Home Auto Il giallo dei due morti in Tesla: avevano l’Autopilot o no?

Il giallo dei due morti in Tesla: avevano l’Autopilot o no?

7
CONDIVIDI
Quel che resta della Tesla Model S (del 2019) dopo il pauroso rogo che ha causato due morti.

Il giallo dei due morti in Tesla, apparentemente con l’Autopilot inserito. Ma Elon Musk nega che la funzione di guida autonoma fosse in funzione.

Il giallo dei due morti: nessuno era al posto di guida

il giallo dei due morti
La notizia riportata con enfasi sul sito del “New York Times”.

Il grave incidente è avvenuto in Texas e ha immediatamente riaperto le polemiche sui sistemi di assistenza alla guida, in questo caso del pilota automatico. Due uomini sono deceduti dopo che la Tesla Model S su cui viaggiavano ha sbagliato una curva, finendo  fuori strada e prendendo fuoco. L’incendio, causato da un impatto terribile contro un albero, è durato quattro ore, avendo coinvolto anche le celle delle batterie, che non si spengono semplicemente irrorando acqua. Secondo i primi rilievi della Polizia locale, apparentemente nessuno era fisicamente alla guida, in grado di correggere col volante una traiettoria sbagliata. Questo gravissimo incidente è solo l’ultimo di una serie di crash avvenuti con l’Autopilot inserito. Da ultimo ricordiamo quello capitato pochi mesi fa nella Carolina del Nord, con un’altra Tesla Model S che ha centrato in pieno un’auto della Polizia ferma a bordo strada. In quel caso, fortunatamente, non c’erano stati né morti né feriti.

Musk categorico: escludo che avessero l’Autopilot

A contestare le prime ricostruzioni della Polizia ha pensato però Elon Musk in persona. Rispondendo su Twitter (qui) a chi avanzava dubbi sull’effettiva dinamica, il patron di Tesla ha spiegato di avere potuto esaminare la diagnostica di bordo dell’auto incidentata. E di potere escludere che l’Autopilot fosse inserito, semplicemente perché la macchina in questione non ne era dotata.

 Oltretutto Musk fa notare che la strada in cui è avvenuta l’incidente è priva di segnaletica orizzontale e di riga di mezzeria. Mentre l’Autopilot per impostare una curva ha bisogno di questi supporti. Motivo in più per escludere che fosse in funzione. Resta però inspiegabile, allora, perché non ci fosse nessuno sul sedile del conducente, dato che una delle due vittime è stata trovato sul sedile del passeggero anteriore e un altro sul sedile posteriore. Capiremo di più del giallo dei due morti dopo una perizia accurata. Ma Musk non si è negato un colpo di spillo ai media che hanno tratto conseguenze a suo dire affrettate. A partire dal prestigioso Wall Street Journal (WSJ).

7 COMMENTI

  1. Spesso in caso di urto violento i passeggeri possono essere disarcionati dai sedili anche se con cinture allacciate. Inoltre in caso di incendio e non morte istantanea è logico aspettarsi che i passeggeri tentino di abbandonare il veicolo e quindi abbandonino il sedile. Lasciamo ai periti la analisi forense. Rimango convinto che gli interlock previsti da Tesla siano a protezione di un uso scrretto del sistema autopilot.

    • Può essere, ma i poliziotti che hanno fatto i rilievi dovrebbero essere dei veri sprovveduti a non capire se la posizione in cui sono stati trovati i passeggeri (peraltro dopo un incendio devastante) era dovuta all’essere stati sbalzati con l’urto.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome