Home Turismo elettrico In Indonesia le immersioni si fanno con barche elettriche

In Indonesia le immersioni si fanno con barche elettriche

0
CONDIVIDI

Nel resort Maha Raja Eco Dive Lodge in Indonesia per andare a fare immersioni subacquee e snorkeling si usano le barche della tradizione, ma con i motori elettrici.

A Raja Ampat in Indonesia hanno capito che la difesa dell’ambiente è doverosa per proteggere il capitale più importante: la natura incontaminata. Quelle acque cristalline e quella ricca fauna e flora marina che attira turisti da tutto il mondo per 12 mesi visto il clima mite. La temperatura è compresa tra 25 e 32⁰ mentre quelle dell’acqua oscillano tra 28 e 31.

Uno dei maggiori richiami di questo paradiso terrestre sono le immersioni e lo snorkeling. Attività ad impatto negativo se si utilizzano i motori termici che sporcano l’acqua, fanno puzza e producono il rumore che spaventa i pesci.

La scelta del motore elettrico

E la fauna ittica – oltre 1.300 specie di pesci e il 75% di tutte quelle di coralli duri sul pianeta – è biodiversità da tutelare ed attrattiva turistica. Lo sanno bene al MahaRaja Eco Dive Lodge dove uniscono difesa dell’ambiente ad una esperienza unica: muoversi in silenzio sull’acqua permette, infatti, di ascoltare i suoni della natura.

Mahasti Motazedi, il fondatore di MahaRaja Eco Dive Lodge, spiega i motivi della scelta: “Siamo amanti della natura e come subacquei professionisti sappiamo quanto sia unico e fragile il nostro mondo sottomarino. Lo dobbiamo proteggere. Le nostre barche per le immersioni ora sono equipaggiate con i motori elettrici Torqeedo e i nostri clienti preferiscono quest’esperienza ecologica che protegge la barriera corallina”.

Per l’imprenditore turistico il valore aggiunto è dato anche “dalla mancanza di rumore e della puzza tipica dei motori a combustione”. Interessante il messaggio: “Speriamo che questo sia il primo passo per immersioni più pulite ed ecologiche in tutto il Raja Ampat e nel resto di il mondo“.  Tutto da ascoltare in Italia dove ci sono centinaia di diving e gli spostamenti sono brevi, quindi non c’è problema di autonomia.

Convertite due barche tradizionali

In concreto sono state convertite due barche tradizionali Papuan. La prima, “Puck Tiga”, lunga 22 metri, è stata dotata di un motore Torqeedo Cruise 4.0. L’autonomia con una carica è di 20 km, energia necessaria per trasportare 12 subacquei da e verso i siti di immersione. La seconda, “Puck Ampat“, lunga 8 metri, ha un motore Torqeedo Travel 1003 (ne abbiamo scritto recentemente, guarda), l’autonomia è di 10 km e trasporta massimo 6 passeggeri.

Promuovere l’elettrico anche tra i locali

La scelta ha avuto successo: “La nostra partnership con Torqeedo è stata la chiave del nostro successo, ci ha fornito il supporto giusto per implementare e testare il motore elettrico e il sistema delle batterie – spiega il titolare Motazedi -. Il passo successivo è quello di promuovere la navigazione elettrica nei villaggi della Papua così che ci si sposti in modo più sano per loro e per l’ambiente “.

Soddisfati anche da Torqeedo con Marcus Magiar, presidente e amministratore delegato di Torqeedo Asia-Pacifico: “Si tratta di un progetto pilota per dimostrare che le barche pulite e elettriche sono il modo migliore per esplorare Raja Ampat, una delle località più belle, ma ecologicamente fragili del pianeta”.

Volete conoscere i nostri itinerari a emissioni zero? Basta un click qui