Home Incentivi Incentivi a scoppio ritardato: ci siamo, ma che fatica

Incentivi a scoppio ritardato: ci siamo, ma che fatica

14
CONDIVIDI

Incentivi a scoppio ritardato: ci siamo, ma che fatica. Un provvedimento firmato dal premier Mario Draghi il 6 aprile diventa operativo solo dopo 40 giorni.

incentivi a scoppio ritardato
Il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti.

Incentivi a scoppio ritardato: si parte il 16, ma senza piattaforma informatica

Si parte il 16 maggio con la pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale. Ma la cosa sconcertante è che in tutto questo tempo non si è ancora riusciti ad allestire la piattaforma informatica dove i concessionari effettuano le prenotazioni. Per quella bisognerà aspettare il 25 maggio, ma sono comunque valide le prenotazioni dei clienti raccolte a partire da lunedì 16. Di fatto per quasi la metà del 2022 l’Italia è stato l’unico tra i grandi Paesi europei a non avere incentivi per le auto a emissioni zero. “I tempi sono stati più lunghi del previsto, ma ci siamo arrivati“, ammette il vice-ministro allo Sviluppo Economico, Gilberto Pichetto. “Speriamo che gli incentivi auto servano a fare ripartire il mercato in difficoltà“. Di un “notevole ritardo” parla anche Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor, secondo il quale gli incentivi “daranno comunque un apporto abbastanza significativo al mercato“.

incentivi a scoppio ritardatoCon o senza rottamazione, ecco i bonus

E per fortuna che il provvedimento è stato seguito “con grande attenzione dal ministro Giancarlo Giorgetti… Ricapitoliamo gli importi per le 3 categorie di auto incentivate:

  • per l’acquisto di auto elettriche, con prezzo fino a 35 mila euro + Iva, contributo di 3 mila euro, più altri 2 mila euro se si rottama un’auto fino a Euro 4. Disponibili 220 milioni nel 2022, 230 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024.
  • per l’acquisto di auto ibride plug – in, con prezzo fino a 45 mila euro + Iva,  contributo di 2 mila euro, più altri 2 mila euro se  si rottama un’auto fino a Euro 4. Disponibili 225 milioni nel 2022, 235 milioni nel 2023 e 245 milioni nel 2024.
  • per l’acquisto di auto nella fascia di emissioni 61-135 g/km (benzina e diesel a basse emissioni), con prezzo fino a 35 mila euro + Iva, contributo di 2 mila euro se si  rottama un’auto fino ad Euro 4.

— Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube di Vaielettrico

Apri commenti

14 COMMENTI

  1. Salve, vorrei fare una segnalazione.
    Ero interessato all’acquisto di una Hyundai Kona Elettrica xtech city 39 kw. Preventivamente ho richiesto alcuni test drive di diverse auto elettriche, ma in effetti quella sembrava una buona auto per me. Allora ho chiesto dei preventivi a 3 concessionari Hyundai. Ne ho trovato uno particolarmente interessante richiesto alla fine di marzo: il venditore ha applicato tutti gli sconti della casa automobilistica e, in più, anche gli incentivi statali che si credeva ammontassero a 6000 euro.
    Così ho firmato il contratto che stabiliva che se il prezzo fosse variato di molto, si sarebbe potuto annullare senza pagare penali.
    Poi, come ben sappiamo, gli incentivi da febbraio sono pian piano slittati ai nostri giorni e son stati ridotti da 6000 a 5000 euro (il concessionario mi ha avvisato e abbiamo concordato per un prezzo maggiorato di 1000 euro).
    Ma la casa costruttrice, nel momento stesso in cui i bonus son diventati realtà, ha sospeso gli sconti. Cosicché, per assurdo, la Kona era più a buon mercato prima (solo con le promozioni Hyundai), che dopo (con il bonus statale)!
    Invano ponevo speranze sulla possibilità di poter sommare gli uni con gli altri!
    Il concessionario ha cercato di deviare la responsabilità del costruttore dicendo che il contratto era precedente agli incentivi statali, e che questi non risultavano essere retroattivi… La verità è che la Hyundai ha ritenuto opportuno ritirare la promozione: avrebbe potuto mantenerla senza perdere nulla (la somma del bonus la recupera dallo stato): in questo modo avrebbe incrementato le vendite…e invece ha perso un cliente.
    Aspetto tempi migliori.

  2. Da quelo che ho capito ..
    niente sconti alle partite iva
    solo agli auto noleggi giusto ?

    P.S.
    alla faccia dalle pari opportunità
    già per le partite iva era complicato ottenere un finazioamento sotto un certo reddito,
    con il covid poi crollato ai minimi, bisognerà chiedere ai genitori di impegnare la pensione
    -_-

  3. La domanda da porsi, fatta al concessionario che al momento non ha saputo rispondere, è i 35k+IVA sono da considerare da listino o da prezzo scontato dal concessionario? Di due concessionari interpellati per lo stesso modello di macchina, due risposte contrapposte. Da domani si sapra la verità.

  4. Cortesemente, cosa significa “…sono comunque valide le prenotazioni dei clienti raccolte a partire da lunedì 16”?
    Io ho prenotato una Zoe giovedì 7 aprile (il giorno successivo all’emanazione del DPCM), e il sistema informatico del concessionario per il calcolo del prezzo già prevedeva l’incentivo sia senza che con rottamazione (come nel mio caso).
    Quella prenotazione non è più valida??? Domattina verifico subito!

      • Buongiorno avendo auto euro 5 secondo voi rientra nell’incentivo? E vale anche per auto a O km già immatricolate?..Inoltre si sa la la regione lombardia con eventuale bando permette di cumulare i bonus?.. chiedo a chiunque potesse rispondermi grazie

        • Il DPCM 6 aprile pubblicato oggi 16 maggio in Gazzetta Ufficiale è chiarissimo: l’ulteriore incentivo per rottamazione ottenibile sui veicoli di categoria M1 (auto elettriche o ibride) si ha solo se “… è
          contestualmente rottamato un veicolo omologato in una
          classe inferiore ad Euro 5”.

      • La risposta è nel DPCM pubblicato oggi pomeriggio ed è chiarissima:

        Art. 2.
        Incentivi per l’acquisto di veicoli non inquinanti
        1. Alle persone fisiche che acquistano, anche in loca-
        zione finanziaria, ***a decorrere dalla data di entrata in vi-
        gore del presente decreto*** ed entro il 31 dicembre 2022
        per le risorse relative all’annualità 2022 [… ]

  5. Ma non mi sembra un buon incentivo per le pure elettiche in oltre il tetto massimo di acquisto è molto più basso rispetto le ibride plug quando sappiamo tutti che le pure elettiche costano di più poi le ibride plug ed in fine le più economiche endotermiche, quindi a parità di valore un endotermica da 35k€ + iva è veramente una gran macchina, mentre le elettriche rientrano poche e cinese se non si vuole una citycar, altro che Dar linfa ai produttori europei 🤦
    E poi ci si lamenta che la Cina fa da padrona lo stiamo facendo noi da molti decenni e ora ancora di più

  6. È cumulabile con quello della regione lombardia?..forse 4000 euro che però mi sembra non sia ancora partito…. sempre tutto all’italiana…. uff.. troppa approssimazione… già non è un passo da poco……. così non credo aiutino molto..

  7. Spero di cuore che gli incentivi incentivino quelo che c’è da incentivare e non risollevino affatto quello che deve essere smantellato. In un contesto diverso mi autocensurerei per un commento così drastico ma di fronte a tanta ignoranza e incompetenza da parte di questo ministro, l’unico modo per fermarlo è augurarsi il completo fallimento del suo accanimento terapeutico verso il motore a scoppio.

    • Parole giustissime invece le tue. Io approfitterò dell’incentivo per passare all’elettrico, ma la maggior parte delle auto vendute saranno ancora endotermiche….

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome