Home Auto I consumi secondo Matteo: Cupra e le altre

I consumi secondo Matteo: Cupra e le altre

4
CONDIVIDI
Un test con la Cupra Born è l'occasione per Matteo di fare il punto sui consumi.

I consumi secondo Matteo: il nostro amico Youtuber approfitta di un test con la Cupra Born per fare il punto su quanta energia “ciucciano” le concorrenti.

I consumi secondo Matteo / Cupra, sorella sputata della VW ID.3, ma più bella

Parte carichissimo Matteo Valenza a bordo della nuova Cupra Born, motore posteriore da 58 kWh. L’auto è parente stretta della Volkswagen ID.3, con cui condivide piattaforma (la MEB), motori e batterie. La temperatura è di 11 C°, all’interno con il climatizzatore acceso 22°C. Per il test Matteo imposta prima Modalità B (frenata rigenerativa al massimo potenziale) e poi Modalità Normal. Alla partenza c’è un po’ di traffico, ma nella prova in salita si riesce a mantenere una velocità media di 52 km/h. Cupra Born si guida davvero bene, gli ingegneri hanno fatto un buon lavoro con le sospensioni. L’auto trasmette belle sensazioni, anche se il motore non è super-prestante e presente. C’è sempre un piccolo lag e l’erogazione non è immediata, anche se poi è lineare. A fine-percorso in salita, dopo 8 km, consumo è pari a 35,1 kWh/100 km.

i consumi secondo Matteo I consumi secondo Matteo, tra la salita e la discesa

Il computer di bordo, rispetto a quello della VW ID.3 (10”), ha un display un po’ più grande (12”). Anche i colori sono diversi, tutto il sistema di infotainment è colorato di grigio, nero, blu e ottone. Matteo trova molto strano il fatto che il colore dei sedili diventi rame quando si riscaldano, un colore che “non ci azzecca proprio“. Inoltre non è molto soddisfatto dalle risposte dell’infotainment e si augura che venga aggiornato al più presto. Super soddisfatto invece del set up display, posizionato molto bene, veramente bello, simile ad una realtà aumentata. Il parabrezza è abbastanza grande ed è molto buona anche la visibilità. Piuttosto grande il montante e questo non piace a Matteo che, essendo seduto un po’ più avanti, fatica a vedere. Come per la ID.3, la seduta è alta. Appena schiacci l’acceleratore, percepisci il carattere sportivo dell’auto e senti la potenza del motore. Il suo aspetto poi è veramente cattivo,  da “bella sportivetta”.

i consumi secondo MatteoOttima tenuta di strada

Nei tornanti Matteo schiaccia sull’acceleratore e l’auto tiene benissimo la strada. La Born non dà segni di sbandare o imbarcarsi. Cosa strana per un’auto di questo genere, perché non è bassissima. La batteria da 58 kWh la rende un po’ più pesante del normale e questo probabilmente aiuta a “tenerla giù“. Il nostro amico Youtuber ribadisce più volte che è veramente soddisfatto di come si guida. Il volante ha un angolo di sterzata non indifferente. Gli interni sono fantastici, la Born ha un aspetto accogliente. Il motore è silenzioso, le batterie garantiscono un’autonomia omologata di 420 km. La discesa finisce con un consumo negativo (con recupero di energia) di -22, 6 kWh/100 km alla velocità media di 37 km/h per 3 km.

i consumi secondo Matteo
Ovviamente nel bilancio finale la salita è quella che impatta di più sui consumi anche nella Born: la proiezione di Matteo è 35,1 kWh/ 100 km.

Tutto realizzato con materiali riciclati

Si torna giù verso il paese. Matteo è un pò contrariato dalla pulsantiera sul volate, un mix simil-touch. Ha qualche problemino durante le manovre perchè involontariamente schiaccia pulsanti a caso. Cupra non utilizza tessuti di origine animale. Tutto quello che si trova all’interno dell’auto è realizzato con materiali riciclati. Alla fine del percorso in discesa il consumo è di 2,8 kWh/100 km, velocità media di 53 km/h per 5 km. In paese ci sono 8,5 C°, in auto si sta benissimo anche a mezze maniche. L’auto utilizza la pompa di calore per riscaldare e raffreddare l’abitacolo ed è altamente prestante ed efficiente. Finito il tratto in paese (3 km) alla velocità di 30 km/h, il consumo è di 10,4 kWh/100 km.

I consumi secondo Matteo / Ecco il confronto con Opel Corsa-e, Peugeot e-208, Honda e, Nissan Leaf

i consumi secondo Matteo

Alla fine del test, a velocità un pò più elevate, Matteo è ancora più soddisfatto. L’auto non è per niente”energivora”, come dimostra la tabella qui a sinistra. ! In tangenziale, alla velocità di 90 km/h, dopo 5 km, il consumo è pari a 12,2 kWh/100 km. Veramente non male. Matteo se la ride quando dei fan lo riconoscono e accostano per salutarlo. A 110 km/h i consumi salgono leggermente: 18,8 kWh/ 100km in 7 km. In autostrada, sempre in 7 km, alla velocità  massima consentita di 130km/h abbiamo 23kWh/100km. Si chiude con una slide molto interessante: il confronto con modelli di altre marche e di taglia inferiore rispetto al modello spagnolo (tranne la Leaf). I dati sono stati rilevati da Matteo in test precedenti: come vedete, nonostante peso e dimensioni, la Born se la cava bene!

— Guarda anche: i consumi secondo MatteoLa Polestar 2 ha stregato Matteo: “Tesla addio”. E se vuoi far parte della nostra community e restare sempre informato, Iscriviti alla Newsletter e al canale YouTube — 

 

Apri commenti

4 COMMENTI

  1. Complimenti per l’analisi completa e soprattutto la precisa e puntuale indicazione dei consumi nelle varie condizioni d’uso, comprese le temperature esterne. Valida possibilità di scelta per chi ha un budget adeguato, ma come rimarcato più volte dal direttore Tedeschini, oggi l’auto elettrica non è ancora per tutti. Chissà se farò in tempo (classe 1954) ad acquistare con il mio budget, che al massimo può arrivare a 15.000 euro, un’utilitaria BEV o invece continuerò l’attuale, fedele Fiesta!

    • Io ho fatto in tempo e sono del ’55, spendendo un po’ di più del suo budget di 15 mila euro, ma mica poi tanto. E sono molto soddisfatto: anzi, faccio fatica a soffiare la Zoe che abbiamo preso due anni fa a mia moglie.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome