Home Alla ricarica In Autosole seconda stazione da 300 kW, a Roma Nord

In Autosole seconda stazione da 300 kW, a Roma Nord

2
CONDIVIDI

In Autosole seconda stazione ultra fast, a Roma Nord: è nell’area di servizio Flaminia Est, al km 509 dell’A1 Milano-Napoli in direzione Firenze.

in Autosole seconda stazione
Una Porsche in ricarica nella stazione Free To X di Secchia Ovest.

In Autosole seconda stazione: ricarichi l’auto in 15-20 minuti

Per la precisione la trovate tra Ponzano Romano-Soratte e Magliano Sabina. L’installazione è firmata da Free To X, la società creata da Autostrade per l’Italia-ASPI per infrastrutturale tutta la rete. E segue la prima stazione inaugurata a metà maggio a Secchia Ovest, in corrispondenza dell’uscita di Modena Nord e dell’inizio dell’AutoBrennero. Anche questa installazione  può contare su 2 colonnine High Power Charging (HPC) con una potenza di ricarica fino a 300kW ciascuna. Potranno “rifornire” fino a 4 veicoli contemporaneamente, con un tempo medio di ricarica di 15-20 minuti. Il sistema è “aperto”. E quindi i conducenti di auto elettriche potranno usufruirne attraverso le app dei propri Mobility Service Provider e presto anche tramite carta di credito. In totale autonomia, h24 e 7 giorni su 7.

in autosole seconda stazione
Giorgio Moroni, numero uno di Free To X.

Il piano: entro il 2023 colonnine in 100 aree di servizio

Sul fronte delle ricariche per veicoli elettrici, ASPI si è mossa con un certo ritardo, ma ora ha messo a punto un piano di investimenti da 50 milioni di euro in 2 anni. Prevede l’istallazione di colonnine su 100 aree di servizio entro il 2023, ad una distanza media di 50 km fra un’area di ricarica e l’altra. “Nei primi mesi di quest’anno abbiamo già formalizzato ai Distributori le richieste di allaccio in media tensione. Abbiamo così anticipato i tempi per poter disporre di connessioni essenziali per alimentare le colonnine a 300kW. Evitando di avere le colonnine finite ma non operative, come di sovente si vede in alcuni centri urbani“, spiega l’Amministratore delegato di Free to X, Giorgio Moroni, ricordando che il piano punta ad una media di almeno 40-50 installazioni all’anno. Oltre alla mobilità elettrica, Free To X agevolerà lo sviluppo dell’LNG e dell’idrogeno. soprattutto per i mezzi pesanti.

 

Apri commenti

2 COMMENTI

  1. Meglio tardi che mai. Noto con dispiacere che si insiste ad offrire una potenza di 300 kw anziché 600 kw, rendendo vani gli sforzi dei costruttori di offrire auto con velocità di caricamento compatibili con i 600 kw. Peccato per questa miopia, si offre una tecnologia già superata …

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome