Home Scenari Gomme tagliate mentre ricarica gratis alla Lidl

Gomme tagliate mentre ricarica gratis alla Lidl

155
CONDIVIDI
gomme tagliate mentre ricarica

Gomme tagliate mentre ricarica alla Lidl di Peschiera del Garda, nel veronese. Gli autori del gesto vandalico hanno lasciato un biglietto per “firmare” la bravata.

gomme tagliate mentre ricarica
Un’altra immagine della colonnina gratuita LIDL.

Gomme tagliate mentre ricarica, con biglietto di “rivendicazione”

L’auto, una BMW i3, era stata lasciata in ricarica dalla proprietaria alle 10  di mattina nella postazione gratuita del supermercato nella frazione San Benedetto di Lugana. Alle 13 il marito della donna era andato a recuperare l’auto, trovando due gomme squarciate e un biglietto con scritto: “Grazie per aver occupato la colonnina per 4 o più ore, accompagnato da una firma illeggibile”. È stata poi la donna, Bettina Guzzoni Pfleger, a raccontare l’accadutoal quotidiano L’Arena. Quella mattina era partita per Monaco lasciando la sua i3 al marito Damiano. L’auto era stata messa in carica alla Lidl e l’uomo doveva poi ritirarla per andare a prendere i figli a scuola. Ma alle 13 si è ritrovato con la brutta sorpresa. Un cartello nei pressi della colonnina, informa che “Il servizio di ricarica è riservato ai clienti del punto vendita“.  “Ma abitando a pochi passi, a volte usiamo la colonnina del Lidl, come fanno altri nostri vicini di casa», ha spiegato Bettina, “d’altronde siamo anche noi clienti perché facciamo spesa al supermercato“.

ricariche gratis— Leggi anche: ricarica nei centri commerciali, è la soluzione della catena IPER la più ragionevole? Con massimo due ore di allaccio e registrazione…

gomme tagliate mentre ricarica

Ricariche gratis: fioccano le polemiche contro gli “abusivi”

La cosa singolare è che in ricarica, accanto all’auto di Bettina, c’era un’altra BMW elettrica. Anche su questa è stato lasciato un biglietto minaccioso, ma senza taglio delle gomme. “La mia macchina ha targa tedesca, quella della vicina è italiana. È possibile che se la siano presa di più con la macchina straniera pensando fosse di turisti“, ha spiegato la donna a L’Arena. “L’anno scorso avevo lasciato la macchina nel parcheggio  dell’ospedale, dove mi hanno rotto il finestrino e portato via oggetti personali. Quando sono andata a denunciare, i carabinieri mi hanno detto che reati di questo tipo sono più frequenti ai danni di tedeschi“. Ovviamente i militari dell’Arma della stazione di Peschiera indagano sul taglio delle gomme, esaminando le telecamere di zona. L’occupazione delle ricariche gratuite Lidl ha già provocato diverse polemiche, con lamentele nei confronti di chi ricarica gratis a lungo senza fare la spesa. Ma ancora non risultavano inaccettabili gesti vandalici di questo tipo.

Apri commenti

155 COMMENTI

  1. Il fatto ha innescato discussioni anche trasversali su molti social, invece di continuare con queste opinioni che forse neanche verranno lette da Lidl o altri cortesi ipermercati perché non utilizziamo l’opzione Reclami scrivendo alla stessa Lidl affinché provi a fare qualcosa per evitare, forse, questi fatti incresciosi? Io ci sto provando da circa un anno, ma a parte le risposte che stanno valutando non arriva altro, magari in tanti si potrebbe svegliare qualcuno!

    • Alla Lidl ti risponderebbero – giustamente – che il servizio di ricarica deve durare il tempo della spesa che non può lo essere di 4 ore.Punto. Assurdo che uno la lasci l’auto sottocarica ( è gratis?) per delle ore.

  2. Sono dell’idea che la LIDL prima che nel SUO parcheggio qualcuno si accoltelli per ricaricare la propria auto elettrica dovrebbe regolamentare questo servizio anche perché ne andrebbe di mezzo il suo marchio in una cattiva pubblicità. Per quanto riguarda il comportamento umano, ormai siamo tutti dell’idea che ognuno di noi abbia diritto di… fare quello che vuole per le proprie ragioni ma non si rende conto che lede i diritti altrui. Es: la signora che non fa la spesa al supermercato ma carica la propria EV in quella colonnina, il tipo che viaggia in corsia centrale a 100 km/h dell’autostrada seppur avendo la corsia alla sua dx libera, quello che lascia la macchina davanti alla pompa di benzina avendo finito ma lasciandola la perché sta facendo colazione al bar del distributore (occupando la pompa inutilmente e facendo aspettare altri) e possiamo andare avanti per 500 pagine e forse più. Non esiste più altruismo, siamo diventati tutti egoisti e pensiamo che tutto ci sia dovuto e niente sia concesso. Molto ha influito anche la mancanza da parte delle forze dell’ordine di un supporto quando pensiamo di ricevere un torto e non veniamo nemmeno calcolati. Ma vedrete che non andrà avanti a lungo la storia, a breve diventeremo come quelle persone di quei film apocalittici dove tutti sono contro tutti e ci estingueremo uccidendoci l’un l’altro anche per un posto gratis alla LIDL per ricaricare la nostra lavatrice su ruote…

  3. Basterebbe che lidl attivasse la ricarica nel momento in cui entri a fare la spesa e una volta arrivato in cassa questa venga inibita. I metodi ci sono, basta applicarli.

  4. Se occupi la colonnina 4 ore te lo devi sapettare. Se fai una battuta idiota sulla molgie malata di qualcuno, dovresti aspettartelo. Anzi, trovo molto istruttivo che qualcuno abbia il coraggio di comportarsi così. Sono cose che accadono nella vita reale.

    • È un post che si commenta da solo, noi invece riteniamo inaccettabile qualsiasi forma di violenza e di “giustizia” fai-da-te

      • in genere sono d’accordo purtroppo certuni capiscono solo le maniere forti. Non ho un auto elettrica ma simili comportamenti mi farebbero girare le scatole. Ció detto sarebbe bene che i supermercati facciano pagare le ricariche come avviene giá in molti casi. Vicino a me c’é un super con 10 colonnine ( di cui 2 funzionanti) che sono a pagamento, infatti non ho mai visto un’auto sotto carica dato che costa meno ricaricarla a casa.

    • Per analogia è dunque da considerarsi tollerabile e scontato il taglio delle gomme di una termica in sosta su piazzola di ricarica? O davanti a un passo carrabile? O in piazzola disabili?
      Sarebbe molto istruttivo secondo il suo autorevole parere (in ottima compagnia) e soprattutto, atteso.

      • Se proprio devo essere sincero, a uno che aveva l’abitudine, sottolineo l’abitudine, di posteggiare la sua macchina davanti al passo carraio del mio magazzino… e a cui avevo già chiesto diverse volte prima cortesemente puoi sempre meno di perdere quest’abitudine… effettivamente alla fine gli ho fatto presente che nel numero delle cose che possiedo fatalità c’ho anche il disco diamantato per il taglio del cemento armato. Alla fine effettivamente ha deciso che non era il caso di vedere se stavo bluffando. Per inciso non stavo bluffando. Cioè nel senso che il disco ce l’ho davvero🤭🤭🤭🤭

        • Alessandro, d’accordissimo al 100%. Una volta ad un tizio che in un parcheggio dove c’erano tipo 300 posti liberi e ha parcheggiato così vicino alla mia da obbligarmi a salire dalla parte del passeggero qualcuno ha fatto un meraviglioso arabesco sulla fiancata, di quelli che non si limitano alla vernice superficiale, ma arrivano alla lamiera. Non ho idea di chi sia stato eh, ma sono sicuro che non ha più fatto l’idiota.

          • commento disgustoso,
            roba da medioevo.

            mi chiedo se chi scrive simili cose
            pensi veramente di non avere mai alcuna colpa
            rispetto alle quali rischiare analogo trattamento,
            o se si ritenga più forte e inattaccabile.

            roba che storicamente non ha mai funzionato, peraltro.

            disgustoso

          • peraltro:
            immagino la fatica immane del salire dal lato passeggero…

            e se poi veramente c’erano 300 posti liberi
            e nessuno nei dintorni delle due macchine
            chissà – chi – mai – avrà – avuto – interesse
            a fare l’arabesco di cui parla.

            una riga profonda siccome era parcheggiato così vicino da dover salire dal lato passeggero.
            immaginare che fosse una persona anziana, magari, o qualcuno che si è banalmente sbagliato?

            mi sembra che la sproporzione tra “torto” e vendetta descrivano benissimo l’arretratezza mentale dell’autore.

          • Caro Astuto, beh, ma io al tizio gli ho solo prefigurato una situazione non è che poi sono passato alle vie di fatto. E in ogni caso lui col suo comportamento mi stava prendendo in giro. Perché la cosa stava andando avanti da anni. Non è che vado in giro a fare a cazzotti random col primo che passa solo perchè mi guarda male. Non sono tanto d’accordo con certi principi. Detto che, se fossi veramente messo alle strette, io comunque i miei anni di pugilato li ho fatti. Poi magari le prendo, però non è che non so come si fa a darle. Ma quello non è il sistema del viver civile.

    • L’astuto! Non me l’aspettavo da te! Dai, astuto, riprenditi altrimenti poi ti chiameremo Il Talebano Astuto … Abbandona le tenebre e il lato oscuro della forza, Luke …

  5. Sono basito da certi commenti.

    Giustificare il taglio delle gomme, che è vandalismo e danneggiamento diretto della proprietà altrui, è come giustificare l’invasione con uccisione di civili di un altro paese perché “se la sono cercata”.
    O lo stupro di una donna perché in minigonna.

    Non è legittima difesa: è un crimine.

    Se si tagliano le gomme a qualcuno che è reo di “rubare” 5€ (offerti da un terzo che nulla ha da recriminare), cosa dovremmo fare a certi ministri che per incapacità hanno bruciato miliardi?

    Un bel cartello incollato al parabrezza con scritto “EGOISTA” avrebbe sortito effetto migliore e non sarebbe stato un reato.

    Basito.

    • sono perfettamente d’accordo.
      un bel cartello.
      ma il taglio delle gomme…accidenti! richiede pure un sforzo non indifferente, tagliare un pneumatico non è tagliare un salame
      quindi mentre lo si fa
      non si può non esserne ben consapevoli.
      quindi oltre che consapevoli si è anche un bel po’ squilibrati.

      poi: alla stessa maniera non capisco i commenti rabbiosi contro chi ricarica ore e ore (non è il mio caso): se LIDL regala la ricarica e NON stabilisce limiti
      la QUESTIONE NON è di natura legale
      ma solo di opportunità e di etica.

      e quindi a maggior ragione il taglio delle gomme è da squilibrati

      • LIDL regala la ricarica e NON stabilisce limiti….non è vero…LIDL da la possibilità di ricaricare mentre si fa la spesa…non mentre sei a casa perché abiti li vicino…e se te ne approfitti lo fai a tuo rischio…tipo gomme tagliate o schiaffi in faccia e te li meriti perché pensi di essere più furbo.

        • ripeto: non approviamo questa visione da legge del taglione, siamo in un paese democratico in cui non ci si fa giustizia da soli.

          • purtroppo questi sono i risvolti di un paese in cui i controlli IN OGNI CAMPO sono pressochè inesistenti. Furbizia e spavalderia la fanno da padrone…ieri sera avrei dovuto farmi tamponare dal figlio di p…. che arrivava a tutta velocità sulla corsia di emergenza mentre io svoltavo sulla corsia di uscita? e magari rimetterci familiari e automobile?

            Secondo me ancora non abbiamo visto il peggio. Giusto condannare la giustizia fai da te, ma la situazione per le persone civili è diventata insopportabile…Avrei avvisato la signora in maniera meno cruenta, ma non è giusto approfittare di una colonnina gratuita, destinata a ricaricare mentre si è impegnati (e solo per quel tempo) a fare la spesa.

          • Sì, però qui c’è un equivoco di fondo: i controlli dovrebbe farli LIDL, che evidentemente considera la ricarica elettrica un semplice strumento per attirare clienti e non ha né voglia (né probabilmente personale) per controllare chi ricarica e per quanto. Non è che possa intervenire la Polizia in un terreno privato: contenti loro…

          • @Mauro: ripeto, se c’è divieto di sostare per più di 2 ore (o nel caso ALDI per più di 1 ora), i controlli può farli anche la Polizia.
            Cassazione civile sez. III, 23 luglio 2009 n. 17279
            Una qualsiasi area privata aperta al pubblico è soggetta al codice della strada.
            poi i singoli supermercati potrebbero adottare qualche sistema dissuasorio:
            – timer su colonnina, semplice e poco costoso
            – rilasciare tessera in cambio della patente (ALDI), da gestire col personale, bisogna attrezzare la colonnina con lettore di card
            – permettere il rilascio del cavo su presentazione di scontrino, abbastanza complicato gestionalmente
            – istruire l’addetto al controllo di andare a verificare i tempi di utilizzo delle colonnine e nel caso uno abbia superato le 2 ore tagli le gomme 😁😂🤣😁😂🤣

    • Sono completamente d’accordo per quanto riguarda la sproporzione fra “colpa” (di chi occupa lo stallo di ricarica senza effettuare acquisti) e reazione (di chi lo trova un gesto da punire a tutti i costi). Peró il problema causato dalle ricariche “abusive” non sta nei pochi euro di corrente “scroccati” al punto vendita (fra l’altro consenziente) ma nel privare chi fá la spesa della possibilitá di ricaricare “onestamente”.

    • La cosa Nn mi sorprende.. Ho visto molte auto rigate x comportamenti di proprietari privi di educazione civica.. Nn giustifico il gesto.. Ma francamente un dispetto da qualcuno me lo sarei aspettato..

      • Che è quello che ho scritto: “Un bel cartello incollato al parabrezza” è un dispetto, fa perdere tempo per pulire ma non lascia danni permanenti. È (o era) tra l’altro una modalità adottata dalla municipalità spagnola nei confronti di chi parcheggiava in sosta vietata.

        • Non avevo colto “INCOLLATO”…quando avevo mio padre con la Legge 104 e trovavo un’auto parcheggiata nel posto invalidi avevo dei bigliettini con scritto: “E’ riservato agli invalidi, spero che tu non ne abbia mai bisogno”.
          Ma incollarlo è il massimo ahahah

  6. Da tutte queste opinioni deduco che in fondo è meglio prenderla con filosofia! Come diceva Platone è meglio che governi un filosofo e se non lo è, meglio che lo diventi dopo.
    Non è facile distinguere comportamenti oggettivamente giusti o sbagliati talvolta, sicuramente il comportamento del vandalo è sbagliato, nessuno con tali modi deve intervenire in modo radicale creando danni al prossimo in qualsiasi circostanza.
    Il caso della BMW non è un reato, non hanno una colpa oggettiva, diciamo anche che non hanno danneggiato nessuno, poi possiamo anche parlare di egoismo, umiltà, anche di consuetudine, ma tutto questo lascia il tempo che trova, si tratta solo di considerazioni soggettive, ma non crea alcun imbarazzo visto come in modo plateale é stato gestito il caso Covid e dopo la guerra in Ucraina non mi meraviglio più di niente. Ognuno fa considerazioni come vuole, gli aspetti interiori e il significato del bene hanno preso strade che si perdono nell’infinito. Esiste in poche parole il bene materiale del singolo degli altri non ci importa niente e facciamo sempre riferimento a leggi che mancano anche se poi non si conoscono neanche quelle esistenti. Ricordatevi che esistono anche leggi morali e le consuetudini, ma tutto questo al momento è solo utopia.

    • /// diciamo anche che non hanno danneggiato nessuno \\\ Non direi, chi occupa la colonnina per molto tempo e per di piú senza effettuare acquisti impedisce a chi fà la spesa nel punto vendita di usufruire dello stesso servizio. Questi ultimi potrebbero benissimo sentirsi “cornuti e mazziati”…

      • É quello che capita a me sotto casa spesso, ci sono delle persone che abitano vicino Lidl ed hanno due magnifiche Tesla, la mattina vengono abbandonate li alla ricarica infinita, e il loro parcheggio con ricarica personale, meno male che ci sono i dissuasori di chiusura, altrimenti tutta la nota come in un altro Lidl a pochi Km.

  7. Sempre più incredibile, in un blog di auto elettriche sembra che non si sappia cos’è la ricarica di un’auto.
    A questo punto quasi mi auguro il fallimento sociale di questa auto, altrimenti altro che guerra in Ucraina.

    • In che senso i lettori del blog non conoscono la ricarica di un’auto ? Se non sbaglio i commenti all’articolo invitano piú che altro a usare correttamente le colonnine gratuite come è giusto che sia… Perché augurarsi il fallimento delle auto elettriche quando il problema non sta nel tipo di veicolo ma nella testa delle persone ?

      • Nel senso che sembra sconosciuta la necessità di tempo per caricare un’auto, tempo che già è lungo in una fast., figurarsi nelle altre, magari con un’auto che carica lentamente.
        Se vogliamo, il senso di quelle colonnine è proprio che uno arrivi e si attacchi per tutto il tempo che gli serve, in questo modo quel servizio viene usato al massimo.
        Figurarsi se sono contro le EV, il problema grosso sta proprio nella testa della gente che per una cosa simile (qualche Km di ricarica) si arriva a commettere atti vandalici/reati, attribuendosi un diritto che non ha.

        • Cosa c’entra che le auto elettriche hanno bisogno di ore per caricarsi… Anche i bar ti lasciano andare al bagno gratis ma è buona educazione prendere almeno un caffè o un pacchetto di caramelle… Se uno tutte le mattine va al cesso del bar sotto casa perché è gratis acqua e sapone, non è mica logico/normale!
          Il vandalismo è da condannare sempre e comunque, però che la Sciura Bettina si senta nella ragione a scroccare ore di ricarica e impedire a chi fa la spesa di caricare nel tempo in cui fa la spesa, proprio non ci siamo! Incivile pure lei!

          • Che ne sai se la signora Bettina carica il lunedì e fa spesa grossa il martedì oppure ci va il marito con l’auto a benzina?

      • Quindi lei in due righe di commento ha già stabilito che io ho un auto elettrica e mi attacco alle colonnine gratuite dei supermercati come se non ci fosse un domani. A questo punto viste le sue capacità di divinazione le chiederei l’infinita cortesia di darmi i prossimi numeri del SuperEnalotto già che ci siamo. 😂😉

      • Esiste una cosa che si chiama ironia e richiede attenzione e intelligenza per essere distinta dal suo contrario.
        Mentre la frase “Colpirne uno per educarne cento” è una citazione di una certa ideologia, non fraintendibile.

        • E quindi? La massa va colpita ed educata…perché ricordati che in Italia chi si sveglia prima cerca di fottere gli altri. E questo non è ammissibile…bisogna avere rispetto degli altri.

          • Rispetto per gli altri è anche capire quando ci si è sbagliati, rispetto per se stessi invece è smettere di continuare a dimostrare pubblicamente che si è un certo tipo di persona che fa giustizialismo pur essendo incapace di giudicare e comprendere l’ironia.

  8. La prossima volta ci penserà a lasciare la macchina ore…alla faccia degli altri…e ci penseranno anche quelli che hanno letto l’articolo….che si sentono più furbi degli altri. Colpirne uno per educare 100…o forse 10. Ma va bene lo stesso. Quando devi svoltare a sinistra e sei in coda e arriva il solito furbo che sorpassa tutti a dx e poi svolta a sx…ma quanto è bello quando scende qualcuno e lo prende a schiaffi???

  9. Da possessore di auto elettrica posso dire per certo che ci vuole “un certo stomaco” o “faccia tosta” a lasciare l’auto in ricarica per ore mentre nel frattempo si è fare tutt’altro che la spesa. Poi c’è chi di incazza e si esprime con una parolaccia e chi invece si esprime con un coltello, alla giustizia terrena il compito di dirimere la questione.

    • Faccia tosta anche a chi usufruisce del parcheggio gratuito del supermercato per poi andarsene in centro a fare compere, o va a mangiare al ristorante lì vicino, così chi deve andare a fare la spesa non ha posto per mettere l’auto e chi tocca usare i parcheggi a pagamento vuoti, anche lì ci vuole una bella faccia tosta a prescindere dal tipo di alimentazione, però questo è tollerato perché fa comodo a molti, e i parcheggi sono esclusivamente dei supermercati, quindi tanto moralisti in un frangente e menefreghisti quando fa comodo.

      • Vuoi mettere occupare un posto su 500 ? Sei mai andato al supermercato e non hai trovato parcheggio?I posti per la ricarica magari sono 4…ma che cavolo di esempio è????

      • In effetti ho già visto un supermercato con parcheggio a pagamento, o meglio se hai lo scontrino che hai fatto la spesa si alza la sbarra altrimenti devi pagarlo.

  10. Mi unisco a chi sgrana gli occhi nel leggere commenti che giustificano una pratica palesemente criminale ed illegale come il danneggiamento volontariato della proprietà altrui a fronte di un comportamento, seppur sgradevole, comunque nei limiti della legalità… È come reagire ad una provocazione colpendo in faccia l’altro con un pugno, se incominciamo a giustificare queste cose per partito preso andiamo verso una palese involuzione culturale…

    • L’involuzione inizia parcheggiando a piacimento fregandosene degli altri…e poi ci si lamenta….ma tanto la colpa è sempre degli altri.

      • Non metto in dubbio che partiamo da un livello piuttosto basso, elettrico a parte noto una discreta inciviltà alla guida nelle città che frequento, se le rappresaglie sullo stile di quelle citate nell’articolo fossero altrettanto frequenti gommisti e carrozzieri avrebbero le ville in Sardegna…

  11. Hanno fatto benissimo
    La corrente la LIDL ce l’ha gratis? È un servizio per i clienti che stanno facendo la spesa, inutile far finta di non capire

  12. I soliti gesti vigliacchi, come rigare auto, magari quella del vicino antipatico. Il tutto ovviamente senza farsi vedere dal proprietario ed evitando lo scontro diretto… Prendersela con le cose é inutile, ancora non lo avete capito!

  13. E’ assurdo ognuno difende le proprie convenienze.
    L’idea che la colonnina gratuita sia a disposizione esclusiva di chi fa la spesa a me pare semplicemente ridicola. Così fosse il Supermercato provvederebbe ad istituire una procedura di certificazione magari ponendo anche un minimo di spesa.
    Considerate inoltre la varietà delle potenze di ricarica delle auto si vengono a configurare diverse situazioni.
    Ecco così lo zoeista (p.e.) che in un’oretta fa “mezzo pieno” e magari lo fa tutti i giorni, abita vicino si fa un giretto in pausa lavoro, compra un sacchetto di patatine e si sente moralmente apposto. E’ un cliente, occupa la colonnina per poco (relativo) tempo e viaggia gratis tutto l’anno.
    Non se la passa male nemmeno chi carica a 11 kWh, doppio sforzo ma risultato garantito.
    A scendere la cosa si complica, l’auto carica pochino o proprio poco… ecco e questa gente qua per quale motivo dovrebbe alterarsi? Forse perchè gli mancano fra i 15 ed i 30 Km gratuiti di autonomia? Lo trovo abbastanza ridicolo.
    E ritorno al concetto iniziale.
    Alla fine rimane solo il reato.

      • Lasciando da parte la politica, le colonnine gratuite dovrebbero essere limitate in potenza (3,6 kWh) e sestuplicate in numero.
        Ecco, così avremmo un perfetto servizio per chi fa la spesa e vuole recuperare 15 Km perchè altrimenti non torna a casa, il che salvo di per sè è abbastanza ridicolo.
        Rimango dell’idea che si lamentano coloro che, a parere mio erroneamente, avevano fatto affidamento sul quel servizio per ricaricare gratis e si erano presi l’auto adatta per meglio sfruttarlo.
        Alla fine 1 ora al giorno o 5 ore una volta alla settimana corrispondono sempre allo stesso sfruttamento della colonnina. Non vedo alcuna differenza.

        • Le colonnine sono, tecnicamente parlando, delle “prolunghe” (a norma).

          Se, per quelle a bassa potenza, a fianco del capo della prolunga, mettessero una scatola dove puoi mettere dentro le monetine, come quelle delle macchinette dove comperi le noccioline, la bottiglietta d’acqua, il tramezzino… non costerebbero 50mila euro l’una e ce ne sarebbero evidentemente decine di migliaia in più.

          Ma a noi interessa fare il pieno in 5 minuti come con la benza, mica salvare il mondo! Come diceva Boris Johnson all’inizio dell’epidemia, chi deve morire, muoia (e non ci rompa tanto le scatole).

          E poi i “poveri costruttori come Toyota e Stellantis” come farebbero a vendere le ibride fino al 2035? Gli opinionisti da bar come farebbero ad aggrapparsi alla paura di restare a secco con le elettriche perché non ci sono punti di ricarica? Se si fa capire al popolino che è tutto facile, come possiamo infinocchiarlo ancora per anni?

    • Ma se la colonnina è di proprietà del supermercato ed è nel parcheggio del supermercato…la logica dice che è a disposizione di chi fa la spesa nel supermercato…non ci va una laurea…se non ci arrivi è perché ti fa comodo

      • Diego: direi proprio di sì, frà l’altro nei supermercati che frequento c’è un limite temporale per la sosta (Lidl=2 ore, ALDI= 1 ora)

  14. Una considerazione: se fosse stata una Tesla forse avrebbe avuto il sistema di telecamere attivo. Perché le altre causa atomobilistiche non lo prevedono, nemmeno come optional? (solti discorso)

    • Una considerazione? Se hai la possibilità di spendere 40000€ per acquistare una Tesla, una BMW, una Mercedes lo trovo vergognoso lasciare l’auto giornate intere oppure andare in giro per i supermercati a scroccare ricariche! Lasciamo passare il messaggio che i furbetti sono da rispettare e la correttezza appartiene ai fessi! E saremo sempre vittme di noi stessi!

      • Io trovo vergognose queste risposte, se io sono proprietario nessun altro può discutere le mie scelte, in questo caso è Lidl proprietario di due cose il parcheggio e la colonnina anzi tre l’energia elettrica erogata, se va bene al proprietario chi siete voi per decidere diversamente, perché oltre alle colonnine ci sono tutti i parcheggi gratuiti e c’è scritto per i clienti non per non pagare i parcheggi.

        • In effetti la scelta di Lidl pare criminogena.
          Dovrebbero fare un contratto con un gestore e dare dei buoni per ricaricare l’account quando si fa la spesa.
          Le colonnine gratis purtroppo forniscono troppe occasioni di abusi.

          • Scelta discutibile ci sta, criminogena mi sembra eccessiva: offrono gratis un servizio ai clienti, come promozione. Forse sono abituati in Germania, paese in cui l’utenza è un po’ più disciplinata e responsabile, anche se (ironia della sorte) proprio tedesca è la proprietaria della BMW in questione…

          • @Mauro, sì in effetti ripensandoci bene la scelta non è criminogena. Forse è criminogeno l’abuso della colonnina come tanti altri abusi che non vengono limitati con altri metodi dissuasivi.

        • @Fabio M: ma il Lidl ti dice che la colonnina è riservata ai clienti e ti mette anche un limite di tempo, limite che vale anche per il parcheggio normale.

  15. L’anonimo tagliatore di gomme ha fatto semplicemente quello che noi pensiamo di fare, ma non ne abbiamo il coraggio, quando troviamo le colonnine occupate da scrocconi, furbi, paraculi, termiche, finti tonti, ignoranti, ecc..
    Certo poi l’educazione e l’autocontrollo non trasformano in azione il pensiero ma l’intenzione di punire i soliti furbetti rimane. Certo, ci piacerebbe che la punizione venisse cominata dalle forze dell’Ordine ma spesso sono assenti. Basterebbe il senso di civiltà (che Bettina ovviamente non conosce) per capire che quelle colonnine servono ai clienti che fanno la spesa per una ricarica veloce e ripartire. Il problema è che molti, come Bettina, nemmeno si rendono conto che quello che fanno è un comportamento antisociale. Anzi si è talmente stupita che l’ha pure presentata come se avesse subito un torto.

    • Ripetiamo quanto scritto sopra: l’idea di farsi giustizia da soli è inaccettabile, roba da Far-West. Quanto al chiamare le forze dell’ordine, l’idea è impraticabile: siamo su una spazio privato, di pertinenza della LIDL. LIDL che, stando anche a quanto scrivono altri lettori, al momento non sembra aver voglia di intervenire.

      • quindi, essendo di fatto uno scenario no win per chi aspettava ore il suo turno invano, dopo giornate ad assistere impotenti ai soprusi sopra citati, qualcuno è passato ai fatti… di sicuro, dopo 500 euro di danni, i tipi la macchina non la lasceranno più per ore ad occupare la colonnina a ricarica conclusa… ecco ripristinato lo status quo… io dico, severi ma giusti…

        • E chi aspetta ore il proprio turno per ricaricare l’auto in un supermercato?
          Che spesa faceva questo tipo, per l’intero condominio.
          Suvvia, se la colonnina è occupata te ne vai e se proprio la vuoi usare cambi orario, magari arrivi prima dei consueti orari di lavoro.
          Sempre che non sia troppo scomodo per il signore che si riteneva nel diritto di caricare in orari a lui più congeniali.
          Come se la sua fosse l’unica auto elettrica.

      • Non è così è già da tempo:
        Cassazione civile sez. III, 23 luglio 2009 n. 17279
        Una qualsiasi area privata aperta al pubblico è soggetta al codice della strada.
        Al Lidl a Forlì in viale Roma c’è pure il cartello di sosta massima di 2 ore.

    • Noi 🤔🤔 parla per te, io non ho mai pensato male di nessuno e neanche pensato di fare del male a nessuno, siamo civili o bestie mi sa la seconda ma gli animali non fanno del male a nessuno se non per necessità o pericolo personale, altrimenti sono pacifici, al contrario di noi, mi vergogno di essere umano vedenti queste risposte 😠😠

  16. Ora ho capito quell’articolo sull’odio verso i possessori di auto elettriche!! È di altri possessori di auto elettriche!! Io stento a credere a quello che leggo: un pazzo che taglia le gomme e fa 500 euro di d’anni (lasciare un biglietto educato e motivato avrebbe avuto un effetto molto più efficace, vi pare?), una serie di commenti acidi giustificazionisti, il tutto per una questione assurda di pochi centesimi posta da persone che spendono 50000 euro per un’auto.

    Ma anche a chi critica, chiedo: ma lo sapete che quello spazio è privato e l’unico che ha il diritto di lamentarsi è Lidl? Se a Lidl sta bene così voi MUTI dovete stare, bestie che non siete altro! Non è una ricarica comunale (e anche lì gli unici a intervenire sarebbero i vigili) ma è di un privato che la gestisce come cavolo vuole!! O fuori c’è un cartello che chiede aiuto a voi privati di fare giustizia come nel fare west? Visto come ragionate malissimo, all’inferno vi aspetta un’interrogazione sul diritto civile e ogni volta che sbagliate risposta vi tagliano un pezzettino…

    Siete davvero esauriti…

    • Stai generalizzando, non siamo tutti esauriti, ma solo l’autore del taglio. Se poi uno pensa “gli sta bene, così impara a fare lo scroccone” è normale credo.

      • Non mi sembra nulla di normale, è come se i giovani cominciassero a tagliare le gomme a tutti quelli che inquinano perché sanno di farlo ma continuano ad oltranza e il problema se lo ritroveranno i giovani
        Sarebbe giusto e normale questo, pensa che chi lo fa è da premiare perché ha avuto il coraggio di farlo 🤔🤔🤔🤔

        • Più di uno dalle mie zone per evitare i furbetti che non vogliono pagare i posteggi pubblici; quelli che hanno poi le colonnine di ricarica gratuite le devi prenotare alla direzione del centro commerciale.Vail al centro commerciale, fai shopping, magari ti fermi al bar o al ristorante ricarichi gratis altrimenti picche e mi par giusto e corretto perché dedichi il servizio ai clienti fidelizzati, non ti piace paghi. Poi il gesto vandalico è sempre da condannare e se veniva beccato era legittimo rompergli almeno le gambe

          • No, non sarebbe stato affatto legittimo, sarebbe stato un altro crimine, e peggiore perché commesso su una persona anziché su una cosa.
            Per chi si lamenta che vede la società degenerare, questo è l’esempio più lampante: si comincia con un abuso, si risponde con un crimine e si continua con un crimine ancora più efferato.

      • Scrocconi lo sono tutti coloro che usano o vorrebbero usare le colonnine gratuite, io stesso per un certo periodo mentre mi sistemavano la ricarica a casa ne ho fruito. Ma anche quando le trovavo occupate da delle ibride mai ho pensato che stessero ledendo un mio diritto.
        Perchè nessuno HA IL DIRITTO di caricare gratuitamente.
        Pensa al caso di 10 auto elettriche nel parcheggio ed una sola presa gratuita, non avrebbero tutti lo stesso diritto? Eppure carica solo uno.
        E, se vogliamo, quelle colonnine sono pagate anche da chi usa auto termiche o vogliamo pensare che per il supermercato sia un servizio in perdita?

        • 120 miliardi di euro di evasione stanno a dimostrare che, salvi quattro gatti, siamo un popolo “culturalmente” di scrocconi.

          Per dire che cosa intendo con “culturalmente” ricordo che ancora oggi il TG1 delle 20 chiama “furbetti del cartellino” quelli che truffano lo Stato.

    • Il fatto che Lidl non sia ancora intervenuta non vuol dire che sia favorevole ad un utilizzo come quello fatto dalla signora che si è trovata la gomme squarciate. Certo sarà Lidl a dover fare qualcosa, ma sarà diritto di ognuno di noi, lamentarsi come dicono altri lettori, nel trovare sempre per molte ore delle auto a caricare. Tutte quelle rimostranze porteranno sicuramente la società a prendere provvedimenti e lo trovo più che giusto. Io non ho mai caricato una volta a gratis in vita mia, ma detesto i furbetti che utilizzano stalli di ricarica anche se privati (comunque non di loro proprietà e di onseguenza fruibili per loro tanto quanto gli altri) come posti auto personali per ricarica o per la sosta.
      Purtroppo quello che non ti è chiaro definendo bestie i più è che a te come ad altri manca il senso di educazione civica. Perché se tutti l’avessero non ci sarebbe stato questo articolo. Poiché la signora avrebbe caricato solo mentre faceva la spesa, e il delinquente che le ha squarciato le gomme non avrebbe avuto alcun motivo di commettere un atto illegale e riprovevole. Impariamo tutti ad essere persone migliori…
      Oltretutto quanto al discorso del cartello sono certo che fuori ci sia stato come.in molti supermercati un cartello per quanto riguarda la sosta, dove si evince che quello non è un parcheggio pubblico ma privato e che la sosta è riservata a chi va a fare la spesa. Motivo per cui se stai dentro e carichi e non fai la spesa stai commettendo un “reato” in quanto non dovresti essere lì. Poi se ritieni che comprare un pacchetto di cicche. Ti autorizzi a sostare in giorni intero senza pagare la sosta e ricaricando, benissimo complimenti al bel mondo che ti sei costruito.

      • Ma quindi al ladro che ti ruba in casa e scappa tu che fai, gli spari alla schiena? A quello che parcheggia in doppia fila gli sfondi il parabrezza con una mazza da baseball? Al vicino che sta facendo una festa rumorosa gli stacchi un orecchio a morsi?

        Dovrebbero insegnare legge a scuola. Se io ricarico a scrocco alla Lidl per legge io non ti ho fatto nulla a te, al più la Lidl potrebbe lamentarsi e chiedere un risarcimento del danno dovuto. Tu, che quindi non hai nulla a pretendere da me, commetti un reato penale (atto vandalico e violenza privata): ce la vedo solo io una sproporzione?

          • In Afghanistan e in qualche paese sottosviluppato mediorientale si può fare, nel resto del mondo è illegale. Però c’è sempre spazio per iniziative pronte a rinnegare anche le regole basilari di civiltà, negli USA stanno per vietare di nuovo l’aborto, perché mai non dovremmo ripristinare il diritto di uccidere ladri o criminali, la legge del taglione e lo ius primae noctis?

        • Non esageriamo: al ladro che entra in casa per legge dovrebbe essere consentito la difesa della proprietà anche con le armi da fuoco e anche alla schiena all’interno della proprietà privata. A me sono entrati i ladri in casa e ti garantisco che per questa feccia umana la pena di morte sarebbe un efficace deterrente, che andassero a lavorare come facciamo tutti. Riguardo alla signora che scrocca una ricarica in bmw alla Lidl: semplicemente ridicola e completamente staccata dalla realtà sociale. Sarà la stessa che parcheggia negli stalli dei disabili o delle famiglie e non ha figli… Perché per lei è un omicidio senza il morto

          • Anche a me e mia moglie era sola in casa. Per i ladri che si limitano a rubare (e a scappare) il giusto deterrente deve essere un periodo di 10 anni in carcere, non certo l’omicidio. Anche se mia moglie è ancora sotto shock per quanto accaduto (con tutti gli strascichi emotivi che puoi immaginare, a partire dal fatto che ora casa nostra sembra Fort Knox con inferriate in acciaio e antifurti), comunque mai mi augurerei la morte di una persona, soprattutto se non c’è stata violenza fisica.

        • Enzo tu parli di legge e da quel punto di vista tecnicamente hai ragione…. ma il senso civico è un’altra cosa è non si può limitare a ciò che prescrive o vieta la legge….. La legge altrimenti la legge dovrebbe regolare per filo e per segno ogni nostro comportamento, dovrebbe dirci anche come andare al bagno..
          Per esempio non esiste alcuna legge che obblighi a lasciare il posto a sedere ad un anziano su di un mezzo pubblico quindi chi non lo fa non commette alcun abuso ma di sicuro non ha neanche un briciolo di senso civico…. La legge si occupa degli “abusi” altre una certa gravità ma ciò non toglie che sotto ci sono una miriade di comportamenti meno gravi che ognuno di noi dovrebbe evitare per semplice dovere morale, semplicemente perchè dovremmo essere un tantino più evoluti degli animali che invece molte volte ci insegnano cosa vuol dire comportarsi a livello sociale…
          In queste situazioni chi si appella solo al “la legge non lo voeta” è proprio chi il senso civico non sa neanche dove sta di casa e ragiona unicamente su “rischio una multa o peggio oppure no”…
          Con questo non voglio dire che chi ha tagliato le gomme ha ragione o è “scusabile, io avrei aspettato il proprietario e gli avrei detto in faccia cosa penso di lui per esempio, ma questo non assolve il proprietario dell’auto dal fatto di non avere alcun senso civico. Cosa che ok siamo d’accordo che non è un illecito punito dalla legge ma, almeno ai miei occhi è una cosa altrettanto grave.

          • Sì Moreno ma infatti sono piani diversi. Il problema qui è la reazione spropositata. Se un ubriaco entra in un locale e fa pesanti apprezzamenti alla cameriera è certamente un gesto riprovevole, se il padre di questa va a casa dell’uomo, fa una strage, prende l’uomo, lo scuoia vivo e gli cava gli occhi, perdonami, forse è una reazione esagerata.

            Qui è ancora peggio: c’è una persona che ha usato una colonnina di un privato (se impropriamente neanche è dato saperlo perché è LIDL che dovrebbe dirlo e invece non lo dice, c’è dunque anche il sospetto che magari a LIDL stia bene così), comportamento che NON costituisce né un illecito civile né un reato (al più, ma è tutto da dimostrare, un atto eticamente riprovevole), e di contro c’è una reazione che è un reato penale. Ci rendiamo conto che c’è una enorme sproporzione tra i 2 atti?

            Ti faccio 2 domande: nello sport come viene punito il fallo di reazione? Nel paese in cui vivi, vorresti che le persone si facciano giustizia da sé, col rischio che un domani sia tu il giustiziato da un qualche moralizzatore di qualche tipo, magari un vegano che ti ha visto mangiare una bistecca?

          • @Moreno: e aggiungo “la legge lo vieta”, il parcheggio è riservato e c’è un limite alla sosta. E col nuovo codice della strada il tutto sarebbe sanzionabile, Lidl o non Lidl.

          • Enzo dimmi dove ha visto cge io ho giustificato il tipo cve ha squarciato le gomme????
            Non mi sembra proprio di averlo detto o solo lasciato intendere! Non ho dato una minima scusante o giustificazione al suo reato per cui si merita quel xhe si merita e spero cge lo becchino… però penso che la povera signora propretaria della BMW elettrica non è che sia questa santarellina incolpevole, sicuramente la punizione è stata proporzionata ma non per quedto è esente da colpe…. E ho semplicemente fatto presente che difendersi/difenderla nascondendosi dietro la frase “non è contro la legge” è sintomo di mancanza di senso civico perchè non dovrebbe servire una legge per riconoscere che il suo comportamento è incivile…. mi sembra un concetto abbastanza semplice da capire….

      • Se le lascia gratuite è esattamente quello che vuole. Avranno sicuramente messo in conto qualche comportamento scorretto da parte di altri, ma evidentemente, a livello statistico, è molto più probabile che chi goda della colonnina spenda all’interno del negozio aumentando l’utile. Se così non fosse sono certo che avrebbero già agito diversamente. Dice bene Enzo e chi come lui sostiene che a casa propria decide il padrone.

          • Quindi confermi che Lidl e gli altri se ne fregano di chi carica e quanto carica.
            Decade a questo punto ogni possibilità di rivendicazione.

          • @zi ti: Lidl o non Lidl, il parcheggio è riservato (e qui non si hanno mezzi sicuri di accertamento) ma c’è il limite di tempo e questo è sanzionabile. Indipendentemente da quello che pensa Lidl.

    • Sig Enzo, mi dispiace, ma questa volta non posso essere d’accordo con lei! Questo lascia passare il messaggio che chiunque può non solo caricare l’auto a scrocco per tutto il tempo che gli pare! Ma chiunque può anche parcheggiare l’auto nei posti riservati ai diversamente abili (Brumotti insegna); e chiunque può parcheggiare nei posti riservati alle donne in gravidanza ecc ecc. Solo perché il parcheggio è privato ed ognuno fa quello che gli pare? Onestamente, non mi pare corretto!
      Anche io sono possessore di una EV; e non mi sognerei mai e poi mai di lasciare l’auto in carica a scrocco per ore ed ore lì mentre io vado in giro per la città per fatti miei, solo perché la cosa fa comodo a me! Allora facciamo pure passare il messaggio che è giusto che il mondo è dei furbetti! Mentre la persona corretta è un povero fesso!
      Con questo, condanno anche chi taglia le gomme o reca danni all’auto del furbetto! Ma mai fare passare il messaggio che il parcheggio è privato, il punto di ricarica è gratuito e quindi, per libero arbitrio, io posso lasciar l’auto lì in carica per 4 ore, o magari per 8 ore, tanto il piazzale è privato!
      Ma ho bisogno del poliziotto messo lì che mi dice cosa devo o non devo fare? Oppure devo essere io a capire che non sono l’unica persona che esiste su questo mondo e che per decenza, è giusto che anche gli altri possono usufruire di un servizio?

      • Antonio i posti dei diversamente abili sono tutelati dalla legge. Le colonnine ad uso gratuito della Lidl no. Tra l’altro tutti voi state fingendo di non notare un assunto, ovvero che il proprietario della Lidl sarebbe sconvolto, disgustato e arrabbiatissimo per il comportamento dell’utente: e se così non fosse? Visto che la LIDL non prevede alcun controllo, chi vi dà diritto a pensarla così? Se invece lo stesso Sig. LIDL volesse offrire un servizio diverso, aperto agli “abusi”, consentendo la ricarica gratuita per ore anche a chi fa la spesa per pochi minuti o addirittura a chi non è cliente del supermercato, magari con la speranza che lo diventi?

        Con la scusa di interpretare la volontà del proprietario della Lidl, in realtà voi state giustificando il vostro desiderio di poter usufruire di un servizio che NON E’ UN DIRITTO (come invece il parcheggio del disabile). Voi NON siete proprietari del supermercato e dei suoi servizi e non tocca a voi sanzionare, punire e interpretare la volontà altrui.

        Anche perché, cari miei, voi avete le colonnine a pagamento! Andate a pagare così non restate a piedi! Il disabile che non trova il posto libero sotto casa è costretto a parcheggiare lontano e farsela in carrozzella, voi che scusa avete?!?

        Applicando la stessa logica, se c’è un parcheggio in centro con pochi posti non a pagamento e c’è un’auto parcheggiata da 4 ore che facciamo, gli andiamo a bucare le gomme? La spingiamo sulle strisce blu?

        Ricapitolando: le colonnine della LIDL sono un servizio PRIVATO, non PUBBLICO e quand’anche fosse PUBBLICO voi non siete il braccio armato della legge.

        • Assolutamente perfetto!!!
          La gente è impazzita.
          Per risparmiare qualche € accusano altri di voler risparmiare qualche €.
          E magari la Signora a casa non ha possibilità di ricaricare (errore madornale!!!) ed il “bucatore” sì.

        • @Enzo: le colonnine della Lidl sono in spazio privato ma aperto al pubblico e sono soggette al codice della strada. Se c’è e c’è sempre, un limite temporale alla sosta (sarebbe anche per la sosta normale), questo è sanzionabile dalla municipalità, non dalla Lidl.
          E’ sanzionabile dalla municipalità, non dal privato 😁😜
          Cassazione civile sez. III, 23 luglio 2009 n. 17279
          Una qualsiasi area privata aperta al pubblico è soggetta al codice della strada.

          • @Daniele CL,
            Mai sentito che tutti i parcheggi liberi in strada abbiano un limite di tempo.
            Ci sono auto parcheggiate da settimane e nessuno si sogna di fare multe…
            Proprio non capisco quello che vuoi dire.

          • @Pietro: i parcheggi liberi in strada sono una cosa, i parcheggi Lidl e Aldi che frequento qui a Forlì hanno un limite temporale, in quello ALDI è intimata anche la rimozione dopo il limite di 1 ora. Teoricamente bisognerebbe mettere il disco orario.
            https://www.google.it/maps/@44.2114188,12.0664311,3a,75y,188.23h,90t/data=!3m6!1e1!3m4!1sf4n9xyCzQDPzwyjaImWseQ!2e0!7i16384!8i8192?hl=it
            se zoommi, al terzo lampione, di lato alla Citroen bianca, riesci a distinguere il cartello di disco orario, fidati, è 2 ore.
            C’è poi la nuova norma del codice della strada che multa l’occupazione di postazioni di ricarica, dalle 7 alle 23, dopo 1 ora dal completamento della carica e personalmente ho visto più volte auto in carica da più di 400 minuti.

  17. Milano via Adriano, colonnina con due stalli sempre tenuta in funzione da lidl, spesso alle 8 del mattino, il sabato solita Tesla bianca “abbandonata” per 300-400 minuti e forse anche più è meno male Lidl chiude ed alza i dissuasori altrimenti la lascerebbero lì tutta la notte come accade al lidl di Viale Sarca di Sesto San Giovanni – Milano, qui ci trovi per 400-500 minuti alcune plugin già lì presenti alle 8 del mattino!
    È un anno che scrivo a Lidl di adottare il sistema di alcuni Decathlon, lasci un documento di identità e loro ti danno una tessera per la loro colonnina con massimo 2 ore di ricarica gratis. Niente da fare Lidl continua ad inviarmi numeri di pratiche per il reclamo e basta non succede niente. Il sottoscritto ha una piccola autovettura elettrica e la tiene in carica il tempo della spesa, mi bastano i 30 /40 minuti di ricarica, l’auto non si abbandona alle colonnine gratis, abbandonatele a quelle a pagamento o caricatevela a casa vostra!

    • Caro Giuseppe la Lidl ti sta mandando risposte blande perché non gli interessa, fai come me carica a casa e non ti preoccupare se la colonnina loro è occupata 🤷🤷

  18. puniscine 1 per educarne 100… perchè contro l’inciviltà non c’è legge che tenga, sopratutto quando quest’ultima non viene fatta rispettare… fa schifo ma sembra funzionare… quei 2 ora ci penseranno 4 volte prima di occupare una colonnina… d’altra parte continuo a pensare che, dopo un ora di stallo e carica gratuita, il punto vendita dovrebbe far pagare salato lo stallo…

    • Fermi tutti: l’idea di “farsi giustizia da soli” non fa parte della filosofia di questo sito, è veramente aberrante. Il gesto di tagliare le gomme è aberrante e inaccettabile.

      • E altrettanto aberrante che ci siano persone che pensiamo che sia corretto 🤦🤦
        Se siete frustrati andate dallo specialista ne gioveranno tutti voi e la comunità.

      • Come ho risposto in altre occasioni, i miei pensieri verranno puniti da Dio, ma le mie azioni dalla Giustizia terrena.
        Personalmente credo che la maggior parte delle persone non risponderà mai a queste “ingiustizie” con azioni di vandalismo, ho sempre rispettato le cose degli altri, nel caso di auto faccio attenzione alla mia auto ma non mi permetto di creare alcun tipo di danno all’altra. Detto queste parole che per molti di voi non hanno alcun senso perchè non mi conoscete, condanno l’atto degli imbecilli ma pregherei coloro che usufruiscono di questo cortese servizio di Lidl di essere umili e poco egoisti con il prossimo, poi se le cose andranno a peggiorare mi auguro che Lidl li tolga o li metta a pagamento con le tariffe correnti così pace per tutti.

        • Dio non esiste per quello vi parate il culto così, le leggi invece esistono e vanno rispettate, gli atti di vandalismo sono reati, caricare l’auto al momento no 🤷 perché non è una colonnina a pagamento, se no vale per tutte le cose gratuite.

      • È inaccettabile farsi giustizia da soli e sono d’accordo! Ma sono anche d’accordo sul fatto che è altrettanto inaccettabile la cattiva educazione di molti! Mia moglie ha cercato di combattere per 6 anni un male, ahimè senza alcun successo! È deceduta nel 2010! Ebbene, in qualsiasi posto andavo, c’erano le solite auto dei soliti cafoni di turno, parcheggiate (senza tagliandino di portatore di handicap) negli spazi dedicati ai diversamente abili! Pertanto, io ero costretto a parcheggiare spesso, anche a centinaia di metri di distanza e spingere la sedia a rotelle anche sotto la pioggia! Spesso, la mancanza di rispetto dei cafoni nei confronti del prossimo (io personalmente) lo trovo peggio di un pugno in faccia! Ringrazio che fino ad oggi, a 66 anni, godo ottima salute, e mi posso fare due passi tranquillamente senza aver di bisogno dei parcheggi per i diversamente abili! Ma vedo sempre la cafonaggine di tante persone che pur stando meglio di me, parcheggiano ovunque! Posto riservato ai diversamente abili, posto riservato alle donne in gravidanza, posto riservato ai punti di ricarica, passi carrabili, scivoli per le sedie dei diversamente abili e non può ovviamente mancare chi mette la EV nei centri commerciali o nei supermercati (lidel o altri per esempio) giornate intere per scroccare qualche € di energia elettrica gratis! E guarda caso, di solito, sono possessori di auto che costano oltre i 35000€! Anche io, con la mia piccola EV, la carico nei centri commerciali o nei supermercati (dove possibile)! Ma la lascio in carica giusto il tempo per fare le compere; forse 15, 20, 30 minuti o forse anche un ora al centro commerciale, ma poi vado via! Mai e poi mai abbandonerei la EV per giornate intere per ricaricate 40 o più kWh a scrocco! Agire così, non è indecente, ma da maleducati!
        Ora, me ne potete dire di tutti i colori, io la penso così: Abbiamo perso tutti quando trattiamo gli onesti come fessi ed i disonesti come persone da rispettare!
        Buona sera a tutti.

  19. Condivido che il danneggiamento e’ un atto incivile pero’ abbandonare per ore l’auto a ricaricare e poi giustificarsi che “anche gli altri fanno cosi'” oppure siamo clienti abituali del Lidl….
    e’ un atteggiamento da CAVERNICOLI.

  20. Tagliare le gomme non è stato un bel gesto però ragazzi sta storia di andarsi a caricare la macchina a gratis nei supermercati ormai è diventata una cosa vergognosa. Trovo persone sedute in macchina che ricaricano l auto al mio arrivo al supermercato ( dove vado a fare la spesa) e le ritrovo ancora in macchina che ricaricano quando me ne sto’ andando dopo più di un’ora di spesa.

      • Se stai 200-300-400 minuti attaccato é una cosa vergognosa, perché quelle colonnine vanno utilizzate per il tempo della spesa, in modo che possono essere utilizzate da diversi clienti. Dalle mie parti non sono accaduti atti vandalici, ma cavi scollegati e riposti a terra o sul parabrezza dell’auto si. Personalmente non mi permetto di lasciare neanche un cartello sull’auto perché non ho alcun diritto di farlo. Gli unici che possono fare qualcosa sono quelli del Lidl, ma non fanno niente.

      • Bisogna vedere se le persone sono rimaste sull’auto in fase di ricarica solo per fare la guardia mentre altri passeggeri fanno la spesa.. Perché in effetti se hanno messo l’auto a caricare senza fare la spesa, la situazione cambia.. in peggio.

      • Lidl ha installato quelle colonnine per i PROPRI clienti, non per chiunque; e solo per il tempo necessario a fare la spesa.

        Vergogna dovrebbe provare chi non va a fare la spesa, e chi di conseguenza si trattiene oltre l’orario necessario a farla (già che non la fa, anche un solo minuto è di troppo).

        Che poi il signore in questione vergogna non ne provi, non ci possiamo fare niente.

        Comunque massima solidarietà alla signora dalle ruote bucate, anche se non avrebbe dovuto usare la colonnina in modo improprio; purtroppo queste cose succedono a prescindere del problema elettrico / punti gratuiti, che detto da noi spero sparisca o o vengano regolamentati un po’ diversamente (tipo attivazione da app e con punti spesa)

    • Marco, condivido e sono pienamente d’accordo! Anche io li vedo (fino ad oggi) parcheggiati con la EV in carica, seduti al posto di guida a leggere il giornale per ore ed ore!
      Oggi, sono arrivato al supermercato (non faccio il nome del negozio) c’era il solito scroccone di turno, parcheggiato con l’auto in carica, seduto al posto guida a leggere il giornale! Tempo di fare la spesa, posare le buste in auto, scollegare il cavo ed andare via! Sarà stato circa 40 minuti? Il furbetto era ancora lì anche quando sono andato via! Abbiamo perso quando si da del fesso alla persona onesta e bravo all’approfittatore!

  21. Siamo nel 2022, basta usare la tecnologia per limitare gli incivili.
    Se esci con uno scontrino perché hai fatto la spesa allora la carica è gratuita, altrimenti la paghi a caro prezzo.
    Già diversi supermercati fanno così da anni per i parcheggi.
    Resta il fatto che il gesto del taglio gomme testa incivile e da condannare

  22. Premetto che ricarico sempre a casa e quindi non ho alcun interesse personale nell’argomento. Detto ciò tagliare 2 gomme (tra l’altro senza aver prima avvisato) è un gesto da codardi, perché non hanno coraggio di affrontare di persona, e di stampo mafioso.
    Occupare la colonnina per oltre 3 ore non è educato, ma non è vietato da nessuna legge. Non c’è scritto da nessuna parte che sia da usare solo per n ore o per fare la spesa. Se alla Lidl va bene così non è affare nostro decidere cosa sia giusto o meno.
    Questa mentalità per cui ciascuno è giudice ed esecutore delle proprie leggi morali è una deriva pericolosa, e i commenti su questo articolo ne sono parzialmente conferma.
    Se uno fa una cosa illegale, vedi parcheggiare in uno stallo di ricarica, si chiama la polizia. Non si taglia una gomma.

  23. a “regalare” alla fine questo ottieni..
    gente che se ne approfitta e altri che per “giustizia” vandalizzano.
    basterebbe che la carica fosse regolata da un timer sul tempo di un ora, passata la quale cessa l’erogazione: chi sta facendo la spesa ha tutto il tempo (non ditemi che state ore e ore), chi pensa -da pezzente, a parer mio- di caricare gratis per una giornata, alla fine non la porterebbe più (forse 🤷‍♂️).

  24. Ritengo che gli unici che possono definire se sia corretto o pure no l’occupazione delle colonnine per ore, sono solo i proprietari di esse in questo caso Lidl se sta bene a loro nessuno deve discutere, se non gli sta bene fa come altri con le tessere fedeltà o assimili e se fai spesa sono gratuite per un certo periodo di tempo se non fai la spesa paghi come una qualsiasi colonnina, quindi soluzioni ci sono se uno vuole limitare gli eventuali abusi.

    Ma il gesto che è stato fatto è da condannare in assoluto con pene esemplari, una pena di 100 ore socialmente utili sarebbe il minimo, così forse entra in testa.
    Oltretutto perché con targa straniera visto che di fianco c’era solo il biglietto senza danni, ci facciamo riconoscere anche all’estero 🤦🤦🤦

    • Nessuno ha il diritto di toccare o danneggiare un bene altrui.
      Ma non sono d’accordo con quello che dici. Il danno lo fanno al supermercato che usa la ricarica come specchietto delle allodole per clienti elettrici. Se parcheggiano fisso auto che non comprano CERTAMENTE il supermercato è danneggiato.la verità è che per colpa di persone così che lasciano auto più di 4 ore per scroccare pochi euro di energia senza nemmeno fare la spesa, tutti noi dovremo poi andare dentro al supermercato, farci arrivare la colonnina o farci dare un gettone per ricaricare, proprio per evitare furbetti simili. In secondo luogo il danno è fatto a quegli utenti che pensando e scegliendo di andare in quel super per fare la spesa e.caricare quanto basta, trovano perennemente le solite auto che fanno le furbe. Completamento davvero spregevole (per me tanto quanto il danno che hanno subito).
      In terza battuta non credo che sia stata danneggiata l’auto con targa straniera in quanto tale, ma piuttosto perché forse (immagino a seguito di quanto detto dai proprietari nell’articolo) recidivi.

      • Guarda con la ricarica che fai nel tempo di fare la spesa guadagni pochi km, a conti fatti non ha senso, se ci metti molte ore ma mi sembra una forzatura, le colonnine servono solo ad attirare le persone non in quanto carica ma in quanto logo guardano al futuro green, è una questione di immagine che costa meno della pubblicità

          • Esatto… Caricare a 11kw gratis, non è male, 22 magari con alcune auto elettriche… se fai un ora di spesa hai comunque fatto 11/22kw di pieno, non ti è costato nulla e non hai perso tempo visto che stavi facendo la spesa.

          • Si le colonnine sono da 22kw ma la 500e carica a 11kw la zoe non ne ho idea, ma il mio pensiero è che comunque se non sono con scarsa autonomia non ha senso perdere tempo, io ho avuto la promozione di telepass con una carica gratuita tutti i giorni e l’ho usufruita solo per imparare a usare la colonnina 4€ di energia in tre ricariche, ne ho spesi più al bar nel attesa.
            Io resto con il discorso è una colonnina privata ad uso pubblico solo il proprietario ha diritto di veto se va bene a lui DEVE andar bene a tutti.

            La cosa che mi fa più male è vedere tutta la cattiveria che ha l’essere umano.

          • Spesso la ricarica lidl avviene anche a soli 3 kW ( via Gramsci, Reggio Emilia) e probabilmente dipende dalla fascia oraria.

          • Il che porta a compimento l’idea di viaggiare gratis tutto l’anno.
            E sono coloro che si lamentano di altri…
            A questo punto meglio 5/6 colonnine da 3,6 kWh, servizio esteso e poca convenienza per chiunque.
            Che, forse, per una vera mobilità elettrica sarebbe la soluzione migliore, colonnine in ogni posto auto con tariffa uguale o di poco superiore ai contratti casalinghi.
            Chi non può a casa ricarica, nei parcheggi (lavoro, supermercati, stazioni…)… altro che ricariche gratuite.

    • Lidl potrebbe attuare una politica di contenimento cosi: se hai fatto la spesa, paghi con il gettone che ti danno altrimenti con le tue monete o c/c

    • Sono perfettamente d’accordo con lei Apiso, veramente ridicolo e penoso attaccarsi per ore ad una colonnina di un supermercato per pochi euro di corrente gratis .

  25. Detto sinceramente, hanno fatto bene. Io capisco che è esagerato tagliare le gomme, ma se dopo aver letto il cartello sei così testardo (e aggiungo maleducato ed incivile) da voler comunque caricare lì perché “lo fanno pure i vicini di casa e siamo anche noi clienti”, allora te lo meriti. Tanto sappiamo benissimo che sarebbe del tutto inutile chiamare i carabinieri, non potrebbero e non farebbero comunque nulla. Se non con le buone, magari con le “cattive” anche sti scrocconi lo capiscono.

  26. Penso che tagliare le gomme di una macchina sia un gesto spregevole che va fortemente condannato. Però le persone dovrebbero essere fortemente educate. Trovo vergognoso l’utilizzo di una colonnina del supermercato tra l’altro gratuita,per lasciare in sosta prolungata una vettura.
    Quella colonnina è per l’utilizzo dei clienti non in senso assoluto, ma di quelli che stanno facendo in quel momento la spesa e colgono l’occasione per ricaricare 30/60/Max90min mentre stanno facendo compere. Purtroppo i proprietari di questa i3 sono stati incivili nei confronti della collettività e della proprietà della colonnina, non meritavano di subire un simile gesto vandalico ma dovrebbero interrogarsi se paga cercare di essere sempre i furbetti (tipico nel nostro paese).
    L’altro giorno ho lasciato un biglietto al proprietario di una Tesla che occupava in pieno centro a Milano una colonnina elettrica funzionante senza caricare,dicendo che quelli non era un posto auto, ma uno stallo di carica. Certo che se iniziamo tra di noi ad avere simili comportamenti il nostro mondo elettrico sarà sempre più difficoltoso.

  27. BASTA RICARICHE GRATUITE!!!
    Io sono del parere che le ricariche vanno pagate: già costa poco girare in elettrico, perché bisogna indurre i cittadini a diventare pure scrocconi?
    I supermercati farebbero bene a registrare le proprie colonnine nei circuiti di roaming standard, in modo da non richiedere tessere particolari, e far pagare, ad esempio:
    0.20/kWh per le prime 2 ore al giorno
    0.40/kWh per le successive ore
    In questo modo può essere conveniente per il cliente caricare allo stesso prezzo di casa, e per chi è in viaggio potrà fare una sosta al lidl per ricaricare un po’ l’auto, sapendo che se la ricarica dura di più (perché nel frattempo si sta visitando la città) pagherà l’energia come nelle altre colonnine pubbliche.
    Vorrei andare nelle prossime settimane a Lubiana, in Slovenia: anche li ci sono numerose colonnine gratuite lungo le strade: ma ti pare che, dopo essere arrivato li grazie all’energia del fotovoltaico di casa, non possa pagare SOLO 25€ per ricaricare l’auto per poi tornare a casa?

    • se io LIDL ho piacere e decido che mi conviene regalare della corrente elettrica a chi mi pare
      mi spieghi la differenza dal
      LIDL che regala i piatti ai clienti che fanno la raccolta punti?

      • /// la differenza dal LIDL che regala i piatti ai clienti che fanno la raccolta punti? \\\ Non si puó paragonare la ricarica gratis per tutti ai premi per chi completa la raccolta punti.. Sarebbe come regalare i piatti o altro a chiunque si presenta nel parcheggio del supermercato. Si vede che per i proprietari del punto vendita la corrente costa meno dei piatti 😉

    • Ciao Paolo, come scritto da altri molti supermercati si stanno adeguando chiedendo scontrino di spesa per poi nel caso addebitare la ricarica. In ogni caso penso che le colonnine da supermercato siano per chi si reca in quel supermercato a fare la spesa. Non per lasciare lì auto e andare a fare giri in centro città. (Tra l’altro non sono quasi mai in centro città questo tipo di supermercati). Ovviamente le varie catene decideranno il da farsi per conto loro, ma non credo che abbiamo interesse nell’aprire a persone che si recano al super solo per caricare, nemmeno a pagamento.

      • I supermercati Possono rilasciarti al pagamento un Token per la prossima volta che verrai, altrimenti attivi pagando di tasca tua.

  28. Il taglio delle gimme non e’ assolutamente giustificabile, ma non lo e’ nemmeno occupare la postazione per 4 ore.

      • Diciamo che un’auto viene resa inutilizzabile sia tagliando le gomme che impedendo di ricaricare (se è elettrica con batteria scarica) peró le spese di ripristino sono molto maggiori in caso di danno “fisico”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome