Home Bici Juiced Scrambler: e-bike offroad come una moto

Juiced Scrambler: e-bike offroad come una moto

0
CONDIVIDI

Una e-bike offroad che sembra una moto. Ecco Juiced Scrambler, la bici elettrica californiana che va dappertutto

Per la serie sei (quasi) come la mia moto ecco la californiana Juiced Scrambler. Si tratta di una e-bike con tutti i crismi anche se somiglia per tanti versi a una motocicletta dallo stile off road e piuttosto vintage.

Essendo americana di nascita ha fatto le cose in grande. Infatti la motorizzazione va da 750 Watt a 1100 Watt. Questo significa che nei paesi dell’Unione Europea può essere usato soltanto fuori dalle strade in cui vige il codice di circolazione. Altrimenti va targata, assicurata e serve il casco come una normale due ruote a motore.

La Scrambler è stata da poco lanciata per il pre-order sul sito dell’azienda. Ci sono tre diversi modelli tra i quali scegliere: Camp, City e Hyper. Le prime due versioni hanno il motore da 750 Watt, mentre la Hyper monta un 1100. Per questo le velocità massime consentite vanno da 45 km/h fino a 55 km/h.

Design vintage da moto rude

Ogni modello è stato realizzato con un telaio in alluminio e un design stile moto con sella molto lunga, la forcella è ammortizzata, la batteria agli ioni di litio ha una capacità di 52V, 13Ah o 19A.

Le colorazioni disponibili sono due: rosso e nero. Tranne la versione Hyper che sostituisce il rosso con uno sportivo color alluminio. Il che rende questa super bici a pedalata assistita ancora più simile alle Bmx degli anni Ottanta. Salvo appunto la sella allungata, che consente di salire anche in due (dove permesso). Ma anche qui il richiamo alle bici di tre decenni fa è piuttosto forte.

Sul manubrio è presente il display Advanced Matrix LCD per il controllo dei vari parametri della e-bike. Sul davanti è presente pure una luce a led da 1050 lumen. Per quanto riguarda quella posteriore invece è un optional da pagare a parte.

Si può personalizzare tutto

Proprio tra gli accessori il sito Juiced consente una vasta scelta. Si va dal caschetto, a diversi tipi di ammortizzatori da sella. Ma anche il portapacchi posteriore e anteriore. Fino alle barre da montare sulla macchina per il trasporto della bici, utile visto che su strada non può circolare.

Ovviamente tutto è acquistabile online con spedizione gratuita in tutto il mondo a partire da novembre 2018. A quanto pare ci  sarà anche un lancio su Indiegogo. Sempre sul sito aziendale è presente una sezione in cui si possono acquistare praticamente tutti i ricambi per la bici. Sia della parte meccanica che elettrica, batterie comprese.

Il motore è posizionato sul mozzo posteriore ed è disponibile come detto con potenza da 750W e 1100W, quindi utilizzabile solo in zone offroad, in UE per la percorrenza su strade necessita di omologazione.

Altre caratteristiche: trasmissione Shimano a 7v o 9v, ruote da fat-bike Kenda da 20″ e di sezione 4″. Ma pure freni a disco idraulici con dischi da 180 mm. La Juiced Bikes Scrambler verrà venduta a un prezzo di 1699 dollari con motore da 750W e 2699 dollari per la versione Hyper con motore da 1100W.

Cosa è Juiced Bikes

Juiced Bikes produce una decina di altri modelli di e-bike da strada e fuori strada. Si tratta di un’azienda nata per vendere direttamente al consumatore, senza intermediazione. In questo modo riesce a tagliare una parte dei costi e quindi dei prezzi.

La sede è a San Diego dove è stata fondata nel 2009 da Tora Harris, laureata in ingegneria meccanica e aerospaziale all’Università di Princeton. Mentre era a Princeton, Harris ha portato avanti la carriera di atleta. 2 volte vincitrice del campionato NCAA nel salto in alto e ha stabilito diversi record della Ivy League. Harris ha vinto 2 titoli del campionato nazionale USA Outdoor e ha partecipato alle Olimpiadi di Atene 2004.