Home Auto La carica delle cinesi accelera, BYD Han in testa

La carica delle cinesi accelera, BYD Han in testa

17
CONDIVIDI
La Xpeng G3s: i primi 100 esemplari per l'Europa sono in arrivo in Norvegia. Ma è solo l'inizio...

La carica delle cinesi elettriche continua, con un successo crescente in patria e le prime navi che portano auto in Europa. E di nuovo non sono modeste citycar… Le ultime novità dal Salone di Pechino, pieno di folla senza timori da Covid-19.

La carica delle cinesi: il best seller è la BYD Han

Il punto lo ha fatto la CNBC in una corrispondenza da Pechino. Spiegando che nel dopo-epidemia la domanda di berline elettriche di lusso è in grande aumento in Cina. Carpe diem…Un esempio tra tutti: in poco più di due mesi, gli ordini della “Han” della BYD  hanno superato quota 40.000. Ricordiamo che nella BYD, un colosso presente anche in Italia con i suoi bus elettrici, ha investito pesantemente il miliardario americano Warren Buffett. Ovvero il finanziere noto per trasformare in oro tutti i suoi affari.

la carica delle cinesi La Han è stata la star del Salone: èuna berlina di lusso con un’autonomia dichiarata di 605 km, secondo lo standard di omologazione cinese, piuttosto ottimistico. Si parla di 450-500 km reali, con prezzi che vanno da 229.800 a 279.500 yuan, pari rispettivamente a circa 28.100 e 34 mila euro. Dovrebbe arrivare in Europa nella prima metà del 2021, a un prezzo tra i 45 e i 50 mila euro, al lordo degli incentivi (altre info qui)

La carica delle cinesi / Xpeng è già in Europa con la G3

Chi invece sta già sbarcando con le sue vetture elettriche nel Vecchio Continente è la Xpeng. L’azienda è stata fondata appena sei anni fa da He Xiaopeng e ha un solido sostegno finanziario da Alibaba, il colosso cinese dell’e-commerce. Le prime 100 unità del modello G3s sono state caricate si una nave a fine settembre, destinazione Norvegia, il paradiso europeo dell’elettrico. In rete è visibile il video dell’evento (sotto): sono le prime Xpeng ad arrivare in Europa, dopo i 22 mila pezzi venduti in Cina.

La G3 è disponibile con due pacchi-batterie: uno da 66,5 kWh con 520 km di autonomia (standard NEDC) e uno con 50,5 kWh e 401 km di range. Entrambe le versioni sono dotate di un motore elettrico da 145 kW che aziona le ruote anteriori. Accelerazione da 0 a 100 in 8,5″, velocità massima 170 km/h. Prezzo in Norvegia di circa 37 mila euro. Secondo i media americani, la Xpeng ha deciso di sbarcare prima in Europa che negli Stati Uniti per i difficili rapporti commerciali tra Washington e Pechino.
la carica delle cinesi
Il grande tablet in stile Tesla al centro del cruscotto della Xpeng G3.

HiPhi X, il super- Suv in arrivo da Human Horizons

Un altro marchio cinese per ora conosciuti solo in patria, Human Horizons. Al Salone di Pechino ha presentato il suo primo Suv elettrico, l’HiPhi X, in arrivo nella prima metà del 2021. L’azienda parla di un “super SUV”  e giudicare dalle immagini e dalla lunghezza non ha tutti i torti. Sarà disponibile in versione a quattro o sei posti, con a prezzi che partono da 600 mila e 800 mila yuan, pari rispettivamente a 85 e 100 mila euro. Siamo nella fascia altissima dei Suv tedeschi e della Tesla Model X, per intenderci.

Nonostante la presentazione, affollatissima, al China Autoshow di Pechino, l’azienda di Shangai non ha fornito dati tecnici dettagliati sul suo super-Suv. Limitandosi a palare di un veicolo “touchless”, in cui tutte le funzioni, comprese apertura e chiusura delle portiere, avvengono in digitale. Con 562 sensori installati Tutto sviluppato grazie anche a un partnership con Microsoft annunciata a luglio.

E c’è persino la cinese elettrica in stile retrò, Great Wall

la carica delle cinesila carica delle cinesi
Ha senso uno stile retro in un’auto elettrica? Secondo noi non tanto. Secondo Great Wall, gruppo già presente anche in Italia, invece sì. Al Salone di Pechino ha presentato il concept di una berlina di lusso a emissioni zero, che ha raccolto molto successo tra i visitatori del China Autoshow. L’auto mostrata era priva di marchio, forse perché la Great Wall non ha deciso con quale brand tra i tanti che possiede (Great Wall, Haval, Wey, ORA) la porterà sul mercato. 
 
 

 

17 COMMENTI

  1. Articolo scritto con i piedi! Si documenti prima di scrivere che Nio non vende abbastanza per sopravvivere, inoltre Nio non è solamente produzione e vendita di auto ma producono abbigliamento, articoli per la casa di ogni genere e soprattutto con Baas ha la poccibiltà di poter vendere le propia tecnologia di swap batteria alle altre case automobilistice! Le ricordo oltre 1200 brevetti e la collaborazione con Mobylise di Intel per la realizzazione di AUTO PILOT! Se vuole vado avanti con altre 1000 info che ne fanno una grande realtà per il futuro.

    • Insomma NIO sopravvive perché è l’IKEA dei Woke cinesi? Ricorda: get woke go broke.
      Comunque anche BYD sopravvive perché produce mascherine che vende al doppio del prezzo a Di Maio. Un fantastico esempio di “intersectionality”…

      • Invece a Salvini non le vende perchè lui non le porta e questo fatto mostra l’intelligenza del personaggio e di chi lo segue.

      • Magari sarà anche vero, ma io non so con esattezza quale sia il prezzo il prezzo giusto per le mascherine ………… forse tu sei stato campione di OK il prezzo è giusto?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome