Home Aziende e flotte Irizar: bus elettrici a Genova, ad agosto 14 in strada

Irizar: bus elettrici a Genova, ad agosto 14 in strada

0
CONDIVIDI
IRIZAR AUTOBUS ELETTRICI
IRIZAR autobus elettrico test in strada

Con Irizar arrivano 14 autobus elettrci a Genova, che con Torino e Milano formava il triangolo industriale del Paese. Ora le tre  città sono in prima linea nella mobilità elettrica.

L’anno scorso nella città ligure sono arrivati 10 Rampini E80 (8 metri di lunghezza). Ora, per la precisione da agosto 2020,  nelle strade genovesi sarà il turno di nuovi 14 Irizar e-mobility. 

Una gara pubblica da 7mln 400mila euro

IRIZAR AUTOBUS ELETTRICI
Un autobus elettrico Irizar in prova su strada

La nuova integrazione elettrica alla flotta cittadina è frutto di una gara pubblica che ha visto vincere l’offerta di Irizar con i bus da 10,8 m di lunghezza, più le infrastrutture di ricarica e l’adeguamento impiantistico della rimessa “Mangini”. Il costo totale ha superato i 7 milioni e 400mila euro.

Autonomia da 220 km

La capacità energetica stoccata nel pacco batteria è di 350 kWh e garantisce  un’autonomia di 220 km. Abbastanza buona per la media degli autobus in circolazione.

Ci sono 20 posti a sedere e 81 totali 

Gli Irizar hanno 3 porte, 20 posti a sedere più quello di guida, 1 area per sedie a rotelle/passeggino e una capacità di trasporto pari  a 81 persone.

Ricarica notturna in deposito 

La ricarica degli autobus è prevista durante il “riposo” notturno  nei depositi dell’azienda comunale e sarà garantita da nove caricabatterie interoperabili con una presa di ricarica Combo 2. Anche questa tecnologia è sviluppata in casa del Gruppo Irizar.

“Genova una sfida per le strade strette”

Hector Olabegogeaskoetxea, direttore generale di Irizar e-mobility su  Genova: “Una città con strade molto strette e ripide, ciò comporta un notevole impegno a livello orografico, una sfida che senza dubbio affronteremo con l’affidabilità dei nostri prodotti”.

Iriziar con lo stabilimento a ad emissioni zero

Su rinnovabili: “Abbiamo investito nel più grande parco solare fotovoltaico nei Paesi Baschi e l’energia generata alimenta le strutture di Irizar e-mobility. Il primo stabilimento a produrre autobus elettrici a zero emissioni ed energia totalmente pulita in Europa”.

Seconda vita per le batterie

Le batterie di Irizar grazie ad un accordo con l’ente basco per l’energia e Repsol hanno una seconda vita. Una volta completato il ciclo di vita negli autobus diventano  elemento di stoccaggio nelle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici e nelle stazioni di servizio Repsol.

VIDEO AZIENDALE

LEGGI ANCHE:  A Bologna bando da 24 milioni per 20 autobus elettrici