Home Auto La marca che cresce più di tutte in Europa? Tesla

La marca che cresce più di tutte in Europa? Tesla

21
CONDIVIDI
La Tesla Model 3 nell top 20 delle auto più vendute in Europa: più della Panda...

La marca che cresce più di tutte in Europa? È Tesla, che anche nel 2021 ha totalizzato un +70,9% nelle consegne. E a marzo parte la fabbrica tedesca… 

la marca che cresce
Vendite in Europa dei 25 principali marchi. Fonte: Jato Dynamics.

La marca che cresce…./ Altro balzo del 70%

Tesla non è più un marchio di nicchia, nonostante I prezzi  siano tutt’altro che economici. In tre anni, tra il 2018 e il 2021, ha quadruplicato le vendite, da poco più di 29 mila unità alle 168 mila dell’anno scorso. Ormai vende stabilmente di più di marchi storici come Mazda, Jeep, Land Rover e Mitsubishi. Ed è a poca distanza dalla Mini. È una progressione che fa paura soprattutto ai marchi tedeschi, che invece hanno risentito della crisi di mercato: Mercedes cala del 14%, mentre  Audi (-0,5%) e BMW (+1,2%) si sono difese meglio. Ma interrompendo una crescita che durava da anni. E ora i brand del made in Germany si ritrovano in casa un concorrente che diventa ogni mese più insidioso. Le prime Tesla usciranno dalla fabbrica di Grunheide, vicino a Berlino, a inizio marzo. E c’è molta curiosità sulla politica dei prezzi che Elon Musk sceglierà per il mercato europeo. Senza più più costi di trasporto da altri continenti e con un’automazione ancora più spinta, grazie a un affinamento continuo dei processi produttivi.

la marca che cresce
Le 25 auto più vendute: la Tesla Model 3 è 17°. Fonte: Jato Dynamics.

Il Model 3 vende più della Panda

È un successo trascinato soprattutto dal Model 3, che è entrato stabilmente nella top 20 delle auto più vendute in assoluto in Europa. Jato Dynamics, che ha pubblicato queste statistiche, fa notare che la Tesla di maggior successo ha superato modelli popolari come la Fiat Panda, la Mercedes Classe A, la Peugeot 3008 e le Volkswagen Passat e Tiguan. E in diversi mercato è entrato nella top ten assoluta. In Svizzera e in Norvegia è addirittura al primo posto, nel Regno Unito al secondo, in Austra e Germania al decimo. Ancora più significativo, il Model 3 è leader nel cosiddetto segmento D, quello delle auto premium meno costose, davanti a BMW Serie 3, Audi A 4 e Mercedes Classe C. In assoluto l’auto più venduta in Europa resta la Golf, ma con un altro calo del 27% sul 2020. Unica italiana nella top 25: la solita, inaffondabile Fiat 500.

la marca che cresce
Le tre auto di fascia media più vendute: Model 3 davanti a BMW Serie 3 e Volkswagen Passat. Fonte: Jato.

————————————————————————————————

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it—

Apri commenti

21 COMMENTI

  1. Io ho acquistato due tedesche una appena patentato e una una diecina di anni fa , da allora ho deciso che auto tedesce in casa mia non entrano, c’è chi compra solo tedesche e non cambierà mai, sono scelte

  2. Se per le mie esigenze potessi comprare un’auto elettrica, io comprerei la Tesla. Perché? Perché al di là dell’autonomia, mi dà più fiducia. Tesla fa solo auto elettriche, è stata la prima (dell’era moderna) a crederci e ad investirci, non ci sono arrivati ieri ma ci sono anni e anni di sviluppo e perfezionamenti e non si è buttata sull’elettrico per rimpiazzare al volo la gamma endotermica cercando di condividere più parti possibile, ma l’ha creata da zero immaginandola solo a propulsione elettrica, che è un po’ quello che stanno facendo tante case adesso, ma con anni di ritardo. E non da ultimo, le Tesla sono belle. Niente ridicole (per me) linee di led che prendono tutto il frontale, forme da film di fantascienza etc. Linee semplici e pulite. Poi difetti ne avranno anche le Tesla, non ci sarà una gran cura negli interni e negli assemblaggi, peraltro tipici delle macchine americane che hanno pelle anche sul tetto e poi trovi le viti a vista nel cruscotto, però mi danno comunque un’idea di maggior affidabilità.

    • “maggior affidabilità”, per la mia esperienza di auto che ho avuto (Ford Fiesta, Ford Focus, Citroen AX, Dacia Sandero, Skoda Citigoe iv, panda) non ho mai avuto nessun problema di affidabilità , sarò stato fortunato ma ritengo difficile esista un auto inaffidabile (non faccio riferimento ovviamente al singolo caso sfigato che può capitare a qualunque auto di qualunque marca).

  3. In realtà questi dati lasciano un po’ il tempo che trovano. Ovvio che Tesla è cresciuta e sta crescendo, questo è obbiettivamente sotto agli occhi di tutti. Meno ovvio e direi più azzardato dire che fa paura ai tedeschi. Si sa che tesla ha venduto più model 3 di quante casse c o serie 3 o a3 abbiano venduto i treni colossi germanici, ma per poter dire che gli impensierisce bisognerebbe sapere se chi compra tesla 1) avrebbe comprato un auto di quelle citate 2) proviene da Mercedes/BMW /Audi e ha cambiato marca.
    Ho la grossa sensazione che non è così, molto spesso grazie agli incentivi e a costi di manutenzione esigui comoda Tesla anche chi ha un potere d’acquisto minore è proviene da auto di segmento più economico. Chi acquista tedesco non beneficia di incentivi e i soldi deve metterceli tutti, altra clientela e porzione di mercato più piccola giustificano numeri più ridotti.
    Però è presto detto, sarebbe interessante capire i lettori di VaiElettrico da che hanno una Tesla da che auto provenivano, e quanti se la sono potuta permettere solo grazie agli incentivi…

    • BMW e Audi hanno interrotto la crescita costante che avevano da tanti anni
      Mercedes ha invece perso parecchio.
      Model 3 è la prima auto venduta nel suo segmento, indipendentemente dal fatto di essere elettrica o termica.
      Una parte sicuramente delle vendite Tesla sono cannibalizzate dai sopracitati marchi.
      Un’altra parte sarà data dal fatto che avere 10.000€ (o 18.000€ in certe regioni) è un bello sconto, per poi avere una macchina indiscutibilmente all’avanguardia, pagata come una Golf con la motorizzazione inferiore e in allestimento intermedio.

      Io provengo da un segmento inferiore ma mi sarei potuto permettere ben di più: diciamo che è stata la leva nei confronti della moglie…
      Nel forum di Tesla Italia, leggendo i vari commenti, si capisce bene come chi ha Tesla proviene MOLTO spesso da BMW, Mercedes, Audi e anche Porsche. Direi in maggioranza.
      Tantissimi sono passati alla Model Y provenendo da serie X di BMW o Volvo.

        • Credo sia abbastanza normale se si accetta il fatto, qui lo dico togliendomi il cappello Tesla e cercando di essere il più obbiettivo possibile, che si tratta di un veicolo oggettivamente diverso da qualsiasi altro e nella fattispecie, con un rapporto qualità/prezzo elevato. Non funziona nessuno schema abituale, parlando di Tesla: devi accettarla nel suo muto minimalismo. La ordini e non sai se ti arriverà dalla Cina con una certa batteria o da Freemont con un’altra e non puoi scegliere, puoi solo decidere se acquistarla o no. Le regole le fanno loro e se non ti stanno bene non la compri, non sono negoziabili. Se la compri, accetti che ti cambino l’interfaccia e non puoi rifiutarla, esattamente come negli iPhone ad un certo punto sei costretto ad installare l’ultima versione iOS se non vuoi rimanere indietro con la sicurezza. Poi ti coccolano e ascoltano quello che dicono gli owner e un mesetto dopo, correggono, limano, aggiustano.
          Tesla è divisiva: attira hater con estrema facilità, da qui la reazione da fanboy degli owner. Alla fine siamo maschi adulti a cui si tocca il giocattolo e parte la reazione infantile, invece di usare la calma del forte, che dovrebbe farci ignorare qualsiasi lamentela, tanto, il meglio, ce l’abbiamo noi…

          PS: i Teslari sono orgogliosi ma scarsamente aggressivi: io vedo molto più aggressività nei No Volt.

          • Non concordo sul poco aggressivi. Almeno nei confronti di chi, come noi, parla di Tesla senza pregiudizi, riportando le notizie che la riguardano nel bene e nel male. Se nel male, apriti cielo, dimenticando di tutte le volte che l’abbiamo santificata.

          • Forse il motivo è in realtà intrinseco nella fattispecie: chi è che risponde? Chi non riesce a trattenersi. Così ci si ricorda solo di quel xx% che è aggressivo e si trascura quel 100-xx% che non lo è affatto e nell’impossibilità di quantificare xx si finisce col dire che son tutti fan boy.

            Questo ovviamente, è valido per qualsiasi schieramento.

            Io nei vari forum trovo sparuti Tesla Owner agguerriti (due, arcinoti) e centinaia e centinaia di Tesla Haters “a prescindere” con argomenti terrapiattistici, come livello e se è normale che ci sia una sproporzione numerica per questioni ovvie, da una parte abbiamo qualcuno che non vuole sentire critiche su qualcosa che conosce, possedendolo, dall’altra abbiamo qualcuno che critica qualcosa che non conosce affatto e parla per ignoranza: un po’ come i 59 milioni di virologi che abbiamo in Italia che pensano di avere il diritto di esprimersi con la stessa autorevolezza dei 1000 che lo sono di professione.

            Voi avete un notevole livello di imparzialità.

            Io però continuo a non ricordarmi difese ad oltranza e aggressive da parte di Teslari… sicuramente è un mio bias cognitivo.

        • Io perché ho comprato azioni Tesla nel 2013 a 20$ e le ho rivendute nel 2021 a 800$. Cerco di essere imparziale ma non posso che essere bendisposto nei loro confronti.

          • Buon per lei, ottima speculazione. Ma se le ha già vendute, perchè dovrebbe continuare con il tifo da stadio?

          • L’ho sempre considerato un investimento, non una speculazione, anche perchè ho dovuto portarlo avanti con coerenza per 8 anni (che non sono pochi) nonostante alti e bassi da brividi e nonostante le cavolate che sento da sempre quotidianamente dai detrattori.
            Sostengo Tesla perchè condivido in pieno la loro missione. E’ l’unico costruttore che crede nell’auto elettrica. Nonostante le dichiarazioni alterne gli altri costruttori inseguono solo perchè sono costretti a farlo.

          • Poi ripensando a quegli anni c’era la FCA di Marchionne: la mediocrità, il non voler fare qualcosa di troppo diverso dal solito fondamentalmente perché non si è capaci di sognare in grande.
            Non ho mai capito il fanatismo dei clienti Apple..però deve essere qualcosa di simile, soprattutto ai tempi dei primi iphone. Vedi qualcosa che riesce a farti sognare in un mondo depresso e mediocre. Come fai a non esserne entusiasta?

  4. Tutti a osannare tesla. Stanotte ha rilasciato i dati del bilancio 2021. Nonostante i giganteschi costi : ricerca, sviluppo . Tesla ha generato un’utile netto gigantesco: netto di 5500 dollari per ogni auto venduta. Insomma ha spellato per bene gli amanti della spina.

  5. Ancora con questa storia.

    Tesla continua a crescere proprio perché é costosa. Basta con sta boiata del “nonostante” é proprio quello il punto.

    Pensavo fosse evidente a tutti l’andazzo dell’economia degli ultimi 2 anni. Quella classe sociale si é passata una crisi mondiale senza batter ciglio. Non so se é un concetto troppo rivoluzionario ma il prezzo in termini di Euro non significa niente, in Europa ci sono 748 milioni di persone e anche se ci limitiamo all’1% parliamo di 7 milioni di (probabilmente) modell S plaid e X come minimo.

    Tra l’altro averli come clienti ha diversi vantaggi.

    • Scusa, fammi capire, non significa nulla che in soli 3 anni abbia superato qualsiasi altra berlina di segmento D?
      Ma poi stai facendo statistiche demografiche o parli di mercato dell’auto? Perché in tutto il 2021 non ne sino state vendute nemmeno 10 mln di pezzi in Europa…per dire…

    • R.G. sai perchè Tesla fa paura ai colossi tedeschi?
      Non per il semplice fatto che M3 ha venduto più dei loro modelli ma più che altro ler il motivo per cui h
      Si è fermata a quei numeri….
      Per i colossi tedeschi il numero di vendite è determinato dalla richiesta, cioè hanno venduto quello che gli hanno richiesto, 1 auto in più non sono riusciti a venderls perchè non avevano chi la comprava…
      Per Tesla invece il numero delke vendite è dovuto da quanto riesce ad offrire non da quante richieste ha…
      Cioè Tesla ha venduto e consegnato il massimo delle auto che i lropri stabilimenti potevano produrre, se riuscivano a farne di più non avrebbero avuto problemi a trovare a chi venderle… al momento la richiesta di M3 è mokto superiore alla capacità produttiva di Tesla…
      Capirai che fra ke 2 situazioni c’è un enorme differenza soprattutto se consideri cge con l’imminente apertura della gigafactory di Berlimo Tesla praticamente raddoppierà la sua capacità produttiva…. considerando infine che negli ultimi anni Tesla sta raddoppiando la capacità produttiva ogni 2 anni ecco che è lecito cge i colossi tedeschi una bella spaurata se la prendono perchè se entro 6-7 anni non riusciranno a recuperare un pò del terreno cge hanno perso a livello tecnologico sono ben coscienti cge i loro numeri di vendita subiranno un tracollo che copiare all’inverso la curva della capacità produttiva di Tesla…. ed in tutto questo non ho neancge considerato l’arrivo della gran massa di nuovi costruttori cinesi capaci di portare sul mercato buone auto a prezzo molto più basso rispetto ai standard sia europei che americani…

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome