Home Pianeta Cina La EX5, cinesina che si ispira alla Germania

La EX5, cinesina che si ispira alla Germania

0
CONDIVIDI

Il nome, EX5, ricorda da vicino quello di un celebre Suv della BMW, e forse creerà qualche malumore dalle parti di Monaco, ma qui stiamo parlando del primo modello dell’ennesima start up cinese nata per l’auto elettrica, la WM. 

La EX5 è sta presentata l’11 dicembre 2017 nel corso di un evento organizzato da in una suggestiva location di Shangai: Freeman Hui Shen, il fondatore di WM Motor Technology co. (questo il nome completo), ha spiegato che il suo Suv verrà venduto nella seconda metà del 2018 a un prezzo inferiore ai 300 mila Yuan, poco più di 40 mila euro. E sarà solo il primo di tre modelli con i quali, dal 2020 in poi, la start up conta di arrivare a 100 mila vetture vendute ogni anno, con la produzione concentrata nello stabilimento di Wenzhou. Il nome WM ha un’origine curiosa: è l’abbreviazione di Weltmeister, termine che in tedesco significa Campione del mondo e che rende bene l’idea dell’ambizione planetaria della nouvelle vague cinese dell’auto elettrica, anche se all’inizio la EX5 sarà venduta solo in patria, ovvero nel primo mercato su scala globale per questo tipo di vetture.

Per gli standard occidentali è incredibile la velocità con cui in Cina si sviluppano nuove azienda automobilistiche: la WM è stata fondata appena nel 2015 e in soli due anni ha ultimato la realizzazione del suo primo modello. Freeman Cui Shen, il manager che l’ha fondata assieme a Napoleon Du, ha alle spalle una lunga esperienza nel Gruppo Geely, per conto del quale ha contribuito a gestire l’acquisizione e la successiva integrazione della Volvo, azienda della quale è stato poi il responsabile per il mercato cinese. Il punto di forza della WM sarebbe l’accordo siglato con ProLogium Technology per sviluppare una nuova generazione di batterie Litio Ceramica (LCB) allo stato solido, invece dei polimeri allo stato liquido usati abitualmente. Questo assicurerebbe maggiore capacità e densità di energia, oltre a tempi di ricarica sensibilmente accorciati. La costruzione dello stabilimento di Wenzhou, nella provincia di Zhejiang, è iniziata il 23 novembre del 2016, con un investimento di 970 milioni di dollari.