Home Auto Il clone cinese della Tesla Model 3

Il clone cinese della Tesla Model 3

8
CONDIVIDI

Il clone cinese della Tesla Model 3 si chiama Shenlan SL03 ed è prodotto da un marchio sconosciuto da noi, Changan Automobile. Prezzo in Cina: 26.000 dollari.

il clone cineseIl clone cinese costa poco e dichiara 515 km di autonomia

Di modelli occidentali copiati, in maniera più o meno smaccata, da costruttori cinesi è piena la storia. Anche la Fiat Panda fu oggetto di un plagio di cui si sono occupati a lungo le aule dei tribunali. Ora arriva un’auto elettrica che ricorda molto da vicino un successo planetario come la Tesla Model 3. Le dimensioni sono sostanzialmente le stesse (è solo più lunga di una decina di cm.) e le scelte stilistiche, sia all’esterno sia nell’interno minimalista sono molto vicine. E a pochi giorni dal lancio si può dire che la Shenlan SL03 in patria è già un successo, avendo già ricevuto oltre 15 mila prenotazioni. Dalla sua due argomenti molto forti. Ha un’autonomia di tutto rispetto, 515 km, anche se calcolati con gli standard di omologazione cinesi, più “generosi” del nostro WLTP. E ha un prezzo molto competitivo: tradotti in dollari non si supera i 26.000, contro i 40 mila a cui il Model 3 viene venduto in Cina.

il clone cinese
Interni minimalisti e grande display centrale: dove ci siamo già visti…?

Nello sviluppo coinvolti colossi come Huawei e  CATL (batterie)

C’è un altro elemento che potrebbe impensierire Tesla, visto che il mercato cinese è strategico per la marca di Elon Musk. La Changan Automobile non è un’azienda qualunque, ma una marca di proprietà statale. Nella cui crescita il governo ha coinvolti, come fornitori di tecnologia, nomi come il gigante dell’elettronica Huawei e  CATL, il produttore di batterie fornitori della stessa Tesla. Non dovrebbe trattarsi quindi di un clone di basso prezzo e di scarsa qualità. L’elettronica e il software di bordo vengono descritti come sistemi di prima qualità, peraltro con un grande display centrale che ricorda molto quello della Tesla. Con un grande punto interrogativo, che non trova risposta negli abbottonatissimi manager cinesi: resterà un prodotto per il mercato interno? O arriverà è anche in Europa e negli Stati Uniti? La seconda sembra la risposta più verosimile giudicare da quante elettriche cinesi si vedranno all’imminente Salone di Parigi.

—  Iscriviti a Newsletter e canale YouTube di Vaielettrico —

Apri commenti

8 COMMENTI

  1. Son auto tutte si assomigliano, e poche sono veramente differenti , se ci sono brevetti o designer depositati si può fare qualcosa, se no un altra auto che assomiglia ad un altra 🤷

  2. /// un grande punto interrogativo, che non trova risposta negli abbottonatissimi manager cinesi: resterà un prodotto per il mercato interno? O arriverà è anche in Europa e negli Stati Uniti? La seconda sembra la risposta più verosimile \\\ A quanto pare non hanno paura di eventuali problemi legali se decidessero che è effettivamente un clone..

  3. Io vorrei vedere in Europa la Xpeng P5 e la P7. Sinora la seconda (assieme al primo SUV G3) è sbarcata solo in Scandinavia e forse Paesi Bassi. Tecnologicamente avanzatissime e con un design europeo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome