Home Scenari I vostri dubbi, i nostri consigli: l’acquisto dell’Ami, lo scooter…

I vostri dubbi, i nostri consigli: l’acquisto dell’Ami, lo scooter…

23
CONDIVIDI

 

 

I vostri dubbi, i nostri consigli, appuntamento con i quesiti dei lettori. Nella scorsa puntata abbiamo parlato di: accessori della VVW ID.3 e versioni della 500

I vostri dubbi / “Sono interessato alla Citroen Ami…”

Sarei interessato all’acquisto della Citroen Ami. Vorrei sapere informazioni al riguardo. Luigi Santi

È incredibile l’interesse che accompagna il lancio di questa macchinetta che si ricarica come un telefonino, in 3 ore con una normale presa di casa. Si guida da 14 anni, senza marce, con cambio automatico. Naturalmente nasce per un uso solo in città, con una velocità massima di 45 km/h e può essere considerata più una rivale degli scooter che delle automobili tradizionali. i vostri dubbiAnche perché si parcheggia un po’ ovunque, viste le misure contenute: 2,41 metri di lunghezza, 1,39 metri di larghezza e 1,52 metri di altezza. Tanto per dare un’idea: rispetto alla Smart è più corta di 33 cm. L’autonomia dichiarata è di 75 km, il che significa che la ricarichi ogni 2-3 giorni, ovviamente disponendo di una presa di corrente raggiungibile. Quanto ai listini, la Citroen parla di un primo prezzo a 5.430 euro, incentivi compresi. Non siamo molto lontani dal costo di una Vespa elettrica, che pure è un bellissimo mezzo, ma non ti ripara dalla pioggia. L’unica incognita riguarda i tempi di consegna, previsti per questo mese: l’Ami viene prodotta in Marocco e l’avvio della catena di montaggio ha avuto alcuni ritardi.

“Mi serve uno scooter elettrico per il nostro camper…”

Sto leggendo i Vostri articoli sugli scooter elettrici perché sto valutando l’acquisto da inserire in un camper. Chiedo: che portata hanno? Possono portare due persone? Direi per una spesa intorno ai 2.000- 2.500 euro e con un peso non superiore ai 100 kg per non sforare i 3.500 del camper. Fabiola B.i vostri dubbi
Nel nostro Listino facile (qui) trova caratteristiche e prezzi di un centinaio di modelli, molti dei quali rientrano nel range di prezzo e di peso che Lei indica. I mezzi omologati come ciclomotore (targhino bianco a sei caratteri alfanumerici) possono fare al massimo i 45 km/h, come da codice della strada. I mezzi omologati come motociclo (targa motociclistica a due lettere + cinque numeri) raggiungono velocità maggiori (80/100 km/h)Qui trova una guida con le 10 cose da sapere prima di acquistare uno scooter elettrico.

Che cosa sono le aree di mobilità sostenibile?

Buongiorno, mi occupo di mobilità come consulente e in una recente webinar tra responsabili di Enti Locali ho sentito parlare di Aree di Mobilità Sostenibile. In rete non ho trovato nulla: sapete darmi qualche informazione? Potrebbe esserci utile per la programmazione a cui stiamo lavorando per un grande Comune pugliese. Giustino S.

i vostri dubbiLe Aree di Mobilità condivisa e sostenibile sono state illustrate da Federico Confalonieri, Dirigente del Comune di Milano, durante l’ultima edizione di e-mob. Si tratta di aree situate in punti strategici della città, come le fermate della metropolitana. E attrezzate con parcheggi evoluti (con colonnine Fast e tradizionali e smart parking), stalli per bici, infopoint della mobilità. E con diversi servizi di sharing, dai monopattini alle auto. In tutto a Milano saranno 50, di cui una sperimentale già attiva e altre 10 di prossima apertura. Tutte dotate di sistemi di video sorveglianza e illuminazione “intelligente”. Nel capoluogo lombardo si sta lavorando ad altre strutture a favore della mobilità “smart” come le velostazioni con parcheggi sicuri e servizi per ciclisti. Di fatto, le velostazioni andranno a completare il piano per incentivare l’uso delle due ruote a pedali iniziato con l’ampliamento della rete ciclabile. Ma anticipiamo già i vostri dubbi su questi progetti: servono risorse, che Milano è in grado di mettere in campo e altri Comuni no. E serve volontà politica, anche questa non così diffusa.

 

 

23 COMMENTI

  1. L’Italia ha sostanzialmente due problemi con l’AMI:
    1) il costo della patente AM, che dura poco e non ha agevolazioni per prendere altre patenti (ad es. con l’A1 si accede alla B con la sola pratica)
    2) i costi assicurativi di tutto ciò che è assimilabile ad un 50cc, guidabile a 14 anni

    Mi riservo comunque di provarla alla prima occasione in cui sarà disponibile in concessionario

  2. Sarei curioso di vedere il suo crash test a 45 km/h… poi ne riparliamo… risparmiare 5000 euro per restarci secco al primo incidente non mi sembra molto furbo.

    • l’Italia si è riempita di SUV da due tonnellate è i morti l’anno hanno superato i tremila
      quest’anno forse scenderanno causa COVID ..

      se tutte le auto fossero leggere , l’energia in gioco in un impatto sarebbe molto minore e anche i rischi per persone e cose diminuirebbe ..
      se tutte le auto avessero adas avanzati , speriamo iot nei prossim anni , che diaalogano con le altre auto e con la strada , i rischi diminuirebbero
      oggi con i materiali compositi si potrebbero fare celle di sopravvivenza molto sicure anche se piccole ,lItalia è stata protagonista nell’utilizzo di nicchia ; a quando quello di massa ?

      my 2 cent

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome