Home Nautica Isotta Fraschini apre centro sull’idrogeno a Bari

Isotta Fraschini apre centro sull’idrogeno a Bari

0
CONDIVIDI
Nautica elettrica
Il convegno su nautica e idrogeno a Brindisi

Isotta Fraschini viene da 120 anni di storia e punta sul futuro con gli  investimenti sulle applicazioni marine dell’idrogeno. Un centro di innovazione e sviluppo nello stabilimento di Bari.

nautica elettrica
Da sinistra il direttore Giovanni Bruni, Marco Martinelli del centro di ricerca e Massimo Labruna Ceo di As Labruna

Questa una delle notizie emerse al convegno, condotto da Matteo Dusconi giornalista e già segretario generale Assonautica,  su nautica ed idrogeno ospitato allo Snim, il Salone nautico di Puglia che si tiene nel porto turistico di Brindisi fino al 16 ottobre.

Motori all’idrogeno con l’assunzione di trenta ingegneri

Il progetto di Isotta Fraschini, prende il nome di IFuture, è stato presentato dal direttore operativo dell’azienda Giovanni Bruni e illustrato da Marco Martinelli che si occupa del centro di innovazione e sviluppo che si sta avviando nello stabilimento di Bari.

Zeus
Zeus di Fincantieri alimentata a idrogeno

Un investimento frutto anche di un accordo con la Regione Puglia, all’incontro era presente l’assessore allo sviluppo economico Alessandro Delli Noci che ha sottolineato la volontà di investire su questo settore e ricordato il Puglia Green Hydrogen Valley dove Edison con Snam, Saipem e Alboran vogliono costruire tre stabilimenti di idrogeno verde a Brindisi, Taranto e Cerignola.

Il centro prevede l’assunzione di 32 professionisti, per la gran parte degli ingegneri, e Isotta Fraschini lo utilizzerà soprattutto per sviluppare tecnologie per applicazioni marine all’idrogeno. Verrà utilizzato anche dal gruppo Fincantieri (ha prodotto la prima nave ad idrogeno) di cui Isotta Fraschini fa parte e in futuro, ha sottolineato il direttore Bruni, anche da aziende terze.

nautica elettrica
L’ingresso dello stabilimento

La ricerca è un tassello fondamentale per lo sviluppo dell’idrogeno dove c’è ancora tantissimo da fare per renderlo disponibile agli utenti: dalla produzione, allo stoccaggio, ai contenitori, senza dimenticare la distribuzione.

Il piccolo grande mondo all’idrogeno

Bene aprire le porte del centro alle aziende esterne. Ma esistono? Al convegno di Brindisi abbiamo visto questo piccolo grande mondo, che già conoscevamo, riunito grazie anche alla determinazione dell’ingegnere Massimo Labruna, di As Labruna, che ha organizzato l’incontro e da tempo si occupa della decarbonizzazione della nautica. Con un approccio aperto dove si punta al mix tra elettrico, ha elettrificato il gozzo tradizionale di Monopoli, ed idrogeno.

nautica elettrica
L’ingresso dello stabilimento

Ha seguito questa filosofia l’intervento di Andrea Pagnini di Uniboat, la loro barca Futura è salita due volte sul podio del Monaco Boat Energy, che ha sottolineato sia i benefici dell’elettrico sia quelli dell’idrogeno: “Attraverso il loro mix è possibile avere il massimo di efficienza ed efficacia“.

Nautica elettrica
Il sistema a idrogeno di H2Boat nella barca a vela dove è possibile avere l’apporto delle rinnovabili prodotte a bordo

Hanno presentato le evoluzioni del loro energy pack gli ingegneri di H2Boat di cui ci siamo occupati anche recentemente che puntano all’idrogeno anche per la “piccola nautica”. A iniziare dalle barche a vela, a questo proposito hanno allestito il prototipo Nikita. Puntano sugli idruri metallici dove è stoccato l’idrogeno: “Prodotto nella prima fase di funzionamento dell’EP, sono stati inseriti dentro il bulbo con l’obiettivo di verificare le funzionalità, l’efficienza e i vantaggi“.

In Puglia cresce l’indotto all’idrogeno

Una storia interessante di come l’idrogeno, con gli stessi risvolti la filiera elettrica, possa creare economia è data dalla Cetma di Brindisi, rappresentata da Alessandro Marseglia, che si occupa di ricerca sui nuovi materiali e che grazie ad un bando del ministero della transizione ecologica sta studiando come produrre i migliori “serbatoi” per l’idrogeno.

nautica elettrica
Uniboat utilizza l’idrogeno a bordo

Molto interessante l’intervento di Simone Lenti, manager responsabile delle vendite per il Mediterraneo della multinazionale svedese PowerCell, che ha illustrato i molteplici campi di applicazione dell’idrogeno: dalla nautica fino all’aviazione. Il gruppo di recente, come ha ricordato Lenti, ha ricevuto un ordine di produzione in serie di Fuel Cell da parte di ZeroAvia, pari a circa 151 milioni di euro. “Questo step così importante, ci permetterà finalmente di essere incoronati come produttore leader di Fuel Cell nel mondo“.

Nautica elettrica
Michele Bolpagni, country manager di Aqua Superpower

Il country manager di  Aqua Superpower  Michele Bolpagni si occupa di stazioni di ricarica elettriche fast, collocate in alcuni importanti porti turistici del Mediterraneo,  ma ha sottolineato come in alcuni casi sia possibile l’utilizzo dell’idrogeno.

Come Vaielettrico abbiamo ricordato il lavoro di documentazione sullo sviluppo scientifico e sulle aziende che in questo momento stanno investendo per l’applicazione dell’idrogeno alla nautica, anche ricordando gli interventi del professor Alessandro Abbotto per l’idrogeno senza paraocchi: quando serve e quando no.

— Iscriviti gratuitamente alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico.it  —

 

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome