Home Bici Kvaern, la e-bike solare che arriva dal freddo

Kvaern, la e-bike solare che arriva dal freddo

0
CONDIVIDI

Ci voleva un’azienda danese per costruire la prima bici elettrica compatta che si ricarica con l’energia solare. Oggi la e-bike che viene dal freddo è realtà e c’è ancora tempo per accaparrarsela a poco più di 1.000 euro con uno sconto del 40%. Consegne previste da luglio

Si chiama Kvaern la prima e-bike compatta che sfrutta l’energia solare per ricaricare la batteria a riposo. Una piccola rivoluzione della viabilità elettrica su due ruote, che la piattaforma Indiegogo non poteva farsi sfuggire. E infatti la campagna di crowdfunding ha raggiunto in poco tempo il tetto di 10mila euro che si era fissato. Ci sono ancora diversi giorni disponibili per sostenere il progetto e ricevere Kvaern a quasi la metà del prezzo di listino, che si aggirerà sui 1.850 euro a fine promozione.

Un solare come il Tesla Power Wall

Il power pack solare funziona in modo piuttosto semplice. Infatti basta collegare l’alimentatore Kvaern+ al pannello solare incluso e installarlo sul tetto del garage, di casa o della rimessa dove si trova la due ruote. L’accumulatore Kvearn verrà quindi caricato durante il riposo e renderà disponibile l’energia immagazzinata quando la tua bicicletta ne ha bisogno. «Abbiamo provato a creare una soluzione simile a quella che Tesla offre ai propri proprietari di auto con Tesla Powerwall», dicono da Copenhagen.

Una bella corsa, questo significa kvaern in danese, fortemente voluta da un gruppo di ragazzi che hanno creato la start up solo pochi mesi fa. La motivazione è semplice quanto giusta: «Far lasciare più macchine possibile in garage». In Kvaern sanno bene che «questa bici non è la soluzione definitiva ai problemi di traffico, ma una buona soluzione». Seppure energia solare e mondo e-bike siano due settori molto vicini, quasi complementari, fino ad ora sono pochissime le connection. Infatti sono pochi i costruttori di e-bike ad aver fatto il grande passo. Uno dei primi dei quali ci siamo occupati è stato Leaos.

Piccola sì, ma dalle grandi prestazioni

La piccola e-bike danese a pedalata assistita ha un telaio in alluminio con ammortizzatore sulla forcella. Viene equipaggiata con motore brushless montato al mozzo posteriore da 250W con velocità massima di 25 km/h e sensore torque. Per quanto riguarda la batteria è integrata al corpo bici. Si tratta di una Lg agli ioni di litio da 36V, 5Ah. Pure lei è rimovibile e ha un’autonomia di circa 50 km. Sulla parte centrale del manubrio è disponibile il display per il controllo di tutte le funzioni della e-bike. I livelli di assistenza al motore sono quattro: Bike Mode 0%, Eco Mode 25%, City Mode 50%, Boost Mode 90%.

Il peso della bici elettrica è di 17 kg e trasporta fino a 120 kg, come accessori troviamo parafanghi, luce anteriore e posteriore, inoltre è presente sulla parte sottostante il tubo obliquo un piccolo altoparlante bluetooth da 5W. La nuova Kvaern dopo la fase di raccolta fondi verrà lanciata al prezzo di 999 euro. Mentre si può ottenere il pack solare, con sistema batteria da 360Wh + pannello, per un supplemento di prezzo di 449 €. La e-bike e la ricarica dal pannello solare sono gestibili anche da App per smarthphone.

Niente è lasciato al caso

La solare Kvaern non lascia al caso niente infatti punta anche ad essere accattivante. Come detto monta una cassa audio da 5 W, inoltre si presenta in tre varianti di colore: bianco ghiaccio, giallo sole (che altro sennò) e grigio pietra. Colori non banali per una bici che vuole essere un po’ diversa. Puntando tutto sulla performance di un motore che promette di accelerare da 0 a 25 km/h in appena 4,5 secondi. Ma pure su una guida confortevole grazie agli ammortizzatori anteriori. Cosa non di secondaria importanza nelle città che sempre più presentano strade accidentate.