commenti

30 COMMENTI

  1. 1) Nell’articolo dice chiaramente che i valori di consumo sono fatti a temperature invernali.
    2) Nell’articolo francese si dice che la versione è prototipale, le autonomie sono quelle previste e che i consumi potranno avere degli aggiornamenti.
    3) Inutile paragonarla alla solita Tesla, se io avessi i soldi la Tesla non la potrei comprare la Megane sì, questioni di garage! Poi oltre le dimensioni, anche il tipo, il CX…
    4) Riportiamo pure i valori dei nostri CdB ma io non ci farei tanto affidamento. Tra una carica e l’altra, prendete la % iniziale (sotto il 90%) la carica finale, i km percorsi, fate i conti e controllate che il valore sia compatibile con quello del CdB. Io l’ho fatto!

    • 5) mi ero scordato, la meccanica è derivata da quella della ZOE, non è pensabile aspettarsi di meno.
      Aspettiamo con ansia la versione definitiva senza sparare ca**ate!

    • 1) Nel mio commento dico chiaramente che i miei valori di consumo a velocità costante sono a temperatura invernale (6°) con pompa di calore e riscaldamento sedili attivi
      2) vero, miglioreranno, glielo auguro sinceramente.
      3) La Megane in Francia costa 1.500€ più della Tesla ma va aggiunto il pacchetto sicurezza (non ha di serie sensori di parcheggio, blind spot, telecamera posteriore etc.), ecco perchè ne parliamo, perchè anche se di segmento inferiore a Tesla, ha la stessa batteria e stesso prezzo…
      4) i valori del CdB combaciano perfettamente con quanto risulta uscito (negli oltre 800 kWh che ho caricato in casa) dal mio impianto casalingo, l’UMC mi dichiara la corrente erogata che combacia perfettamente con quanto dichiara la macchina in entrata (che non è quanto caricato, quello è un altro valore dipendente dalla temperatura della batteria e dall’efficienza di carica inverter) per cui non ho motivo di credere che essendo corretto (al kWh) la corrente erogata a monte della carica, sia sbagliata quella a valle.
      Ho comunque all’attivo ricariche in Supercharger Tesla (tutto documentato dalla telemetria della macchina) e i conti continuano a tornare.
      Se dubitiamo del CdB di Tesla credo si debba dubitare di qualsiasi CdB, compreso ovviamente di quello Megane, no?
      5) ribadisco: il paragone l’ho fatto solo perchè la Megane costa quanto (anzi, di più) di una Model3 e ha la stessa batteria e soprattutto sono in grado di paragonare in modo diretto i consumi reali a velocità costante, avendone una. Il paragone corretto era con la ID.3 o la Kona, me ne rendo conto perfettamente. Non paragono certo una Zoe ad una Tesla così come non paragono una Model3 ad una Lucid Air, casomai il paragone lo puoi fare con una Model S, sia per prezzo che per categoria.

      • Non aver la coda di paglia. Non stiamo facendo a “io ce l’ho più grande”.
        1) e 2) è un commento assoluto e non riferito al tuo caso, i dati di automobile propre sono da prendere con le pinzette. Auto prototipo.
        3) Mauro Tedeschini 25 Novembre 2021 at 18:35
        I prezzi sono solo ipotesi fatti dai colleghi francesi, dovrebbero essere comunicati a fine anno.
        Inutile fare commenti adesso, se la vendessero ad un prezzo di poco inferiore ad una Tesla sarebbero già morti in partenza (non hanno gli stessi fan di VW, mercedes ecc) e io, per quel prezzo, rifarei il garage 😁.
        Da considerare che gli sconti Renault sono mooolto alti. La mia ZOE di listino costava ~39.000€, l’ho comprata a 23.500€ che, togliendo i 10.000€ di incentivi sono 33.500€.
        Proprio domani il mio amico va a firmare una ZOE INTENS a km0 (95km) senza rottamazione a 25.920€.
        4) sempre commento generale (vedi euro7). Rileggi i miei commenti a L’Astuto in cui gli dico che se non si fida dei nostri dati vada a leggere solo 4ruote.
        5) vedi 1) e 2) inutile fare paragoni adesso su delle “voci” e “previsioni”. Poi non si può paragonare una Twingo son una Smart o peggio con una Spring. Siccome Megane è più simile a una ZOE che a una Tesla, se non vuoi mettere a confronto Tesla con Zoe, non farlo neanche con Megane.

        • “Non aver la coda di paglia” e perchè dovrei? Son chiacchiere da bar, le nostre!
          Io a mia volta ho commentato “Allora aspettiamo. Spero rivedano al ribasso” in risposta a Tedeschini.
          La Megane però è un segmento C, la Zoe è una B, anche se condividono parti. La Megane ha di serie la carica fast fino a 130 kWh, la Zoe a richiesta e si ferma (smentiscimi pure, vado a memoria) a 50 kWh: questo dettaglio cambia MOLTO nei percorsi superiori ai 200 km autostradali.
          Non vorrei passasse il messaggio che disprezzo le elettriche “inferiori”: giammai, chiunque guidi elettrico merita il mio totale rispetto, anche se fosse una ION con batteria da 11 kWh. Sono addolorato che ci siano così poche macchine (Kona, Mach-e, EV5 o EV6, Leaf etc. etc. ) che possano competere con una ICE e costino tutte tanto (non sono popolari, insomma), io auspico una vera concorrenza ed è di questo che mi rammarico, che siamo solo agli inizi e molte case sembrano dormirci beatamente sopra.

          • “…la Zoe a richiesta e si ferma (smentiscimi pure, vado a memoria) a 50 kWh…”
            ti smentisco la ZOE a richiesta in DC va a 50kW (non a 50kWh😁😂)…scherzo. Però la Tesla è segmento D e non è C come Megane.
            Le BEV cominceranno a costare meno quando faranno più numeri, come i TV a Led o i cellulari, ecc… e i numeri allo stato attuale si possono fare (senza vietare le ICE) con gli incentivi, ma qui, vedi gli ultimi eventi, tocchiamo un punto dolente della “transizione energetica” italiana.
            PS: ma noi Zoeisti a voi Teslari vi diamo il doppio della paga a caricare gratis al Lidl, 22kW contro 11 kW…ahahah della serie “noi della Zoe (e della Megane) ce l’abbiamo più grande” ahahah

  2. Oggi con 11° in autostrada a 110 km/h fissi con Cruise control da Trento a Milano con la Kia e-niro 64kw il computer segnava 17kWh/100km.

  3. Il link che ho postato riporta chiaramente come siano stati rilevati i consumi da parte di una rivista facendo media tra più passaggi nelle due direzioni. Sono relativi ad una dual motor che è inefficiente rispetto ad una RWD standard.
    I miei dati provengono dall’autoveicolo stesso (lei saprà sicuramente che le Tesla hanno accessibili i dati RAW di telemetria con appositi software per cui ho il log di ogni singola cosa succeda all’interno della macchina).

    Questo perenne tentativo di sostenere le proprie tesi ottusamente serve solo a rafforzare l’idea del bias cognitivo o della dissociazione cognitiva ogni volta che viene letta la keyword “Tesla”.

    Giusto qualche link, partendo dai padroni di casa:
    https://www.vaielettrico.it/quanto-consumano-le-tesla-in-autostrada-ai-130/
    https://auto.hwupgrade.it/articoli/tecnologia/6076/tesla-model-3-standard-range-plus-contro-long-range-quale-scegliere_index.html

    Ma tanto non sono certificati, vero?

    @redazione: se ha ragione il sig. L’Astuto, significa che i vostri test (mio primo link qui sopra) è completamente sbagliato e anche di parecchio. Guarda caso, coincidono con i dati di consumo reale che ho io, ma sicuramente sbagliamo entrambi, io e voi, e ha ragione il Sig. L’Astuto (Nomen Omen)

    Non sarò io a consigliarvi di sbatterlo fuori, in fondo è persino divertente leggerlo, però quando si pubblicano dati palesemente sbagliati forse sarebbe il caso di moderarli.

  4. Mi lascia totalmente indifferente, modello molto deludente sul profilo delle ambizioni di Renault. E questa sarebbe la tanto decantata R/evolution della Renault? Dov’è l’evoluzione? Cosa aggiunge di nuovo questo modello ad un mercato che già offre modelli migliori? Mah, tutto marketing e fuffa commerciale …

    Inoltre non sarà un suv, ma perde la linea da filante berlina con cui nacque: quella Megane è un crossover, molto più vicina ad un suv coupé che ad una elegante berlina, con ruote tra l’altro inutilmente grandi e un cx che sconta un muso poco aereodinamico a differenza di Tesla, concausa dei consumi non in linea con le best in class.

    La mia delusione, come sempre, è collegata al prezzo: considerata la dotazione, mi sarei aspettato un prezzo molto più basso. E invece è molto alto (stando alle previsioni), anche più alto della ID3 con maggiore batteria. E tutto ciò non promette per nulla bene in considerazione dell’attesa Renault 5 …

    L’unica “nota positiva” (a voler vedere il bicchiere mezzo pieno) è che questo modello, nella versione base, in teoria va a affiancare/sostituire la Zoe R135 (venduta proprio a 35000 euro) che offre autonomia inferiore e prestazioni inferiori pur avendo una batteria più capiente. Chi stava pensando ad una Zoe R135 nuova, può ora prendersi questa. Ma onestamente c’è molto di meglio sul mercato oggi …

  5. A me risulta che la tesla model 3 standard range RWD plus abbia un consumo omologato WLTP di 6,7 Km a Kwh. Se davvero la Megane è omologata per 7.8 dal punto di vista dell’efficienza direi che non c’è storia. Questo ovviamente basandosi sui dati di omologazione.

    • Esatto: non c’è storia.

      Siccome ho una M3 RWD e nell’articolo si parla di consumi a velocità costante, questi sono i miei misurati una settimana fa in autostrada, con pompa di calore e riscaldamento sedili attivo, temperatura esterna di 6°:
      a 130 25 kWh, io 1,99 = +26% (la base è la M3)
      a 110 22 kWh, io 1,58 = +34%
      Lì non c’entra lo stile di guida, è velocità costante.

      I miei dati di consumo sono perfettamente paragonabili a quelli rilevati dalle prove delle riviste: https://www.greenstart.it/la-relazione-fra-velocita-e-autonomia-nelle-auto-elettriche-tesla-model-3-23468 dove hanno provato una Long Range a temperature più elevate e credo col climatizzatore spento.

      Per la cronaca, il mio consumo dopo 8.000 km è pari a 7,52 km a kWh nell’uso reale (tradotto significa che ho percorso 7839 km con 1.042 kWh.

    • Già nell’altro articolo “Ma le Tesla non hanno difetti” ti avevo corretto: non si possono paragonare il consumo nel ciclo WLTP col consumo calcolato da autonomia fratto capacità batteria.
      Nella tabella Automobile Propre è riportato quest’ultimo valore. Se per la Tesla prendessimo questo avremmo 409 / 50 = 8,18km/kWh.
      Errare umanum est, perseverare ovest 😁.
      Ho una ZOE.

  6. Il sig. GuidoB mi ha preceduto nei commenti, con i quali concordo pienamente: se hai 45mila euri disponibili per una Megane, molto probabilmente ne hai altri 6mila per portarti a casa la vettura elettrica di riferimento per il mercato, con un know-how maturato in quasi venti anni di esperienza.
    Ma i Signori del Marketing li conoscono i prodotti della concorrenza?

    • Ho letto l’articolo in Francese e ho verificato su Tesla.com/fr: la Model3 base in Francia è venduta a 43.800€.
      Quindi Tesla costa MENO del prezzo proposto da Renault. D’accordo che probabilmente 45.000 è gonfiato e la si porta a casa scontato, ma manca il pacchetto sicurezza e parcheggio per raggiungere quello che secondo me è il minimo sindacale in una macchina del genere.
      Aspettiamo e vediamo i prezzi in Italia.

  7. Ottimo ottimo! Spero di vedere presto anche la clio elettrica (che non ho capito per quando è prevista avete notizie?)
    Soprattutto finalmente riportato chiaramente i consumi a velocità diverse, spero diventi di uso comune per non lasciare incertezze (e per spingere di conseguenza le case a migliorare il tutto)
    Per caso si sa la temperatura invernale quale fosse?

  8. Bella linea, nel solco di Renault. Prestazioni di ricarica interessanti, il prezzo in effetti sembra un po salato rispetto all’autonomia

  9. Onestamente mi aspettavo di più.
    La versione da 60kWh costa 5.000€ in meno di una Model3 RWD base ma richiede l’aggiunta di un corposo pacco (di cui non conosco il prezzo) per avere rear view, sensori di parcheggio, blind spot etc., che monta una batteria da 55kWh netti in tecnologia LiFePo (per cui l’uso normale prevede la carica al 100% e non all’80%), ha prestazioni nettamente superiori in accelerazione e potenza, ha un rendimento superiore di almeno un 25% (la mia ai 130 autostradali impostato su cruise consuma 199 Wh/km con pompa di calore e riscaldamento sedili inseriti) e ai 110 non supera i 160 Wh/Km, per cui l’autonomia effettiva è sensibilmente superiore.
    E’ un po’ una delusione il prezzo, ecco, alla fine a parità di allestimento (ma peggio in prestazioni e consumi) costa come una Model3 e non potrò mai avere in futuro guida assistita o la modalità sentinella, impagabile…

        • Purtroppo almeno per questa prima gen di auto credo sia difficile che esca qualcosa che possa essere in diretta concorrenza con una model 3 per prezzo e dotazione base, però c’è da dire che questa è un buon passo avanti, peccato solo che Renault abbia già confermato che andrà avanti puntando sulle attuali batterie (come tecnologia) per arrivare prima a costo al kw più popolare, più che mirare alla concorrenza ora sembra stiano cercando di differenziarsi come target e filosofia, ci sarà tanto fermento nei prossimi mesi e anni ed è comunque cosa buona, almeno per il consumatore, avremo modo di vedere tramite le recensioni come questa (davvero ben fatta) chi centrera le nostre esigenze anche economiche

      • Ho letto l’articolo in Francese e ho verificato su Tesla.com/fr: la Model3 base in Francia è venduta a 43.800€.
        Questo significa che se in Italia mantengono le proporzioni, la proporranno allo stesso prezzo della Model3 (ma con dotazioni e prestazioni inferiori) e a quel punto la domanda sorge spontanea…

    • Consumi rilevati scientificamente, certificati autostradali per la tesla standard range rws plus: 4,5 Km/Kwh, ovvero 22.2 Kwh per 100 Km. Toh guarda, oltre il 10% in più (e senza pompa di calore inserita) di quanto scriva GuidoB. Chi l’avrebbe mai detto….

        • L’Astuto si riferisce a Quattroruote, vedi i commenti in “Ma le Tesla non hanno difetti?” confondendo il protocollo certificato con la prova certificata.
          Gielo ripeto qui:
          E per ultimo, caro L’Astuto, se credi solo nelle prove “certificate” di 4ruote e non credi in tutti gli altri siti e a chi scrive in questo, vatti a leggere 4ruote e non venire a scassare i cabasisi qui!

          • 4R pur di non parlare bene di Tesla fa le prove con cerchi da 20′, gomme sgonfie, climatizzatore a palla e finestrini abbassati 😉

            La Model 3 sr+ in autostrada a 130 costanti fa 300 km, con batteria da 50. Punto.

            Tornando in topic questa Megane al momento è una grossa delusione; autonomia scarsa, dotazione quasi obbligatoriamente da integrare con optional a pagamento ormai irrinunciabili, prezzo mal posizionato per il segmento, a meno di sconti/contrattazioni in concessionaria del 15% che fanno molto ventesimo secolo…

          • @L’Astuto: provo a ripetertelo, neanche quelle di 4R sono certificate. Il protocollo di svolgimento delle prove forse è certificato ma non le prove.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome