Home Tecnologia Hyperloop TT sbarca in Italia: Roma-Milano in 25 minuti

Hyperloop TT sbarca in Italia: Roma-Milano in 25 minuti

0
CONDIVIDI
HyperloopTT

Nasce Hyperloop Italia. Obiettivo: costruire sei tratte di collegamento nel nostro Paese con la tecnologia del treno supesonico a levitazione magnetica e propulsione pneumatica. Potrà coprire la tratta Milano-Roma in 25 minuti. In programma anche un centro di ricerca italiano per lo sviluppo delle tecnologie della quarta rivoluzione industriale.

Hyperloop Italia è stata tenuta a battesimo ieri a Roma da Bibop Gresta, l’imprenditore italiano fondatore dell’americana Hyperloop Transportation Technology (HTT). E’ già al lavoro un team sui sei progetti, tre da realizzare nel Nord Italia e tre nel Sud. Presto si passerà agli studi di fattibilità. La sede istituzionale della società sarà a Roma, quella operativa a Milano.

Ingegneri al lavoro, presto i progetti esecutivi

Gabriele Bibop Gresta

Bibop Gresta ha spiegato che «sono stati effettuati numerosi incontri con soggetti istituzionali, industriali e del mondo della ricerca, per garantire quel retroterra necessario, affinché si raccogliesse il consenso istituzionale, industriale e i capitali da mettere in campo per un progetto di tale dimensione» L’imprenditore ha aggiunto che ci sono rotte già individuate «con condizioni territoriali e morfologiche che risultano favorevoli all’implementazione di Hyperloop». Per queste è «imminente l’avvio di studi di fattibilità».  Nei progetti verranno coinvolti «partner di primissimo livello per costruire la filiera tecnologica e di ricerca». Hyperloop TT conta su un team di 800 ingegneri che operano in 52 team multidiscilinari con 50 partner fra aziende hi tech e università. La sede mondiale è a Los Angeles, uffici e team di lavoro operano in altre città del Nord e Sud America, in Spagna e in Medio Oriente.

A 1.200 km/H su un cuscino magnetico

Hyperloop è in grado di viaggiare a 1.200 km/h, all’interno di un tubo dal quale viene tolta l’aria. Non ha attriti perché non viaggia su rotaia bensì su un “cuscino” a levitazione magnetica passiva. Le capsule viaggiano in un condotto sopraelevato, interamente ricoperto di pannelli fotovoltaici che forniscono tutta l’energia necessaria ad alimentare il sistema. Ogni capsula è in gradi di trasportare 50 passeggeri.

Tutta verde l’energia che lo muove

La Hyperloop TT di Bibop Gresta è la prima società al mondo a sviluppare la tecnologia Hyperloop immaginata dal fondatore di Tesla Elon Musk. Ha già contratti per realizzare collegamenti negli Usa, in Russia, Cina e Medio Oriente. Un primo tracciato di prova di 320 metri è stato realizzato a Tolosa in Francia vicino alla sede di Airbus.

Correrà in un tubo lungo binari e autostrade

In Italia Gresta punta a realizzare le sei tratte Hyperloop lungo i binari ferroviari e lungo le autostrade. È in contatto con Anas, Fs, Ferrovie Nord, e sono già stati interessati i presidenti delle Regioni Puglia, Basilicata, Sicilia, Lombardia, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Tra i progetti allo studio ci sarebbero le linee Milano Stazione Cadorna-Malpensa Aeroporto in meno di 10 minuti, e Verona-Trieste in mezz’ora. Il nuovo treno verrebbe realizzato direttamente lungo i binari e le strade esistenti, nei corridoi di 20 metri che i gestori ferroviari hanno già in concessione a fianco delle attuali linee, oppure scavando sotto il terreno. I primi studi di fattibilità saranno annunciati il 20 febbraio.

Gresta, 48 anni, è nato a Terni. Ha debuttato nel mondo dello spettacolo e della musica, vendendo poi per 11 miliardi a Telecom la società di produzione Bebop da lui fondata. Trasferitosi in California ha investito parte di  quella somma nell’incubatore Digital Magics, quotato alla Borsa di Milano, attraverso il quale figura tra i principali azionisti di Hyperloop TT.

Apri commenti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome