Home Nautica In Francia la nautica elettrica è cosa seria, le barche a Nautic...

In Francia la nautica elettrica è cosa seria, le barche a Nautic Paris

0
CONDIVIDI

Oltre al Nord Europa bisogna guardare alla Francia per capire le evoluzioni e come promuovere la nautica elettrica, anche quella di piccole dimensioni. I cugini francesi sono molto più avanti. Basta guardare al Salone Nautico di Parigi che si è aperto sabato 8 dicembre: 400 metri quadrati dedicati solo alla navigazione elettrica e un’associazione che riunisce tutti gli attori della filiera.Tanta roba. A batteria.

Per le barche elettriche 400 metri di stand

“Le bateau électrique c’est fantastique!”. E’ il titolo di un comunicato stampa del Salon Nautic di Parigi che crede e lotta per sostenere la nautica elettrica e solare. Per nove giorni in quello che si definisce “Il più grande porto al coperto di Francia” si alza il sipario anche sui cantieri specializzati sulle imbarcazioni a emissioni zero.

“Dal 2017, le barche elettriche e solari hanno un’area dedicata di 400 metri quadri, grazie in particolare alla partnership con AFBE ovvero l’Associazione francese per la barca elettrica”. Quest’ultimo dato dimostra quanto sia importante fare sistema, coalizzarsi, fare informazione per conquistare spazio e visibilità. Quella che manca in Italia dove anche il poco che c’è non è unito ed organizzato mentre nelle fiere l’elettrico è spesso nascosto, messo in un angolo. Quasi invisibile. Oltre confine si fa il pieno di iniziative. Al Salone parigino, per esempio, AFBE premierà la migliore barca elettrica dell’anno.

Le barche in esposizione

Vediamo, soprattutto per chi può fare un salto, cosa propongono i cantieri. Ecco alcuni progetti e imbarcazioni in vetrina nello stand Electric and Solar Space. Di alcune abbiamo già scritto in questi ultimi mesi.

La picnic18

A Parigi sarà in esposizione RAND Picnic 18 (guarda) che avevamo definito ad economia circolare perché oltre la scelta elettrica è realizzata con materia prima seconda ovvero scarti riciclati e ricollocati nel processo produttivo: lo scafo è infatti composto da bottiglie di plastica.

Restiamo nel Nord estremo, ma spostiamoci in Svezia rappresenta da X Shore, il cantiere del geniale velista ed imprenditore Konrad Bergström, fondatore di Marshall Headphones, che presenta X Shore eElectric 8000 di cui abbiamo scritto nei mesi scorsi (guarda).

xshore

Abbiamo raccontato anche di Alize Electronic, seppure tramite l’azienda italiana Barchelettriche con cui collabora (guarda).

A Parigi  sarà in vetrina la Nautic Lagoon 55 con la particolarità del tetto solare che garantisce maggiore autonomia: da 2 a 4 ore. La barca può ospitare fino a 10 persone, velocità media di 7 km / h mentre quella massima raggiunge i 9,5 km / h.

Un gommone da lavoro a zero emissioni

Da non perdere Zen Pro 580 della NaviWatt, gommone semi rigido in alluminio equipaggiato con un motore Torqeedo (frutto della collaborazione con BMW) che garantisce un’autonomia fino a 20 ore con una velocità di 3 nodi (a 6 si riduce ad un’ora) può toccare i 28 nodi. Il costo è sui 75mila euro, prezzo abbastanza alto ma i costruttori sostengono che con il risparmio per  carburantemanutenzione la differenza non vada oltre il 14%.

Le barche da noleggio

Le Saviboat by Tecla

Il costruttore Saviboat by Tecla, francesi che mettono barche elettriche in acqua dal 1990, mostra al pubblico il nuovo Derby 4.90. Omologata per 11 persone è una barca per fiumi, laghi e destinata soprattutto al noleggio. Un natante semplice da usare, sicuro e concepito per il divertimento.

Il catamarano Neptuneo

Catamarano Neptuneo

Interessante anche Neptuneo di Nautiqu’Elec, un catamarano largo 2,5 metri e lungo 6,5 metri, velocità massima di 15 nodi, può ospitare fino ad 11 persone. La durata della batteria è di 14 ore per una velocità media di 5,5 nodi mentre si riduce a 4 alla velocità di 8. In esposizione c’è pure il robot elettrico Jellyfishbot della Iadys progettato per la raccolta di rifiuti galleggianti.

La lista delle barche elettriche però non è finita, nei prossimi giorni vi presenteremo anche gli altri natanti a batteria presenti a Parigi.