Home Vaielettrico risponde La compro elettrica o continuo con l’ibrida?

La compro elettrica o continuo con l’ibrida?

11
CONDIVIDI
La MG4, l'elettrica cinese a cui pensa Marco per sostituire la sua auto ibrida.

La compro elettrica o continuo con l’ibrida? Marco condivide i suoi dubbi: tenere ancora la Ioniq Hev o acquistare subito a una MG4 full Electric? Vaielettrico risponde. Ricordiamo che i vostri quesiti vanno inviati a info@vaielettrico.it

la compro elettricaLa compro elettrica subito o vado avanti due anni con la mia Hyundai Ioniq Hev?

“Ad aprile 2023 finiranno le rate della mia auto ibrida (Hyundai Ioniq Hev, molto efficiente, media consumi 22 km/l su 69.000 km fatti). I miei percorsi sono molto ben bilanciati tra urbano, statale ed autostrada (circa 1/3 ciascuno) e percorro circa 30.000 km/anno. Raramente mi capita di fare piu di 400 km (circa 1 volta al mese), piu di frequente 250-300 tra andata e ritorno (mi trovo a L’Aquila e mi capita di andare verso Roma o Pescara). Avrò la ricarica a casa non prima di un paio di anni. Il dubbio è:

1riscattare la mia auto e tenermela fino a quando non avrò il mio box auto
2passare direttamente all’elettrica, visto che i punti di ricarica continuano a moltiplicarsi (ora anche Tesla ha aperto e Free to x, Ionity, Be Charge crescono)?“.

Avrei pensato a una MG4, come auto a batterie

Il nostro video-test della MG4, firmato da Paolo Mariano, con le prime impressioni: clicca e guarda.
Servirebbe anche una strategia di ricarica piu lenta magari nei pressi di qualche supermercato… In tal caso avevo puntato la MG4 (con batteria grande, 450 km teorici e 300 in autostrada dovrebbero bastarmi). Con un rapporto autonomia/prezzo veramente ottimo, che sbaraglia la concorrenza. Ed effettivamente sarei contrario a spendere più di 30mila euro per un’auto (finora ci sono sempre riuscito). Sono vostro lettore da tempo e sono ben a conoscenza delle problematiche delle ricariche pubbliche. Ma al tempo stesso sempre molto attivo a criticare i cosiddetti No Watt sui social, quindi sono anche ben motivato ad affrontare le conseguenti criticità.  Alla luce di tutto questo, secondo voi, mi butto o aspetto ancora questi due anni che mi separano da avere il mio box auto? Grazie per la risposta e complimenti sempre per la vostra pagina. Marco Scozzafava
la compro elettrica
L’attuale auto di Marco, una Hiunday Ioniq Hev, ibrida.

La compro elettrica o…/ L’auto a batterie non dev’essere un’avventura

Risposta. L’auto elettrica non dev’essere un’avventura, ma una scelta ben ponderata, soprattutto per quel che attiene la possibilità di ricaricare senza problemi. Non si tratta di sfidare i No Watt, dei quali francamente ci infischiamo, ma di costruirci un sistema che non faccia rimpiangere l’auto a benzina (in questo caso un’ibrida). Per le percorrenze che Marco fa abitualmente, l’autonomia della MG non dovrebbe costituire un problema. Bisogna quindi verificare se i punti di ricarica citati, di diversi gestori, sono a una distanza accettabile e se risultano solitamente disponibili. Due parole, infine, sulla MG4, l’auto a cui sta guardando il lettore. Riscontriamo un enorme interesse nei confronti di questo modello cinese. Per la versione con batteria meno capace (52 kWh per 350 km di autonomia), la MG annuncia un prezzo di 22.900 euro. Che possono anche scendere se si può fruire del super-bonus da 7.500 euro per chi ha un ISEE entro i 30 mila euro e rottama una vecchia auto.

—  la compro elettrica Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it  —

Apri commenti

11 COMMENTI

  1. Occhio che la mg4 è trazione posteriore, avevo un BMW, mai avuti problemi, ma dalle mie parti, pianura, nevica e ghiaccia ormai poco, da te?
    A poco più della mg4 c’è la ZS comunque.

  2. A chi si preoccupa dell’inquinamento per l’estrazione del litio, ma forse pensano che l’estrazione del petrolio sia un processo naturale economico ed amico dell’ambiente ? Ho solo da ridere di questo…

  3. Personalmente aspetterei ancora a passare al full Electric …
    Lo so che con quello sto per scrivere mi tirerò addosso una valanga di commenti ed accuse e di sentirmi dire che sono contro l’elettrico ma non è così . Se vuoi passare al full elettrico perché ti piace è un conto ma se pensi di farlo per inquinare di meno non è così scontata la scelta . Anche se molti credono che le batterie siano eterne i dati dimostrano tutt’altro , se non si va sull’alta gamna le batterie possono arrivare alla fine in 6/7 anni e più le ricariche sono veloci più si accorcia la vita della batteria . Nessuno considera mai quanto si inquini ad estrarre il litio dalle miniere ( che tra l’altro comincia a scarseggiare ) , a costruire le batterie ed a smaltirle alla fine della loro vita , con 30.000 km annui sul lungo termine arrivi ad aver inquinato di meno dopo 3/4 anni ma nel mio caso che , percorro in auto circa 6.000 km annui , già solo comprando un’elettrica avrei inquinato più di quanto non lo faccia in 10 anni con una delle mie auto di 15/20 anni . Stanno per essere sviluppate batterie agli ioni di sodio che presto sostituiranno quelle al litio nel settore auto , un po’ meno performanti ma sicuramente più economiche e di gran lunga meno inquinanti nella loro realizzazione e soprattutto nel loro smaltimento , dureranno di meno ed avranno un’autonomia dell’ 60/70% rispetto alle attuali ma sono anche solo all’inizio del loro sviluppo che col tempo andranno velocemente ad avvicinarsi a quelle inquinantissime batterie al litio che tutti esaltano , di pro , saranno molto più veloci nelle ricariche . In pratica ora non si riduce di molto l’inquinamento , lo si sposta solamente lontano da chi le usa . Ok , adesso insultatemi pure se volete ma prima informatevi bene come ho fatto io dall’ultimo post che ho scritto in questo sito dove esprimevo tutti i miei dubbi su l’attuale livello dell’elettrico che considero ancora primitivo .

    • Caro Ivano, quello che scrive oggi è più o meno lo stesso che scrisse nel luglio scorso. Quindi non sembra che il suo livello di informazione sull’auto elettrica abbia fatto grandi passi avanti. Forse si è documentato dalle fonti sbagliate o forse il suo pregiudizio è troppo radicato per accettare smentite. Come vede nessuno l’insulta. Ma non può pretendere che le si dia ragione ad ogni costo, quando scrive corbellerie sulla durata delle batterie, sulla sostenibilità del processo produttivo, sulle possibilità di riciclo dei materiali, sulle disponibilità delle materie prime. PS: se la sua percorrenza media aunnua è di 6.000 km e la sua Toyota di 26 anni funziona ancora come un orologio se la tenga cara e non si preoccupi di doverla cambiare. Nessuno le vieterà di usarla anche dopo il fatidico 2035.

  4. Rimanderei. Con la Ioniq fai 900km con un pieno senza preoccuparti di cercare punti di ricarica. Costo al km circa 7,5 centesimi. Calcola quanto costerebbe un km in elettrico, ricaricando alle colonnine. Col fotovoltaico certo il discorso potrebbe cambiare ma va visto se è quanto è costato. Fra qualche anno saremo molto più avanti sia come autonomia che come punti di ricarica, per ora preferirei fare a meno di quintali di App per tariffe, autonomie, abbonamenti ecc

  5. Io oggi ho la possibilità di ricaricare a casa, ma per i primi 6 mesi di auto elettrica ho dovuto fare affidamento esclusivamente alle colonnine. Tuttavia non è stato un problema perché disponibili nel parcheggio della piscina che frequento 2 volte a settimana e nel supermercato in cui facciamo abitualmente la spesa. Perciò 2 anni si può benissimo combinare se sussistono queste condizioni

  6. Brutta esperienza con MG. Dopo 6 mesi di attesa e nessuna idea della consegna da parte del concessionario ho disdetto l’ordine della MG5. Vendono auto e non sanno quando le consegnano, super attenzione verso il cliente. Ho scritto più volte al servizio clienti ma credo non esista visto le 0 risposte. Ho appena preso la ENiro in pronta consegna, il servizio Kia è molto più serio !! La macchina sarà anche buona, è il testo che mi lascia perplesso !

  7. Mia suocera a Milano ha l’auto elettrica senza box, ricarica alle colonnine con abbonamento mensile (spende anche poco).
    Bisogna ben valutare dove sono le colonnine nei dintorni dell’abitazione e dei posti che si frequentano di più.

  8. Buttati Marco… è morbido! 😂
    Scherzi a parte… nei pressi di dove abitualmente lasci l’auto in sosta (ad es. nelle tue trasferte a Roma o durante la notte) hai un punto di ricarica? Se sì, non avrai problemi 💪🏻
    Sui supermercati non ci conterei troppo… potrebbero cambiare politica per limitare i costi o potresti trovare occupato. In due anni di Tesla non ho (quasi) mai caricato al supermercato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome