Home Retrofit L’ Alfa 156 convertita in elettrico con il retrofit EVA

L’ Alfa 156 convertita in elettrico con il retrofit EVA

3
CONDIVIDI
Conversione elettrifica

Anche l’Alfa Romeo 156  va in elettrico. E’ la storia di un modello del 2005 convertito in elettrico nel 2017 e ha già percorso 37 mila chilometri. Retrofit che lascia più che soddisfatto il giovane proprietario Alessandro Alberti.

Alessandro ha 30 anni ed è titolare di EVA, sede in provincia di Potenza, che sta per Elettro Velocipedi Alberti. I lettori di Vai Elettrico lo conoscono per il retrofit con crowdfunding di una barca turistica che vuole mettere in acqua per la prossima stagione (leggi qui). Ma il giovane imprenditore oltre alla nautica elettrica è impegnato sul retrofit a terra. Con l’Alfa Romeo 156. Ma ha rigenerato anche una Fiat 600 Elettra e soprattutto e-bike e un  triciclo risciò.

L’Alfa 156 del 2005 in elettrico ha fatto 37 mila km

L’Alfa 156 è del 2005:  “L’abbiamo riconvertita a 110 mila km e fatto il primo test su strada nel 2017. Ora siamo sui 147 mila km, quindi abbiamo percorso 37 mila km con la nuova propulsione”. Alessandro spiega gli interventi per la transizione alle emissioni zero: “Le batterie sono composte da 2910 celle con formato 18/650 , la capacità complessiva è da 30 kWh”. Questi i numeri. L’autonomia è sui 150/200 km. Può salire a 250con una velocità di 60/70 km/h”. Parole di Alessandro che per caricare l’Alfa 156 impiega circa 4/5 ore.

Omologata come esemplare unico, 20 mila euro il costo del retrofit 

Al volante
Alessandro Alberti al volante dell’Alfa 156

Quanto è costato il retrofit? “Siamo oltre i ventimila euro. Il lavoro è stato svolto tutto nella nostra officina, ci siamo occupati di tutto noi”. Per quanto riguarda l’omologazione? “E stato presentato come veicolo unico e ha superato le prove elettromagnetiche, di sicurezza elettrica, il collaudo su strada. Ben due giorni tutti dedicati ai test”.

Con l’Alfa 156 fa 180 km al giorno, confronto con la Tesla

Questo l’aspetto burocratico, ma soprattutto è stato superato il test d’uso quotidiano. “La uso per andare al lavoro, una media di 180 km tra andata e ritorno. Parto con l’80% e poi carico a bassa potenza al lavoro e tengo sempre un margine del 30%. Questo metodo mi permette di fare 200 km al giorno”. Sui consumi Alessandro ha girato un video dove fa delle interessanti comparazioni. Qui con la Tesla Model 3.

E anche un viaggio di  1.281 chilometri

Si imbarca

In viaggio con l’Alfa 156 elettrificataOltre al percorso quotidiano, Alessandro si è cimentato in un lungo viaggio: ben 1281 chilometri. A emissioni zero dal Cilento fino all’Isola delle Correnti in 5 giorni. Tanti dati interessanti raccolti nel blog aziendale che si può leggere qui. Alessandro oltre che un viaggio di piacere ha voluto testare le opportunità offerta dalla sua creatura elettrica.

Per il retrofit auto servono investimenti 

Il risciò elettrificato da Alberti

L’Alfa 156 è di sua proprietà, ma Alessandro con la sua ditta sta da tempo sul mercato dell’elettrico. Ad EVA di  Alberti è possibile il retrofit – oltre l’elettrificazione delle bici –  nonostante tutti gli ostacoli. “Oggi è quasi uno sfizio convertire un’auto in elettrico. Manca un’economia di scala. Chi lo fa di solito elettrifica un auto d’epoca o con un forte valore affettivo”. La soluzione o una ricetta? “Servirebbe un imprenditore che investa dei capitali per abbattere i costi e fare economie di scala. Bisogna lavorare su centinaia o migliaia di veicoli, con 20 l’anno è difficile abbassare il prezzo”.

LEGGI ANCHE: In arrivo 15 Calessini Piaggio riconvertiti per Ostuni Touring

3 COMMENTI

  1. Dovrete mettermi in galera perche’ io la mia auto non la tocco, e posso pagare tutte le multe che mi pare.

Comments are closed.