Home Nautica Il foil intelligente nasce a Bologna. Si chiama Icaroboat e costa 3...

Il foil intelligente nasce a Bologna. Si chiama Icaroboat e costa 3 milioni di euro

0
CONDIVIDI

Il Foil intelligente nasce sotto le Due Torri. A Bologna, dove ingegneri con esperienza in Ferrari e Luna Rossa hanno fondato Inesse. La start up innovativa del motoscafo che vola, ha due motori elettrici e costa 3 milioni di euro.

L’amministratore delegato Marco  Sgalaberni dopo 13 anni di lavoro in Ferrari l’anno scorso si è licenziato per tuffarsi nella nautica. Col docente universitario Alfredo Liverani, che contribuì a mettere le ali su Luna Rossa, e all’ingegnere e socio Eugenio Nisini responsabile del progetto. La loro scommessa con Inesse è Icaroboat che raccoglie le tre parole chiave: Icaro, robot e boat. Navigare volando con la tecnologia avanzata.

Il render di Icaroboat

Il foil intelligente permette la virata

Il super foil ideato dai soci dell’azienda con residenza tra Bologna e Imola (la sede legale è a Londra), si differenzia per l’alta tecnologia adottata. I foils sono “appendici fluidodinamiche estraibili poste sotto lo scafo, che permettono in corsa il sollevamento dello scafo stesso”. Questa la definizione di scuola però la novità nata in terra emiliana è l’”intelligenza artificiale” innestata nelle appendici. Parliamo di una serie di sensori e tanta elettronica che permettono “la lettura e la gestione di tutte le regolazioni necessarie ed è possibile utilizzare i foils anche in fase di virata. Questo regala al conducente e ai passeggeri  una nuova ed emozionante esperienza di navigazione”.

Due motori elettrici da 20 Kw 

Il motoscafo volante

Dal punto di vista energetico i foils permettono consumi molto ridotti ovvero “il motore bio diesel è da 480 CV rispetto ai 1700 necessari senza foils”. L’aspetto che più ci interessa in questo contesto è la propulsione elettrica: “A bordo abbiamo a disposizione due motori elettrici Bosch da 20 kW e il pacco batteria da 12” spiega l’amministratore delegato Marco  Sgalaberni “l’autonomia è di circa due ore e permette di svolgere le manovre in porto e attraversare le aree marine protette a emissioni zero”.

Il motoscafo costa 3 milioni di euro

Icaroboat motore elettrico

Il costo di questo motoscafo volante è di circa 3 milioni di euro: “Un posizionamento di mercato necessario per garantire la sostenibilità economica e finanziaria dell’impresa”. Per arrivare sul mercato i soci di Inesse hanno ricevuto un  finanziamento dal gruppo Intesa Sanpaolo, con l’ingresso di diversi soci finanziatori. A gennaio 2019 hanno vinto il bando presso l’incubatore start up Le Serre di Aster, dove stanno partecipando al percorso di accelerazione.

LEGGI ANCHE: Nautica elettrica: nel 2027 business da 20 miliardi di dollari