Home Auto La Fiat 500e messa alla frusta -VIDEO

La Fiat 500e messa alla frusta -VIDEO

23
CONDIVIDI

La Fiat 500e messa alla frusta fuori dalla sua comfort-zone: l’abbiamo provata su un percorso poco consono a una citycar elettrica. Ecco come è andata! Nel video anche le caratteristiche peculiari della versione 3+1 e le impressioni di Laura, lettrice e amica di Vaielettrico e giovanissima potenziale acquirente…

Fiat 500e messa alla frusta: può essere l’unica auto?

YouTube player

Ora anche il Cinquino elettrico non è più un sogno inaccessibile. Al netto dei maxi incentivi (riservati a che ha un ISEE entro i 30 mila euro), si può portare a casa a un prezzo (qui il configuratore online) molto simile a quello di una Fiat 500 benzina. (almeno nella sua versione base, con batteria da 23,8 kWh. Ci siamo chiesti dunque se possa essere una vera auto. Da usare sempre. Anche, all’occasione, nelle lunghe trasferte autostradali, da sempre il terreno più ostico per l’autonomia delle elettriche.

fiat 500e in provaFiat 500e in prova (3+1 nella versione con batteria 42 kWh)

Noi abbiamo provato la versione con batteria da 42 kWh, nella versione 3+1 (che dispone di una doppia apertura sul lato destro, per agevolare l’accesso ai passeggeri dei sedili posteriori). Il suo prezzo di listino è di 30.650 euro, che diventano 23.150,00 Euro una volta sottratti i 7.500,00 Euro dell’incentivo. Ma per chi non volesse rinunciare alla batteria da 42 kWh, senza tuttavia volere anche la “quarta” porta, Nuova 500 in versione standard costa 28.650,00 euro di listino (21.150 euro al netto dell’incentivo). Infine, per chi decidesse di “accontentarsi” di 23,8 kWh, la 500e parte da un prezzo di listino di 25.450 euro (o 17.950 euro una volta sottratto l’incentivo). Attenzione: parliamo sempre di un bonus in presenza di rottamazione. Senza auto da rottamare l’incentivo si riduce a 4.500 euro.

La spesa? Circa 6,20 euro/100km (in autostrada)

Per tutti i dettagli sulla nostra prova e sulle caratteristiche di 500e, vi rimandiamo al video, ma qualche dato lo anticipiamo. In autostrada, a 130 km/h di velocità, nelle condizioni quindi peggiori per un’elettrica, la 500e ha avuto un consumo medio attorno ai 20 kWh/100km. Il dato è stato rilevato sul percorso in A22 da Riva del Garda a Modena, oltre 170 km. Stimando un costo di ricarica di 0,31 euro/kWh (offerta Enel X Way flat), significa un costo di circa 6,20 euro/100km. Davvero difficile fare di meglio per un’auto elettrica.  In città invece si arriva a 8 km con un kWh, il che significa che si possono fare tranquillamente più di 300 km. Altro test importante: la velocità di ricarica, fondamentale per chi deve fare viaggi lunghi e non ha la possibilità di perdere troppo tempo. Siamo arrivati con la batteria quasi del tutto scarica, all’1%, in una super-fast di Be Charge e la potenza di ricarica è salita ben presto a 65 kW. Non è il top di assorbimento della 500e (82 kW), ma è comunque un buon risultato.

 

Apri commenti

23 COMMENTI

  1. Ma siamo seri, 30.000 euro per un’auto con la quale spendi in una piazzola da 22 kw 30 euro di ricarica aspettando 3 ore, per fare (forse) Milano – Vicenza in autostrada… suvvia

  2. Io con la Action 23,8kwh mi ritrovo gli stessi consumi a 130kmh 20kwh/100km per la piccola la vedo molto dura perché di netto ha 21kwh scarsi

      • Bè di listino senza incentivi solo con le promozioni FIAT e il finanziamento una 500 hybrid la vendono a 14800, una 500e versione da 24kw senza incentivo a 29950 con incentivo e sconti 20950.. Direi che la differenza è molto marcata.

  3. Grazie mille Paolo, sempre molto interessante.

    -Fiat 500e messa alla frusta: può essere l’unica auto?-

    Giusta giusta , dai.
    Però se le necessità non sono tali da richiedere tanta autostrada, direi di sì.
    Chiaramente in città e in periurbano con batteria da 42 kw ci viaggi tutto il giorno senza porti problemi. quindi promossissima.
    Bellina la terza porta, l’avevo guardata per caricare i bambini.
    Il color salsa rosa, a mio gusto, semplicemente non si può guardare (visto anche dal vivo mi ha provocato acidità di stomaco per tutto il pomeriggio seguente)
    Peccato il prezzo importante. Gli incentivi per me sarebbero 3000 euro e pedalare, l’ipotesi di una “piccola” da città ma che mi faccia almeno 180 km veri di autostrada senza ricaricare la potrei accarezzare ben sotto i 20k, dove però c’è solo la Spring che secondo me per quanto sia carina non vale quel che chiedono… Specie con la secondo me irrinunciabile CCS2.
    Magari più avanti troverò un usato.

    Grazie di nuovo. 😉

    • Concorda che CCS2 sia irrinunciabile. Con la mia 500e da 42 kwh, partendo da Torino ci faccio tranquillamente tutto il Piemonte in montagna, collina e pianura, poi fino a Como, Milano e Liguria. Veda sotto il mio commento con qualche dettaglio in più.
      L’auto è promossa a pieni voti se uno non fa di abitudine le traversate Nord-Sud (per cui è meglio il treno o l’aereo come tempi e stanchezza). Per il resto tutto il nord d’Italia è raggiungibile con pause ogni 2-2 ore e mezza per ricaricare e andare in bagno.
      Consiglierei di guardare ora l’usato, pronta consegna o eventuali leasing e noleggio. Io me la sono presa a ottobre scorso con 32k di listino, a 22k con rottamazione e incentivi.
      Mi è costata circa 720 € di elettricità (contro a occhio il doppio o triplo di benzina), mentre ho risparmiato circa 600 euro di assicurazione, 100 di bollo e 150 di manutenzione
      Io con il contratto bloccato a 0,2 di giorno, 0,11 di notte, viaggio con 2 euro ogni 100 km, 6 con tariffa flat large Enel x (a 0,31 cent/kwh). In più parcheggio comodo in tutte le città turistiche e metropoli italiane avare di parcheggi. Senza contare che entro in ZTL a Torino, no blocchi traffico, Area C e parcheggi gratuiti a Milano

  4. Ma se nemmeno arrivando con l’1% di batteria si arriva al “top di assorbimento della 500e (82 kW)” quando mai ci si arriva?

    Ne consegue che la 500e carica al massimo a 65kW 😢 quindi di media facciamo 40? Maluccio imho

    • Il motivo per il quale probabilmente non abbiamo ricaricato a 85 kW (nemmeno per qualche minuto) è probabilmente legato alla temperatura della batteria all’arrivo. Ma non lo sappiamo. In diverse altre occasioni abbiamo ricaricato a potenze di picco anche leggermente superiori (87/88 kW).
      In ogni caso, non fa molta differenza su una batteria che ha una capacità massima di 37.5 kWh netti e dove la ricarica fast generalmente è per non oltre 20 kWh.

      • Concordo, probabilmente oltre alla temperatura della batteria, ci sono le variabili della colonnina e delle potenza elettrica disponibile, insieme a protocolli di sicurezza per tolleranza sul danneggiamento eventuale delle batterie.
        Con la mia 500e da 42 kwh, su colonnine da 75, 110 e 150, sono arrivato a 75-80 come picco (con batteria al 10-20%)

        • ciao
          dammi una consulenza, mia figlia ha comprato la 500 da 42 kWh icon direi simile la tua consegna anno nuovo si può modificare la corrente in ricarica in ca su 5 livelli me li sai dire da 1 a 5 i kWh di ricarica ?
          grazie

          • Mi sembra che il.n°5 si attesti su 2,6kwh o 2.8kwh ora non ricordo con il carichino e poi a scende, se sei in colonnina AC ti consiglio sempre 5 così ricarichi a 11kwh, alla DC non fa testo impostazione, la velocità la decide la colonnina interagendo con l’auto.

          • mah dipende, dovresti dividere la potenza del carichino di 2,3 kw di potenza, per 5 volte per sapere ogni tacca, circa 0,5 kw ogni tacca. Idem per la ricarica wallbox a 7,5 kw. Io consiglio sempre 5 tacche, e scendi se hai paura di far saltare il contatore. io comunque sono salito a 6 kw di potenza a casa, con wallbox e bilanciamento dei carichi dinamici, così pesca lei quanto può prendere in ogni momento, così anche forno o bollitore non salta

        • Vabbè, ma è ovvio. Cosa si aspettava da una colonnina messa in un posto dove vedono ancora la tv in bianco e nero? 🤭🤭🤭🤭🌹🌹🌹🌹

        • Si tratta di colonnine prodotte da Alpitronic su base modulare. Possono montare un modulo da 75 kW (come in questo caso) oppure due moduli (150 kW), o quattro moduli (300 kW)

    • Ho una 500e icon da diversi mesi, sulle colonnine fast CCS2 la potenza iniziale è sempre intorno agli 82 Kw e li tine costanti (degradando di poco, fino a circa 75 Kw) fino quasi al raggiungimento dell’80% di carica, poi l’ultimo 20% si riduce parecchio e la ricarica è molto più lenta. Questo sulle colonnine che vanno dagli 80 ai 300 Kw + di potenza. Se al collega è partita a 65 Kw credo dipenda dalla colonnina stessa che ha ridotto per qualche motivo la potenza (non credo dipenda dalla 500e perchè a me non è mai capitato, è capitato invece che su colonnine fast da 50 kw caricasse a 40 kw..).
      Fatti i miei 12 mila km circa, il consumo medio è di circa 7 km/kwh (40% autostrada a 120, 40% superstrada a 110, 15% extraurbano, 5% città, manderò articolo più dettagliato a breve ..

      • Ma perché nell’articolo riportano un consumo elevato di 20 Wh/km? Una macchinetta così in Autostrada dovrebbe fare molto meglio, che siano consumi rilevati a 130km/h? Secondo me andrebbe riportato il consumo a 110km/h che è la velocità giusta per un’elettrica, a questa velocità dovrebbe essere ben inferiore ai 16 Wh/100km.

        • C’è scritto nell’articolo che volutamente Paolo ha viaggiato a 130, proprio per verificare la situazione di maggior consumo. Di più, secondo Codice, non si può andare.

        • la mia Icon segna 5,4-5,8 km/kwh andando in autostrada tra i 110-120. Tradotto dovrebbe essere 18,5-17,8 kwh/100 km. Quindi siamo intorno a 210-230 km di autonomia circa.
          La media dei miei 18.000 km di un misto urbano-extraurbano-autostrada dopo 1 anno è di 6,7 km/kwh, ovvero 260 km di autonomia media. Ci vado in giro per lavoro e piacere da Torino verso montagne vicine come in Val di Susa, lago maggiore, Asti, Langhe, Val d’Aosta d’inverno, Como e Milano. Più che sufficiente per tutte queste trasferte regionali e extra regionali. Devo provare solo Torino-Liguria, ma l’autonomia a occhio è sufficiente per portarmici

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome