Home Auto La Fulminea al Nurburgring: sali a bordo su Kickstarter

La Fulminea al Nurburgring: sali a bordo su Kickstarter

5
CONDIVIDI
La Fulminea al Nurburgring: tutti possono partecipare alla sfida lanciata da Gianfranco Pizzuto con la hyperpercar, grazie a una campagna su Kickstarter.
la fulminea al Nurburgring
Gianfranco Pizzuto nel video che presenta la campagna di crowdfunding.

La Fulminea al Nurburgring: diversi pacchetti per sostenere la sfida di Pizzuto

È partita su Kickstarter la campagna di crowdfunding voluta da Gianfranco Pizzuto per sostenere il progetto di realizzare la più veloce vettura elettrica di produzione sulla Nordschleife, la leggendaria pista del Nurburgring in Germania.  La campagna durerà un mese esatto, fino al 12 gennaio 2023, con l’obiettivo di raccogliere 99 mila euro. La somma servirà a coprire parzialmente i costi della sfida e la produzione di un documentario che accompagnerà mese per mese il progetto. Sono stati messi a disposizione dei possibili sostenitori diversi pacchetti, acquistabili direttamente sul sito di Kickstarter.  Il primo pacchetto offre 9 video-racconti (uno al mese, saranno caricati su Vimeo) che illustreranno l’avanzamento del progetto al costo di 49 euro.  Il secondo prevede, oltre ai video, un libro di pregio sulla nascita di Fulminea e costa 189 euro.  Il terzo pacchetto aggiunge ai video un modellino di Fulminea in scala 1:18 e richiede 449 euro.

La Fulminea al NurgurbringUn pacchetto che prevede 3 giri di pista

 Con 999 euro, oltre al libro, si vivrà anche un’emozione speciale: un’intera giornata in una pista del nord Italia. Con un Track Day che prevede 3 giri di pista a bordo di Fulminea (vip lap). Un’occasione unica visto che parliamo di una vera e proprio hypercar che costerà quasi 2 milioni di euro, con una tiratura limitata a 61 esemplari. La Fulminea sarà la prima vettura al mondo a utilizzare un pacco batteria “ibrido”. Abbinando celle Li-ion con elettrolita allo stato solido prodotte da ABEE (Avesta Battery Energy Engineering) a ultracondensatori con cui fornire il “boost” di energia ai quattro propulsori. Motori  che raggiungono la potenza complessiva di 1,5 MW, pari a 2.040 cavalli, con un’accelerazione da 0 a 320 km/h (non a 100, eh…) in meno di 10 secondi. La presentazione del progetto è avvenuta a Torino (Museo dell’Auto) nel maggio 2021, la sede dell’azienda creata da Pizzuto, la Automobili Estrema, è a Modena.
Apri commenti

5 COMMENTI

  1. Vi prego, confortatemi: sono l’unico che rimane del tutto freddo davanti a queste cose?
    Per me l’auto elettrica rappresenta qualcosa che potrebbe davvero contribuire a migliorare il nostro rapporto con il mondo in cui viviamo: questo progetto dallo scopo così antiquato come battere un record di velocità in cosa lo migliora?

    • Amico mio, a ognuno il suo.
      Posto che per altri motivi questa specifica vettura non entusiasmo nemmeno me, ci sono cose che vanno oltre la semplice logica del buon senso e che per molti diventano un po’ il sale della vita. E ognuno ha le sue.

      Le faccio un esempio: supponiamo che lei vada matto per le barche a vela. Che belle: così slanciate, silenziose… ti permettono di vivere il mare in un modo slow e a contatto con la natura, in teoria praticamente senza inquinare… quante belle cose si potrebbero dire sulle barche a vela? E per l’amor del cielo, non mi permetto di sminuire… non sto facendo dell’ironia facile, sto parlando sul serio!

      Però, come le dicevo, ognuno c’ha il suo mondo… e io le posso dire con la massima serenità che le barche a vena le odio cordialmente. Al pari di praticamente tutti i natanti.

      Devo per questo sentirmi autorizzato a criticare senza giri di parole tutte le persone che della barca a vela fanno una passione tale magari da coinvolgere la vita? 😉

      Poi che sta macchina sia bellissima ma non serve a niente, questo lo penso anch’io.
      Per mille altri motivi però.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome