Home Auto Ibride plug-in più che elettriche per BMW

Ibride plug-in più che elettriche per BMW

1
CONDIVIDI
Ibride plug-in
Ormai su cinque BMW Serie 5 vendute, una è ibrida plug-in-in.

Ibride plug-in più che elettriche per BMW. Il costruttore bavarese, che era stato tra i primi a lanciare un’elettrica pura con la i3, procede a piccoli passi nelle emissioni zero. Puntando più sulle ibride con la spina. Per ora.

Ibride plug-in, va forte la BMW Serie 5

Anche i dati di novembre (qui il comunicato ufficiale) confermano questo trend. Complessivamente nel mese scorso le vendite di vetture elettrificate di BMW e Mini sono aumentate del 18,4%, arrivando al record storico di 17.480 vetture. Ma di queste ben 13.590 erano ibride plug-in (+20,3%). Con un successo particolare nella BMW Serie 5 berlina: una su cinque è venduta in versione plug-in hybrid. Il che fa del modello di Monaco uno dei prodotti di maggior successo in questo tipo di doppia alimentazione, assieme alla Porsche Panamera.

Ibride plug-in
La BMW i3, qui in mostra a Ecomondo Rimini 2019.

Certo, il risultato delle elettriche pure dovrebbe consolidarsi l’anno prossimo, quando finalmente arriveranno sul mercato la Mini-e e la BMW iX3. In grado di fare numeri ben più importanti delle due elettriche pure attualmente in gamma. La BMW i3 e la BMW i8 quest’anno (gennaio-novembre) hanno venduto 38,497 pezzi (+18.%). Molto meglio hanno fatto le ibride plug-in, con la MINI Cooper S E Countryman ALL4 Plug-in Hybrid cresciuta del 50% anche a novembre (1.950 veicoli venduti).

Ibride plug in ed elettriche, 25 modelli in arrivo

Il BMW Group conferma quindi di fare sul serio con l’elettrico, dove i tentennamenti che sono costati il posto al Ceo Harald Kruger (qui l’articolo). Entro due anni nella sola Germania dealer e centri di assistenza verranno equipaggiati con 4.100 punti di ricarica, ma il progetto verrà allargato anche a tutta l’Europa.

Mini-e

La Mini-e, completamente elettrica, sarà in consegna da inizio 2020.

L’idea è di avere sulle strade un milione di auto elettrificate con marchio BMW o Mini  entro il 2021, anche se non è chiaro quante di queste saranno elettriche pure e quante elettriche plug-in. Ed entro quattro anni in gamma ci saranno 25 modelli elettrificati e più della metà saranno elettriche pure. Wait and see, già l’anno che stanno arrivando ci dirà che accoglienza si prospetta per la Mini-e e la iX3.

 

 

 

 

 

 

1 COMMENTO

  1. Il termine elettrificate usato dai costruttori ma poi anche ampiamente riportato senza fare le necessarie distinzioni é ingannatore: tende ad indurre gli acquirenti a pensare che plug-in ed elettriche appartengano a questa categoria disfunzionale con poche differenze, perché in tal modo riescono a continuare a vendere i motori endotermici giocando sulla minore complessitá di adozione da parte degli utilizzatori che possono non apportare alcun cambio alle loro abitudini cosí come spesso accade, nella realtá con le plug-in l´alimentazione ampiamente piú usata é quella fossile a differenza delle elettriche che oltre a non creare emissioni allo scarico permettono l´utilizzo di quantitá equivalenti di energia con garanzie di origine, che per altro alcuni costruttori come VolksWagen stanno preparandosi a proporre.

    BMW ha in programma per il 2021 la i4, una berlina con circa 80 kWh, potenza di carica fino a 150 kW e carica all´80% in circa 35´; si spera non sia elettrificata, ovvero con alimentazione esclusivamente elettrica ma telaio non ottimizzato per questa scelta perché adatto anche per accogliere motori endotermici

Comments are closed.