Home Aziende e flotte Il camioncino Regis Epic0 sbarca sul mercato olandese

Il camioncino Regis Epic0 sbarca sul mercato olandese

0
CONDIVIDI

Il camioncino Regis Epic0 sbarca sul mercato olandese. Lo fa grazie all’accordo con Rolling the City, società specializzata in mobilità elettrica e sostenibile. Il camioncino italiano a emissioni zero verrà distribuito prima ad Amsterdam, poi nelle altre principali città. 

Studiato per piccoli trasporti

Epic0 è il primo veicolo italiano declinato al trasporto di merci totalmente elettrico. È stato presentato nel novembre scorso all’Ecomondo di Rimini (qui l’articolo). Nasce dalla Mecaprom, l’azienda della famiglia Regis, con una lunga esperienza nel settore automotive. Pensato e progettato con standard automobilistici, il veicolo è omologato come quadriciclo pesante (qui la scheda tecnica). Le dimensioni sono molto compatte (appena 3,7 metri di lunghezza e 1,5 di larghezza), 700 kg di portata, un piano di carico di 2,2 mq e batterie da 11 o 14 kWh. Con autonomie dichiarate che raggiungono rispettivamente i 105 o i 130 km e una velocità massima 90 km/h. Prodotto a Biella, viene fornito anche nella versione Epic0 Compact, definito “il fratello minore di Epic0“, che ha una portata di 400 kg.

Il lancio a ottobre ad Amsterdam

Ovviamente l’Olanda non è una scelta a caso: il Paese intende eliminare tutte le emissioni di CO2 entro il 2050. Anche grazie a  un mercato delle auto elettriche già floridissimo. Tra gli obiettivi del governo olandese, c’è quello di consegnare merci e servizi ad emissioni zero. Ed è per questo che Rolling the City (qui il sito) era alla ricerca di un partner con cui offrire soluzioni anche con veicoli di dimensioni contenute.

Come si diceva, la città di Amsterdam sarà il banco di prova, la prima città in cui verrà distribuito il camioncino Regis Epic0. Il 3 ottobre, nell’affascinante location urbana di Westergas-Machinegebouw, Rolling the City presenterà ufficialmente il veicolo italiano, con un evento di lancio. Parteciperanno non solo le autorità cittadine, ma anche rappresentanti del mondo della piccola, media e grande imprenditoria. Contando che sia solo l’inizio di un’espansione oltre-confine.