Home Scenari La Ford: far costar meno le elettriche è la priorità

La Ford: far costar meno le elettriche è la priorità

19
CONDIVIDI
Jim Farley, numero uno della Ford: far costar meno le elettriche è priorità assoluta.

La Ford mette in chiaro qual è oggi  la massima priorità per le Case auto: far costar meno le elettriche e renderle accessibili a tutti. Parola del n.1 Jim Farley.

la ford
La versione elettrica del pick-up Ford F150, un grande successo.

La Ford: adesso i clienti non guardano al prezzo, ma poi…

Sono profondamente preoccupato per l’accessibilità”, ha detto Farley durante un evento a Detroit . “La gente comune non può permettersi questi veicoli e abbiamo molto lavoro da fare per renderli più alla portata di tutti … È quel che non mi fa dormire la notte“. Il top manager non si accontenta del grande successo della versione EV del F150, il pick-up lanciato in luglio con un boom di prenotazioni: “È andato completamente esaurito in Europa, negli Stati Uniti, in Cina abbiamo 150.000 ordini e non è solo veloce … È molto veloce, ma può alimentare la tua casa per tre giorni. Penso che questo cambierà davvero l’elettrificazione“. Farley ritiene che “la prima generazione di proprietari di veicoli elettrici non è fatta di piccoli pendolari, che cercano auto economiche… Vogliono Mustang, vogliono pick-up, vogliono furgoni“, ha detto Farley. Ma poi? Dopo questa fase in cui i clienti non sembrano fare questioni prezzo?

la Ford
La Mustang Mach-E, l’auto elettrica di punta della gamma Ford.

Preoccupazioni anche per posti di lavoro e materie prime (litio ecc.)

Un’altra questione-chiave è sull’impatto che il passaggio all’elettrico avrà sulla produzione delle auto. E quindi sull’occupazione, visto che fabbricare una EV costa il 30% in meno, anche in termini di ore di lavorazione. E poi c’è il problema di reperire le materie prime per le batterie, con minerali, come il litio e il cobalto.Dobbiamo portare la produzione di batterie qui, ma la catena di approvvigionamento deve arrivare fino alle miniere. È lì che si trova il costo reale, ma la gente negli Stati Uniti non vuole l’estrazione mineraria nei suoi quartieri“, ha spiegato Farley. “Importeremo il litio e ritireremo il cobalto dagli Stati-nazione che hanno lavoro minorile e ogni sorta di corruzione. O inizieremo ad affrontare sul serio il nodo dell’estrazione mineraria? … Dobbiamo risolvere queste cose e non abbiamo molto tempo“. Infine, l’autonomia delle EV: il n.1 di Ford si aspettava che aumentasse più in fretta di quanto avvenuto negli ultimi anni.

Apri commenti

19 COMMENTI

  1. Il problema del costo? Ce l’hanno solo i vecchi big. In Cina ormai l’auto elettrica te la regalano con un pacchetto di patatine.

    L’ultima è la Leap C11 EV [ https://en.leapmotor.com/c11.html ] un SUV di 4750x1905x1650 mm che nella versione top AWD da 544 cv di potenza, 720 Nm di coppia, 0-100 in 4″, batteria da 90 kWh e autonomia di 600 km (NEDC), guida autonomia, zeppo di display e tutte le diavolerie che vanno ora costa l’assurda cifra di 26737,96 Euro. Esattamente lo stesso prezzo di una noiosissima Golf 1.000 benzina da 110cv.

    In Italia, la Ford Mustang Mach-E Extended Range AWD costa € 66.850 e offre prestazioni inferiori: 337 cv di potenza, 569 Nm di coppia; la La Ford Mustang Mach-E GT 74.500 euro, 487 CV, 0-100 in 3.7″, autonomia WLTP 500 km.

    In pratica la Leap C11 se la gioca alla pari con Mach-E GT e, a parità di prezzo, puoi scegliere se comprarti la Mach-E GT in Italia oppure 3 Leap C11 in Cina.

    Eh sì, cara Ford, hai un bel problema col tuo listino … Non siamo noi occidentali che non vogliamo l’auto elettrica, sono i governi che ci impediscono di comprarla al prezzo di listino.

    • Esatto. Ormai le auto elettriche asfaltano quelle termiche su tutti i parametri. Manca solo un pizzico di autonomia in più. Per quanto riguarda il rombo propongo di mettere un suono interno all’abitacolo attivabile a richiesta. Il fumo di scarico si potrebbe simulare integrando una piccola macchina a ghiaccio secco o glicole. Ovviamente sto perculando gli amanti della “mia TDI”.

      • Cina hanno cominciato da 0 con l’elettrica per tutti mente qui abbiamo i dinosauri che se la tirano. Ma vorrei almeno capire quanto pesino 27000 € per un comune cinese.

      • Ma veramente pensi a quel che scrivi o sei ironico ?
        Credi che “la coppia subbbbbito!!!” , “la tenuta di stradaaaahhh” , “viaggi gratisssss” , “non fai manutenzioneeeeehhh” siano il motivo per cui le ev “asfaltano” le termiche ?
        Ma davvero ?
        Le EV non asfaltano un bel nulla, nella vita pratica di ogni giorno.
        Io potrei scendere in strada, salire sul mio Fiestino di 10 anni, fare il pieno di benzina in 5′ al distributore e partire per Catanzaro anche subito.
        Fallo con una EV.
        E non parlo solo di autonomia.
        Prova trovati a casa, con la tua bella ev in box a caricare in quelle comode 10hr, e dover uscire urgentemente.
        Oppure arrivi la sera dall’ufficio e ti piazzi alla lidl a scroccare come vedo spesso fare a Tesla e compagnia ?
        Avere “la coppia subito” ora serve solo a fare i fighi per i primi 50mt al semaforo, contro moto e scooter (e non vale se hai la Twingo o la Spring, perchè con quelle fai ben fatica), poi basta sennò non torni a casa.
        E la manutenzione ? Zero ? Si, forse non hai olii o freni (mica vero, perchè se vai in giro con pastiglie intonse, dopo 5 e passa anni a non usarle mica riusciresti a frenare in caso d’emergenza), ma spera in Dio che non si guasti qualche centralina (sconosciuta anche alla casa costruttrice magari) perchè a parte i mesi in officina, magari hai anche finito la garanzia…..
        (si, succede anche alle termiche, ma se leggi sui vari forum, puoi trovare ID3, UP, Kona, Leaf…ferme mesi e mesi senza soluzione apparente…una termica in 2 mesi la smontano e rimontano totalmente).

        Dimmi tu, in cosa una Spring (l’ev “rivoluzionaria”) da 20k euro (togliendo quella DROGA degli incentivi) asfalterebbe una Dacia (per restar in casa) Sandero che ne costa 9 ?

        Ma per favore.

        • Ma sa quante volte abbiamo letto interventi identici al suo? Sa quante volte li abbiamo confutati, punto per punto? Sa qual è la differenza fra lei e i nostri lettori? Lei non ha mai usato un’auto elettrica, e si vede.

        • Pastiglie 🤔🤔 io con l’ultima auto con cambio manuale ci ho fatto la bellezza di 200’000km prima di cambiarle, e faccio prevalentemente montagna, quindi di cosa vuoi parlare?
          Per coppia ti posso garantire che tra il 3.0 V6 da 250 cavalli a 600nm e la EV ha già vinto la EV e parlo per mio utilizzo, quindi anche qui di cosa vogliamo parlare.
          Se non sapete le cose meglio star zitti che fare figure di 💩

  2. Ma tutti dicono che vogliono far costare meno le elettriche, si parla di minor personale minor quantità di mandopera minor componenti, ad oggi le batterie costano molto molto meno del passato come fanno ancora a costare così tanto??? Perchè voi di vaielettrico non chiedete i costi alla mano di quanto costa un auto che esce dalla fabbrica termica (diesel, benzina etc) rispetto ad un’elettrica pura?? Io credo che già oggi i prezzi siano simili se non uguali.

    • infatti mi sa che sono le auto a costare di più
      e il valore aggiunto , IL SOFTWARE , per adas e intrateinement sembra che non volgliono ammortizzarlo nel tempo ..
      poi vabbè Ford ha anche “l’intoppo” delle Bolt che bruciano che avrà un costo rilevante

      mi sa che dobbiamo aspettare il prossimo scossone di Musk con la Model 2/Q
      per vedere riduzioni di prezzo nei listini

    • Il prezzo di ogni bene industriale è inversamente proporzionale al numero di pezzi prodotti. Si chiama economia di scala. Quando i numeri di elettriche e termiche saranno paragonabili, sicuramente le elettriche costeranno molto meno.

      • Se mi permetti in questo caso anche se le economie di scala sono importanti non credo che una zoe costi 34k di listino poi se voi pensate che lo sia va bene. Ma vorrei vedere quanto costa alle aziende d’auto una zoe che esce da flins io penso non dico 20k (7500 euro costa una batteria) anche se 13k per costruirla anche se non hai numeri altissimi ci compri una termica nuova a quel prezzo, ma diciamo che 25k di listino potrebbe starci. Io continuo e continuerò a credere che non si possono nascondere dietro “economie di scala e/o investimenti per la riconversione”. Come scritto in parte (o gran parte) quest’ultime vengono assorbite dai ridotti costi di componentistica e manodopera quindi massimo e mauro io continuo a credere che 34k siano un tantino troppo. P.s.: non ne fanno una 100 di auto ma sono centinaia di migliaia e non sono supercar!

        • Gli investimenti li hai fatti tu, la manodopera è cara , a no gli operai fanno gli scioperi per l’aumento dello stipendio e poi vogliamo il prezzo made in Cina , peccato che con un nostro stipendio li.pagano 20 operai

          • Guarda che certi ragionamenti li farebbe qualsiasi persona con un minimo di buon senso e cervello funzionante, le fabbriche si stanno riempiendo sempre più con i robot, tesla stampa grossi pezzi d’auto senza assemblare ed usare altro personale, il reparto verniciatura sta divendendo tutto automatizzato ma che operai??!! Si in Germania igmetal il sindacato è molto potente ma le cose alla lunga non andranno come pensano loro. Gli investimenti sono fisiologici in qualsiasi settore, non è che fino a ieri non s’investiva!!!!

          • I suoi dati sul costo del lavoro in Cina sono irrealistici. Oggi il divario è circa del 50%.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome