Home Moto & Scooter Kymco Like 125 EV, l’ e-scooter che costa come una bici

Kymco Like 125 EV, l’ e-scooter che costa come una bici

22
CONDIVIDI

La Casa taiwanese pronta a lanciare in Europa la versione a zero emissioni del suo noto scooter Like. Un modello urbano che promette un’autonomia da record e un prezzo super concorrenziale

Avevamo lasciato Kymco ad EICMA lo scorso novembre, con il suo carico di novità in vista del nuovo anno. Novità che investono con decisione anche il settore delle due ruote a zero emissioni, ora che la competizione in questo campo si fa sempre più serrata e le grandi aziende di riferimento non intendono perdersi importanti fette di mercato.

Così, sulle ali del successo del progetto iONEX, la Casa taiwanese è pronta a mettersi in gioco con un nuovo scooter elettrico da città, il “gemello” a zero emissioni del suo popolare Like.

Il Like 125 EV è pensato per farsi largo a breve nel mercato europeo, con alcune caratteristiche che in un certo senso lo renderebbero unico: un’autonomia che può arrivare fino a 200 km e un prezzo da… bicicletta.

Il prezzo, che indiscrezioni vogliono intorno ai 1.200 euro, dubitiamo che possa rimane  quello definitivo, soprattutto perché parliamo di uno scooter di qualità che con quel costo annichilirebbe la concorrenza. Sulle dotazioni tecniche, invece, sembra proprio che gli asiatici abbiano lavorato bene, per rendere quanto più fruibile e versatile il Like versione “green”.

Kymco Like 125 EV

Fino a 200 Km di autonomia con 5 batterie

Non siamo di fronte ad uno scooter potente, ma che sfrutta dotazioni intelligenti. Il motore si spinge ad una potenza di 3,2 kW (4,3 CV), sviluppando una coppia di 124 Nm, mentre le due batterie di serie (estraibili) arrivano ad avere singolarmente una capacità di poco superiore a quelle utilizzate su molte biciclette elettriche (0,6 kWh).
Ma c’è un jolly. In caso di necessità, il Like 125 EV può comunque funzionare anche con entrambe le batterie estratte e in carica, grazie ad un accumulatore interno da ulteriori 550 Wh. Inoltre, nel vano sottosella si possono affiancare alle due batterie di serie altre tre aggiuntive: con 5 batterie in uso, ecco che l’autonomia massima dichiarata schizza a 200 km, decisamente una bella cifra per gli scooter di categoria.

Kymco Like 125 EV

Tanta qualità per soli 1200 euro?

Costruito per districarsi bene nel traffico cittadino, Like 125 EV riprende in pieno le sembianze del gemello termico, sfruttando misure e peso (110 kg) contenuti a vantaggio della maneggevolezza.
Non mancano poi i dettagli tecnologici. Il display digitale include la navigazione GPS e una presa USB si trova nel portaoggetti. Poi c’è l’immancabile sistema di connessione alla App dedicata tramite smartphone, per visualizzare sul display centrale tutte le info riguardanti lo stato del veicolo. Infine c’è anche la retromarcia, se serve.

Per l’arrivo in Italia del Like 125 EV ancora non si hanno date certe, così come sul prezzo finale. Certo, se fossero confermati i 1200 euro…

Kymco Like 125 EV

Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it—

Apri commenti

22 COMMENTI

  1. La solita bufala cacciatrice di clik kinco annuncia mano produce sono tre anni che aspetto una mai nata ionex o simile questa farà la stessa fine almeno in Italia sul sito kinko .It non se ne parla neanche ipoteticamente …per favore controllate le fonti le notizie a capochiam ne girano già troppe ..almeno voi che reputo testata seria anche …no

  2. 2 link interessanti:

    https://scooter.uk.com/#kymco [ prezzi degli scooter elettrici ]

    https://www.kymco.com/product/like-ev [ il link al sito ufficiale ]

    Comunque questo è il prezzo onesto di uno scooter con meno di 5 cv. Capisco che qualcuno pensa che la Vespa elettrica a 10000 euro sia un affare da non farsi scappare, ma io uno scooter con 5 cv già a pagarlo 2000 euro mi sento male, 1000 già un po’ meglio, io credo che 1200 euro sia un prezzo onesto, almeno guardando tutti gli altri dati.

    Ho solo un dubbio: le 5 batterie saranno ricaricabili anche collegando la spina o vanno ogni volta obbligatoriamente estratte e ricaricare a casa una per una?

    • Sull’ultimo punto, ecco cosa dice Kymco: “The rider can also charge the battery at home, or use the charging slot on the scooter itself to recharge batteries”. Quindi è possibile la ricarica anche collegando direttamente la spina nel muro.

      Aspettiamo il prezzo europeo, sperando sia quello indicato.

  3. Interessante, lo comprerei se fossi in un paese civile.

    Purtroppo da automobilista mi devo fare il sangue amaro ogni santissimo giorno, gente che guida mentre fa altro, sorpassi senza freccia, popolo di anarchici al volante. Troppo pericoloso andare in moto. Un suicidio.

    Io per il cellulare ho un supporto con ventosa che sarà costato si e no 20 euro e ce l’ho da una decina d’anni. Non si capisce come non li possano spendere gente che spende 30/50k per un auto.

    Guidare tenendo il cellulare in mano è criminale e stop, niente auto-indulgenze. Ma anche gli indicatori di direzione, che pare la gente faccia fatica ad allungare le dita per segnalare al prossimo dove cavolo sta andando (idem nelle rotatorie).

    Provo disgusto e rabbia, anarchia totale. Da scendere dall’auto e fare cose eclatanti che non posso dire perché mi censurerebbero.

    Certi giorni vorrei vendere la macchina e andarmene a vivere su una montagna.

    • Continuare ad usare l’auto alimenta il traffico di cui ci si lamenta. In breve, si diventa parte del problema.
      Basterebbe che amministratori illuminati cominciassero a togliere spazio per le auto nelle città e privilegiare le due ruote… non ci vuole molto.

      • In qualche strada di cittá hanno ristretto lo spazio destinato alle auto per ricavare corsie per micromobilitá, staremo a vedere se si tratta di situazione temporanea causa pandemia o di tendenza a lungo termine.

  4. C’è altro che non torna.
    5 batterie da 600 Wh + 1 batteria integrata da 550 Wh fanno un totale di 3,55 kWh.
    Un Askoll NGS2 con 2,09 kWh di batterie (2) limitato a 45 kmh raggiunge 71 km di autonomia dichiarata. Com’è possibile con 3,55 kWh dichiararne 200 di km??

    • Dipende dal metodo con cui hanno ottenuto quel valore di autonomia.. Ciclo WMTC ? Velocitá costante di tot kmh ? Purtroppo al momento piú di un costruttore / importatore dichiara i km raggiungibili e basta (magari con la formula “fino a…”).

  5. Sto cercando ovunque la fonte di questi 1200 euro, ma non trovo un comunicato Kymco… solamente siti terzi, possibile? Da parte mia posso dire che con quella cavalleria il mezzo sarebbe anche capace di velocità maggiori dei 45 kmh a cui probabilmente verrà limitato per riuscire ad avvicinarsi all’autonomia dichiarata.
    Inoltre potrebbe darsi che al prezzo di € 1200 per la singola batteria (quella integrata) al lordo dell’ecobonus sia poi da integrare un abbonamento mensile per il servizio di scambio batterie come è il progetto Ionex… insomma, neanche Niu o Lifan che sono cinesi e non coreano riescono a proporre uno scooter con tutte queste sovrastrutture ad un prezzo così basso, perciò immagino che almeno per il nostro mercato non arriverà a quel prezzo – da scontare con l’ecobonus fino al 2026 oltretutto! – oppure ci sarà altro che non lo renderà iper competitivo rispetto alla concorrenza straniera o nazionale (Askoll?)

    • D accordo con Andrea.
      Ma se un monopattino con 30 km di autonomia costa 400. € come può costare 1200€ uno scooter.
      Le batterie costano uguale x tutti i produttori a meno che qualcuno ha scoperto la formula magica x produrle a poco, ma non mi risulta.
      ..e coi prezzi delle materie prime in continua ascesa poi…

  6. Tra tasse è tutto …minimo sarà raddoppiato il prezzo, ma con quella velocità nel traffico diventa quasi pericoloso al semaforo. Attendiamo la 125 vera….allora si avrebbe senso.
    Comunque se il prezzo fosse intorno ai 2000€……verrebbe fuoti uno scooterello da città a poco prezzo…..allora si che inizia a diventare interessante.

    • Ma che commento è ? “Tra tasse e tutto minimo sarà raddoppiato il prezzo”…?????? Ma chi l’ha detto?
      “Con quella velocità nel traffico diventa quasi pericoloso al semaforo”….ma se l’articolo non parla di velocità????? Non è obbligatorio commentare !

  7. Mi sa che il prezzo sia della versione base:
    -Senza nessuna batteria estraibile
    -Senza carica batterie
    -Senza display con navigatore

  8. Non mi piace quel “125” nel nome, sembra messo apposta per fare l’analogia con un motore termico di quella cilindrata, che non ha senso e perchè è un EV e perchè non ha la potenza di un 125 termico, ma di un cinquantino. Il prezzo….sarebbe incredibile. La concorrenza è su livelli tripli, anche lì non vedo il senso, sarebbe già competitivo a 2.400 eur. Mah.

  9. Ecco come dovrebbero comportarsi i nostri produttori, far mezzi accessibili a tutti in modo da fare una transazione veloce e indolore.

  10. Non ho capito l’utilitá della piccola batteria fissa, credo che offrirebbe un’autonomia veramente minima.. In ogni caso, se il prezzo accennato nell’articolo venisse confermato, aggiungendo gli incentivi lo scooter costerebbe come uno smartphone. Staremo a vedere..

    • Da vedere come la “riserva”, delle vecchie due ruote… per chi si ricorda di quando ci si piegava per raggiungere la valvolina sotto al serbatoio 😉

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome