Home Auto Kia Concept EV9, prove tecniche di super Suv elettrico

Kia Concept EV9, prove tecniche di super Suv elettrico

13
CONDIVIDI
Concept ev9

Presentato in anteprima a Francoforte, l’anno scorso, il Kia Concept EV9  torna oggi alla ribalta con un’approfondita analisi della filosofia che lo ispira. In una nota appena diffusa, Kia lo definisce «il preludio di quanto Kia intende proporre nell’era della mobilità sostenibile».

Concept EV9 combina in un’unica proposta un design d’avanguardia,  un abitacolo futuristico flessibile e personalizzabile e un avanzato propulsore esclusivamente elettrico..

Karim Habib, Senior Vice President e Head di Kia Global Design Center dichiara: «Nel Concept EV9, evidenziamo come il concetto SUV possa evolvere per assumere un ruolo strategico nell’era della mobilità sostenibile. High lights di Concept EV9 sono il design esterno progressivo con uno spazio interno futurista su una innovativa e fortemente tecnologica base abbinata ad un propulsore all’avanguardia completamente elettrico».

La versione commerciale in vendita dal 2023

Concept EV9 evolverà in un modello che andrà in vendita già nel 2023 anche in Europa, seguendo il crossover EV6.

Progettato sulla specifica piattaforma elettrica globale modulare (E-GMP) di Kia, Concept EV9 è un veicolo altamente flessibile e high-tech alimentato da un propulsore 100% elettrico.

Pannelli solari, volante retrattile, tre file di sedili

Le principali caratteristiche sono la forma alta, uno spazio interno dal carattere visionario, una dotazione tecnologica all’avanguardia, i sedili disposti su tre file.  Imponenente nelle misure (una lunghezza di 4.930 mm, una larghezza di 2.055 mm, un’altezza di 1.790 mm e un passo di 3.100 mm) e nell’impatto visivo  accentuato dai parafanghi dagli angoli netti, suggerisce invece leggerezza e ospitalità con le portiere aperte sul grande abitacolo a fusoliera estrememente accessibile.

concept ev9

L’ampia superficie del cofano ospita pannelli solari, contribuendo a fornire parte dell’energia elettrica necessaria a Concept EV9,  utile quando non si è vicini ad una stazione di ricarica.

L’efficienza aerodinamica di Concept EV9 è ulteriormente incrementata dai mancorrenti retrattili sul tetto che, quando non sono in uso, si chiudono verso l’interno. Un sistema di telecamere di nuova generazione sostituisce i convenzionali specchietti retrovisori esterni migliorando ulteriormente l’aerodinamica. Un tetto panoramico DLO onnicomprensivo  crea una connessione diretta con l’ambiente esterno.

L’interno è stato concepito come una scenografica lounge di prima classe. Un display interattivo ultra-wide da 27 pollici collega Concept EV9 dal mondo reale a quello virtuale.

Il volante a scomparsa è stato reinterpretato e inserito nella plancia, integrato nello spazio interno.

Materiali sostenibili ed ecologici sono stati utilizzati per il pavimento (derivanti dal riciclo di reti da pesca) mentre il tessuto dei sedili è stato ottenuto dal riciclo di bottiglie di plastica e di fibre di lana. In tutto l’abitacolo, inoltre, è stato fatto grande uso di pelle vegana. Kia prevede infatti di ridurre gradualmente l’uso della pelle animale in tutti i suoi veicoli.

Tre configurazione per l’abitacolo

Sono tre le modalità di configurazione dell’abitacolo. Active Mode si usa quando Concept EV9 è in movimento. Pause Mode è la modalità volta a modificare lo spazio interno per trasformarlo in una first class lounge: i sedili possono essere ruotati per consentire agli occupanti seduti nella prima e nella terza fila di porsi uno di fronte all’altro, mentre i sedili della seconda fila si ripiegano, trasformandosi in tavolini.

Enjoy Mode, sempre da usare da fermi,  trasforma l’abitacolo in uno spazio ricreativo attraverso la possibilità di ruotare tutte e tre le file di sedili, consentendo a tutti gli occupanti di godere dell’ambiente esterno, con il portellone aperto, comodamente seduti in prima fila.

— Vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato? Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico—

Apri commenti

13 COMMENTI

  1. noooooooooooooooooooooooooooooooooooo!! 😀
    spaziosa? anche un hummer h2 con 5 metri di lunghezza e 2 x 2 mt di larghezza e altezza..
    penetrazione aerodinamica? come sopra
    consumi? idem con patate
    utilità? tale e quale show!!
    mobilità sostenibile? velo pietoso cercasi..

    • Enzo, io invece adoro questi volanti minimalisti, e non vedo l’ora che il volante sparisca del tutto. Aveva un senso quando le auto avevano lo sterzo meccanico, per fare forza come sui timoni delle navi. Ma ormai è tutto drive-by-wire, e esattamente come sulle navi moderne, basta un joystick. Che oltretutto sarebbe comodamente posizionato sul bracciolo, evitando di dover tenere le braccia alte per ore per usare lo sterzo. Più la guida autonoma si fa strada, meno senso ha avere una ruota lì in mezzo.

      • Quando dovrai scansare un ostacolo improvviso di notte che ti si para davanti in autostrada (un cervo, un pneumatico lasciato da qualche tir, etc.), quando dovrai scansare un bambino che ti attraversa la strada senza guardare sbucando da dietro un furgone parcheggiato, ti faccio un grandissimo in bocca al lupo a farlo con un volante joke o col volante rettangolare di questa kia. Se i volanti in tanti anni di automobilismo sono tondi e non rettangolari un motivo ci sarà.

        Aspettando l’auto elettrica con le ruote a forma di cubo …

        • Però Tesla ha la rotazione completa pari ad 1 giro di volante. Incrociare le braccia è rarissimo, si usa solo nei tornanti, nella guida cittadina con immissione in strada a 90° con marciapiede alto (quindi non puoi allargare) e veicolo presente in attesa di fare svolta a sinistra che ti impegna l’altra corsia (ti ho fatto il caso reale che incontro TUTTI i giorni tornando a casa) non serve.
          La regolazione del volante che c’è in impostazioni cambia solo lo sforzo e non il rapporto, quello è fisso.

          • Guido ti è mai scappato il volante tra le mani e l’hai dovuto riprendere a volo? A me sì, non mi vergogno di ammetterlo e il fatto che il volante fosse tondo mentre questo roteava su stesso mi ha consentito semplicemente di stringerlo riportando le mani verso il volante senza il rischio che afferrassero l’aria o venissero colpite da uno “spigolo” di un volante quadrato. Quando il cervo ti taglia la strada (parlo per esperienza diretta, mia personale Alfa GT vs Cervo 1 – 0, cofano ammaccato ma il cervo ha imparato ad attraversare sulle strisce – non ero io al volante) non è che prima ti manda un sms per avvisarti e ci sta che in quel momento le mani non siano saldamente in posizione 9:15. E questo vale per un pedone che ti taglia la strada, un automobilista che ti apre lo sportello all’improvviso, del materiale scivoloso presente in una curva, etc.

            Sono certo che senza spostare le mani dalle 9:15 non si corrono rischi: tu lo reputi possibile guidare tutto il tempo con le mani inchiodate su quella posizione?

          • Non dico che sia più comodo (non credo, anche se non l’ho mai provato), dicevo solo che secondo me è più scomodo nelle manovre a bassa velocità, piuttosto che nella guida veloce. Io, a naso, sceglierei il tondo…

        • Enzo, ti viene il dubbio che questi dubbi siano già stati fugati dal momento che il volante di Tesla è omologato e disponibile come opzione sulle loro auto in circolazione?
          Oltre che come dice GuidoB dare un colpo di sterzo è uguale su entrambi i modelli, o tu mi dici che per scansare un ostacolo serve fare più di mezzo giro di sterzo? perchè temo che se fosse così sia impossibile scansarlo anche con un volante tondo.

          Se invece semplicemente non ti piace, va benissimo, infatti il joke è un optional. Ma evita questo stile melodrammatico, è pieno di Tesla che investono poveri bimbi con gli occhioni enormi e supplichevoli? Statistiche?

          • Luca se avessi seguito la storia del volante joke di Tesla sapresti non solo che è pieno di persone che aftermarket si fanno montare il volante normale ma che la stessa Tesla, che non vuole mollare il punto, pare si stia attrezzando per rilasciare il volante classico.

            Il fatto che una soluzione sia tecnicamente e scientificamente migliore di un’altra, non comporta che la soluzione peggiore sia illegale, è peggiore e basta. Basta scorrere le specifiche tecniche delle auto, ci sono anche case che propongono ancora i freni a tamburo sui loro modelli nuovi da oltre 40000 euro, io penso che quelli a disco autoventilati frenano meglio ma magari sbaglio io …

        • chissà perché tesla ha licenziato un suo beta-tester per aver pubblicato il video della “guida autonoma”.. con tanto di paletti di plastica (fortuna) schiacciati e correzione (sterzata a 2 mani) con tempo di reazione di un paio di secondi..
          immagino col joystick dove sarebbe.

      • Certo perchè le navi han bisogno della prontezza di risposta come le auto no ?
        Cmq han già inventato il veicolo su gomma senza volante che sogni, si chiama AUTOBUS, basta salirci e sedersi, a portarti a spasso ci pensa il suo guidatore.
        😀

        • ahah. Sei andato molto più vicino a quello che penso di quello che credi: l’autobus è perfetto da quel punto di vista, ma ha il limite che non va ovunque. Io attendo la guida autonoma, così il computer guiderà per me la mia auto mentre io posso usare il tempo per fare altro.

  2. Dov’è che ho già visto una plancia così minimalista, il tetto panoramico, maniglie a scomparsa, volante joke, assenza di pulsanti…?
    Chissà se verrà definitivo “povero” anche questo, dal solito.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome