Home Auto Kimbal Musk e la lotteria benefica col Model Y in palio

Kimbal Musk e la lotteria benefica col Model Y in palio

0
CONDIVIDI
Kimbal Musk con la Tesla Model Y della lotteria per finanziare Big Green.

Kimbal Musk lancia una lotteria con in palio una Tesla Model Y. Tutto per una buona causa: finanziare Big Green, ente no-profit fondato dallo stesso Kimbal.

Kimbal Musk finanzia Big Green, il suo ente no-profit

cimbali MuskKimbal Musk è il fratellino di Elon, il fondatore di Tesla. È un personaggio originale, come un po’ tutta la famiglia, che veste sempre con un cappello do cow-boy. Più che al business e all’innovazione, è più votato alla filantropia e in particolare a Big Green. Con la missione di educare i bambini americani al cibo sano, in un Paese afflitto dalla piaga del junk food. Tutto questo finanziando anche la costruzione di piccoli orti nei giardini delle scuole. Un tema a cui a suo tempo si era dedicata anche Michelle Obama, che un orto dimostrativo l’aveva fatto approntare negli spazi esterni della Casa Bianca. La lettera per Big Green è stata lanciata sulla piattaforma Omaze, purtroppo disponibile solo negli Usa . Con 15 dollari hai diritto a comprare 100 biglietti con cui partecipare all’estrazione del Model Y.

Obbiettivo: l’educazione alimentare dei bambini, costruendo orti

Lo scopo della raccolta-fondi con la lotteria è spiegato su Omaze con queste parole: “Big green costruisce un futuro più sano per i bambini educandoli alla cura del giardino con programmi di educazione. I piccoli e le comunità seguite da Big Green già soffrono di ineguaglianza, problemi di salute e di disponibilità di cibo fresco. E il Covid-19 potenzialmente può peggiorare ulteriormente la situazione. Big Green sta mettendo in campo le risorse necessarie in questi tempi difficili. I fondi raccolti serviranno per fornire alle famiglie istruzione a domicilio, attività di giardinaggio, accesso al cibo vero, docenti per lezioni anche a distanza. Più saranno i bambini che fruiscono di buon cibo e di educazione alimentare, più sane e resilienti saranno le nostre comunità“. Bravo Kimbal!