Home Camion, bus e mezzi da lavoro GTT Torino cancella l’ordine per 100 bus Yutong

GTT Torino cancella l’ordine per 100 bus Yutong

0
CONDIVIDI
Un autobus costruito dalla società cinese Yutong: annullata la fornitura a GTT.
GTT Torino cancella l’ordine per 100 bus elettrici costruiti dall’azienda cinese Yutong. La clamorosa decisione dopo una verifica della qualità dei mezzi.

GTT Torino e Yutong: una fornitura da 72 milioni

In ballo c’è una cifra importante: la gara valeva circa 72 milioni di euro, tra fornitura dei bus (48 milioni), manutenzione (11 milioni) e sostituzioni delle batterie (13 milioni). Il contratto prevedeva che i primi mezzi sarebbero arrivati nel capoluogo piemontese tra pochi mesi, comunque entro il 2 aprile 2021. Ma la verifica del processo di assemblaggio, compiuto dalla società pubblica di trasporti torinesi, ha dato esito negativo e il contratto è stato risolto.
GTT Torino
Il logo della gara per 100 bus elettrici lanciata da GTT Torino da fornire entro aprile 2021.

Secondo la testata specializzata Sustainable BUS (qui l’articolo), l’accordo era stato firmato tramite una società intermediaria, Ares Automotive. Quest’ultima avrebbe proposto di assemblare i veicoli durante il percorso via nave dalla Cina all’Italia, per tagliare i costi. Ma proprio questa sarebbe stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, spingendo GTT ad annullare.

Torna in corsa BYD, secondo classificato nella gara

GTT Torino
Uno dei 23 autobus elettrici BYD in servizio a Torino ormai da tre anni per la GTT.

Che succederà ora? GTT ha fatto il punto sulla sua pagina Facebook: “La gara non è stata né cancellata, né annullata. Si è semplicemente “cacciato” un concorrente che non ha dichiarato quanto dovuto, segnalando il fatto anche alla magistratura. Già in questa fase gli uffici legali di Gtt hanno compiuto quasi tutte le verifiche legali sul secondo classificato, BYD Europe. Per questo al massimo entro la fine di ottobre si avranno gli esiti definitivi di tali verifiche e se tutto ok si potrà partire con la procedura per la firma del contratto. Sono tempi che consentono di rispettare le indicazioni relative all’arrivo dei mezzi nella primavera 2021“. Rimane l’incognita di eventuali ricorsi al TAR Piemonte, ammette GTT, che però promette che i tempi saranno rispettati: “Noi lavoriamo “giorno e notte” per questo“. BYD, altro costruttore cinese, è già presente con 23 bus elettrici in servizio a GTT Torino dal 2017

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome